Home
Account
  Autori· Saggistica· Narrativa· Comics· Speciali· Cinema· Interviste· Musica CERCA   
     
Menu Principale

News precedenti

Venerdì, 05 febbraio
· Il Gondoliere
Venerdì, 15 gennaio
· Cinema d'animazione: tre esempi francesi
Mercoledì, 16 dicembre
· Fumetti Digitali
· VITA IN LETTERE (Novembre)
· VITA IN LETTERE - Ottobre 2009
Venerdì, 04 dicembre
· Il quinto principio di Vittorio Catani su Urania
Venerdì, 06 novembre
· Dalla fantascienza alla guerriglia mediatica
Martedì, 03 novembre
· De ''Gli Inganni di Locke Lamora'' e di altre stronzate...
Venerdì, 30 ottobre
· La narrativa di Ted Chiang
· VITA IN LETTERE - Settembre 2009
Martedì, 27 ottobre
· CORRADO MASTANTUONO - Tra Tex e Paperino: il disegnatore dei due mondi
Domenica, 11 ottobre
· Fissione
Domenica, 04 ottobre
· Yupanqui
Giovedì, 24 settembre
· VITA IN LETTERE - Agosto 2009
Martedì, 22 settembre
· VITA IN LETTERE (Agosto)
Martedì, 15 settembre
· Le lezioni sempre ignorate della Storia
Lunedì, 14 settembre
· Isole
Giovedì, 03 settembre
· I 10 libri da riscoprire
· VITA IN LETTERE (Luglio)
· VITA IN LETTERE - Luglio 2009
Sabato, 11 luglio
· L'ermetismo nei lavori di Alexey Andreev
Giovedì, 09 luglio
· VITA IN LETTERE (Giugno)
Domenica, 05 luglio
· I ciccioni esplosivi
Mercoledì, 01 luglio
· VITA IN LETTERE - Giugno 2009
· Futurama
Domenica, 21 giugno
· Venature
Domenica, 31 maggio
· VITA IN LETTERE (maggio)
Sabato, 16 maggio
· Il bacio della Valchiria
Giovedì, 14 maggio
· VITA IN LETTERE - Maggio 2009
Giovedì, 07 maggio
·

City of steel, city of air

Martedì, 28 aprile
· VITA IN LETTERE (aprile)
Lunedì, 27 aprile
· Ritratto di gruppo con signora
Martedì, 21 aprile
· L'ultima possibilità
Lunedì, 20 aprile
· J. G. Ballard
Giovedì, 16 aprile
· La voce nella notte
Giovedì, 02 aprile
· I primi dopo gli antichi persiani
Mercoledì, 01 aprile
· VITA IN LETTERE - Marzo 2009
Martedì, 31 marzo
· ''Il giudice di tutta la terra (The judge of all the earth)
Domenica, 29 marzo
· ''Amici assenti (Absent friends)''
Sabato, 28 marzo
· Considera le sue vie (Consider her ways - 1956) di John Wyndham (1903-1969)
Venerdì, 20 marzo
· ''A mezzanotte, tutti gli agenti…
(At Midnight, All the Agents...)''
Mercoledì, 11 marzo
· Vito Benicio Zingales e il Truccatore dei morti: intervista all’autore
· Vito Benicio Zingales: il Capolavoro noir è “Il truccatore dei morti”
Martedì, 10 marzo
· Timestealer
· Specchi irriflessi (The Tain - 2002) di China Miéville
Lunedì, 02 marzo
· La Rocca dei Celti
Domenica, 01 marzo
· Violazione di Codice
· QUANDO C'ERA IL MARE…
Domenica, 22 febbraio
· Rumspringa
Lunedì, 01 dicembre
· Il sogno delle 72 vergini

Articoli Vecchi

Area Riservata
Gli anni '80/'90 e l'informa(tizza)zione


di Andrea Jarok


Short Stories - Bologna, 1980 - a cura di Luca Oleastri. [2, 1980].

Dallo stesso gruppo di "Proposta Sf", una fanzine dedicata interamente al racconto breve. Vengono presentati quasi esclusivamente autori italiani tranne un'incursione di Van Vogt nel primo numero.


Crash - Genova, 1980 - a cura del Gruppo Crash Science Fiction. 1-2.

