Home
Account
  Autori· Saggistica· Narrativa· Comics· Speciali· Cinema· Interviste· Musica CERCA   
     
Menu Principale

News precedenti

Venerdì, 05 febbraio
· Il Gondoliere
Venerdì, 15 gennaio
· Cinema d'animazione: tre esempi francesi
Mercoledì, 16 dicembre
· Fumetti Digitali
· VITA IN LETTERE (Novembre)
· VITA IN LETTERE - Ottobre 2009
Venerdì, 04 dicembre
· Il quinto principio di Vittorio Catani su Urania
Venerdì, 06 novembre
· Dalla fantascienza alla guerriglia mediatica
Martedì, 03 novembre
· De ''Gli Inganni di Locke Lamora'' e di altre stronzate...
Venerdì, 30 ottobre
· La narrativa di Ted Chiang
· VITA IN LETTERE - Settembre 2009
Martedì, 27 ottobre
· CORRADO MASTANTUONO - Tra Tex e Paperino: il disegnatore dei due mondi
Domenica, 11 ottobre
· Fissione
Domenica, 04 ottobre
· Yupanqui
Giovedì, 24 settembre
· VITA IN LETTERE - Agosto 2009
Martedì, 22 settembre
· VITA IN LETTERE (Agosto)
Martedì, 15 settembre
· Le lezioni sempre ignorate della Storia
Lunedì, 14 settembre
· Isole
Giovedì, 03 settembre
· I 10 libri da riscoprire
· VITA IN LETTERE (Luglio)
· VITA IN LETTERE - Luglio 2009
Sabato, 11 luglio
· L'ermetismo nei lavori di Alexey Andreev
Giovedì, 09 luglio
· VITA IN LETTERE (Giugno)
Domenica, 05 luglio
· I ciccioni esplosivi
Mercoledì, 01 luglio
· VITA IN LETTERE - Giugno 2009
· Futurama
Domenica, 21 giugno
· Venature
Domenica, 31 maggio
· VITA IN LETTERE (maggio)
Sabato, 16 maggio
· Il bacio della Valchiria
Giovedì, 14 maggio
· VITA IN LETTERE - Maggio 2009
Giovedì, 07 maggio
·

City of steel, city of air

Martedì, 28 aprile
· VITA IN LETTERE (aprile)
Lunedì, 27 aprile
· Ritratto di gruppo con signora
Martedì, 21 aprile
· L'ultima possibilità
Lunedì, 20 aprile
· J. G. Ballard
Giovedì, 16 aprile
· La voce nella notte
Giovedì, 02 aprile
· I primi dopo gli antichi persiani
Mercoledì, 01 aprile
· VITA IN LETTERE - Marzo 2009
Martedì, 31 marzo
· ''Il giudice di tutta la terra (The judge of all the earth)
Domenica, 29 marzo
· ''Amici assenti (Absent friends)''
Sabato, 28 marzo
· Considera le sue vie (Consider her ways - 1956) di John Wyndham (1903-1969)
Venerdì, 20 marzo
· ''A mezzanotte, tutti gli agenti…
(At Midnight, All the Agents...)''
Mercoledì, 11 marzo
· Vito Benicio Zingales e il Truccatore dei morti: intervista all’autore
· Vito Benicio Zingales: il Capolavoro noir è “Il truccatore dei morti”
Martedì, 10 marzo
· Timestealer
· Specchi irriflessi (The Tain - 2002) di China Miéville
Lunedì, 02 marzo
· La Rocca dei Celti
Domenica, 01 marzo
· Violazione di Codice
· QUANDO C'ERA IL MARE…
Domenica, 22 febbraio
· Rumspringa
Lunedì, 01 dicembre
· Il sogno delle 72 vergini

Articoli Vecchi

Area Riservata
ABATE Marco


È stato membro del collettivo "Un'ambigua utopia", per il quale ha collaborato a "Nei labirinti della fantascienza", "Universale economica" n. 879, ed. Feltrinelli, '79.


Racconti: "Liel", "Un'ambigua utopia" n. 2/'79-sostanzialmente mitico, questo racconto racconta le leggende del leggendario pianeta Liel; la sua creazione, il suo essere "…trasportato fuori dal tempo" per la sua eccessiva bellezza, dai suoi creatori, per poi essere riinserito nel tempo e nello spazio da Alenni, Emedarn e Calgria, dèi della Ricerca, che, non contenti di ciò, vi creano uccelli, piante e rettili, e, infine, la prima triade, Aab, Aea e Ell, maschio, femmina e medio. La nascita di un Medio, Silm, e la festa collettiva che ne segue, poi, è il nucleo del secondo mito narrato, notevolmente spostato temporalmente in avanti, anche se gli episodi del primo e del secondo si intersecano; alla festa partecipano tutte le forme di vita del pianeta, serpenti due-gambe, flogs, uccelli striscianti, gatti rotanti: "E poi tutti si slanciavano nell'aria e correvano, si libravano e s'inseguivano, mentre i serpenti due-gambe costruivano i loro nidi e gli uccelli striscianti si univano al volo..."; "E allora tutti si muovevano, felici, verso le torri, le scalavano e si tuffavano al loro interno, nel cibo. E poi: mangiare, volare, giocare, mangiare, felici, giocare, cantare, colori, torri, felici, sicuri, nuovi, mangiare e poi gioia, e ancora gioia, gioia!"! ; "E allora era uno scoppio di colori, di luci, di suoni, una nuova allegria riempiva l'aria, una nuova musica raggiungeva le orecchie e poi i colori, suoni, allegrie, luci, ed altro, sempre altro.". E poi, centrale, nella struttura, l'arrivo di due nuovi dèi, Zota e Azot, dèi del tempo: "...Liel gli piacque" (piacque loro), ma l'insediamento dei due ai poli estremi del pianeta provoca un disastro: "...era la Morte che entrava sui Liel", causata dagli effetti opposti, in senso temporale, che i due dèi provocano. Unico modo per rimediare a ciò, escogitato da uno dei due dèi, (tipico, qui, l'alone di mistero che avvolge l'operare degli dèi), la costituzione di una barriera a testa, poste ai confini fra i loro regni; ma ciò va a infrangere una legge fisica, e si scatena un disastro temporale: "...le piante non riuscirono più a viaggiare, gli uccelli a strisciare, i lileni a pensare; il giorno si mischiò alla notte, la Luna si fermò; il capolavoro degli dèi stava per essere annientato, da due di loro.". E quindi la tregua, e la soluzione dello Scambio attraverso una nuova barriera. Dopo un lungo viaggio, in cui Abate si sbizzarrisce nella descrizione di luoghi ed atmosfere, in modo estremamente ben riuscito, Sall, Treil e Dulm offrono il loro Slim, ricevendone in cambio un'altro: "il nuovo Silm, quello che era e sarebbe stato Slim.". Il decimo capitoletto e l'Epilogo riepilogano l'intera situazione; praticamenti si sono creati, su Liel, due mondi in cui in uno il tempo scorre in modo normale, mentre nell'altro all'inverso. Dicevamo della bravura stilistica del Nostro nelle descrizioni del viaggio finale; ecco due paragrafi fra i migliori: "...Treil avanzava, dimentico di tutto, verso l'ultima porta: vedeva, sentiva che doveva raggiungerla. Le porte laterali: inezie. Sall, Dulm, Silm: degli sconosciuti. Lo Scambio: un'inutile chimera; solo la porta contava."; "Treil si avvicinava alla porta, lentamente, immerso nel canto, nell'essenza del richiamo; galleggiava, libero da ogni ricordo, da ogni dolore e felicità passata: solo la porta restava, quella porta ormai così vicina, ormai raggiunta, toccata, socchiusa, aperta, aperta...aperta..." (pag. 56-60)

"Racconto di Natale", "Un'ambigua utopia" n. 2/'80-la struttura basilare, qui, è quella della fiaba nella fiaba. Personaggi ed interpreti in ordine di apparizione: Spazzacamino, Piano, Bambino, Bambina, Lui e...l'ultimo, che entra proprio all'ultimo; vedremo poi. Lo Spazzacamino entra nella casa del Bambino e della Bambina, dove i due stanno preparando la cena con Lui: "Signori ecco a voi il piano.". Ma per suonarlo c'è un trucchetto, che lo Spazzacamino, dopo un tentativo fallito di suonare da parte del Bambino, rivela: "Solo bisogna chiederglielo (ovvero, bisogna operare la chiave, il segnale giusto). Basterà iniziare con questo accordo", e si chinò ad eseguire un semplice Mi settima.". "Era la vigilia di Natale.". Dopo cena i bambini chiedono allo Spazzacamino di raccontare loro una storia, e lui lo fa. Essa ha molto dell'onirico, in accordo col tema base del numero della rivista che è, appunto, il sogno. A fiaba terminata, la pendola suona la mezzanotte, e compare, anche se solo per via letteraria, l'ultimo personaggio: "Dal buio della porta entra fluttuando un foglio di carta scarabocchiato, annerito in un angolo. Lo Spazzacamino si china a raccoglierlo, con precauzione, e lo legge. "Per stavolta vada così. Ormai è troppo tardi per entrare: è già Natale. E poi la fiaba era bella, un peccato interromperla. Sarà per l'anno prossimo. Satana.". In effetti, la presenza, nella fiaba narrata, di un bambino e di una bambina, oltre e, anzi, soprattutto, di uno Specchio, fa si che la l'attenzione del lettore sia incanalata a cercare delle informazioni sulla realtà dei personaggi della fiaba racchiudente; ma è unicamente una falsa pista, e, in conclusione, quella casa, quei bambini, quel narratore, il piano, Lui, rimangono sospesi in un'atmosfera surreale, in cui l'intervento del Demonio non sorprende affatto, ma vi entra a far parte in maniera del tutto naturale. (pagg. 54-7)






[ Indietro ]

Prontuario narratori FS italiani

Copyright © di IntercoM Science Fiction Station - (612 letture)



Questo portale è realizzato con l'ausilio del CMS PhpNuke
Tutti i loghi e i marchi registrati appartengono ai rispettivi proprietari. I commenti sono di proprietà dei rispettivi autori.
Tutto il resto è ©2003-2006 di IntercoM Science Fiction Station. È Possibile usare il materiale di questo sito citandone la fonte.
Potete sindacare le news del portale di IntercoM usando il file backend.php