Pretenziosa ma interessante fanzine (in copertina il sottotitolo recita "proposte per l'identificazione della science fiction"), sotto la guida di Domenico Gallo, nel primo numero presenta un'ottima monografia su Alfred Bester, seguita da un'intervista a Inísero Cremaschi, con a seguito un curioso dibattito redazionale. Ne uscirono solo due numeri, entrambi di ottima qualità.


Explora - Suzzara (Mantova), 1979 - a cura di Stefano Vezzani, Daniele Galesi, Lorenzo Pizzetti ed Enrico Grossi. [3, 1980].

Fanzine molto attiva e rivolta principalmente alla saggistica, alle recensioni e alle biobibliografie piuttosto che alla narrativa, pur presente. A "Explora" collabora molto attivamente Domenico Cammarota, con diversi articoli e interventi su Hubbard, sulla politica e su altri argomenti.


Monografie S.F. - Mestre (Venezia), 1980/1981 ~ a cura di Nicola De Mucci. 1-3.

Numeri monografici corposi e molto curati, ne sono usciti tre numeri dedicati rispettivamente a Theodore Sturgeon, Ray Bradbury e allo stesso Nicola De Mucci. Molto interessante il secondo numero, con oltre 250 pagine di critica e bibliografia, italiana e americana.


L'Altro Regno (prima serie) - Pescara, novembre 1980 - a cura di Gianfranco de Turris. 1-13.

L'Altro Regno (seconda serie): - Chieti, gennaio/febbraio 1985/[1988] - a cura di Gianfranco de Turris, Claudio de nardi, Adolfo Morganti e Tullio Bologna. [1-12].

Professionale sia nei contenuti che nella grafica, uscita nel novembre del 1980, è una rivista bimestrale d'informazione libraria, ed esce fino al novembre 1982, quando cessa le pubblicazioni col numero 13.

Riprende con una nuova serie nel 1985 come fanzine con diversi articoli su fantasy, horror e fantascienza; esce con una certa regolarità fino alla fine del 1986, e poi sporadicamente fino al 1988.


Proposta Sf - Bologna, 1978 - a cura del circolo Arci Giacomo Leopardi. [4, 1980].

Fanzine dedicata interamente al cinema fantastico, propone diversi articoli e recensioni, supportate da un'ottima veste grafica. Notevole, soprattutto a partire dal terzo numero, la grande quantità di immagini e fotografie.


Famzine- Latina, 1979 - a cura di Dioniso Castello. [11, 1982].

Fanzine ottimamente curata da Dioniso Castello, dedicata quasi esclusivamente alla saggistica. Partita un po' in sordina, è diventata presto una delle migliori fanzine italiane del genere. Da segnalare soprattutto un ampio e interessante saggio su Barry Malzberg apparso nel numero quattro e una panoramica sulla fantascienza e sui fandom di tutto il mondo, dall'Australia al Canada, dal Giappone alle Hawaii, sul sesto numero. Al numero 9 ha fatto seguito il numero 11.


La Bottega del Fantastico- Milano, 1980/1981 - a cura di Piero Fiorili, Franco Giambalvo e Flavio Ranisi. 1-4.

Fanzine di livello quasi professionale, sia nei testi che nella grafica, ha presentato quattro numeri, strutturati come monografie ma non esclusivamente monografici, con articoli, saggi, recensioni, sondaggi e interviste di ottimo livello. Spiccano le illustrazioni di Giuseppe Festino, che accompagnano sia le copertine che gli interni dei quattro numeri usciti. I temi monografici affrontati sono: Donne e fantascienza, Le invasioni nella fantascienza, I mutanti, Fantasy.


Black Out - Modena, 1980/1981; 1983, a cura del club H. G. Wells. [1, 1983].

Nel 1980 esce il numero 0, cui seguì il primo numero ufficiale otto mesi dopo. L'interesse è rivolto alla narrativa, con un racconto di Sheckley, alla critica, al cinema e ai fumetti. Dopo una brusca interruzione, riprende come rivista nel 1983, con articoli, narrativa, fumetti e recensioni.


City - Milano, 1981/1989 - a cura del club City. Circolo d'Immaginazione. [1-27].

Espressione del nuovo fandom milanese della prima metà degli anni '80, che si raccolse attorno al club City. Incentrata su articoli, interviste e recensioni più che sulla narrativa, "City" è stata per diversi anni il punto di riferimento per il fandom milanese. Promotore di diverse iniziative anche a livello letterario, tra cui il concorso Altri tempi, altri spazi, dedicato alla poesia, oltre a "City" il club milanese pubblicò sette numeri monografici col nome di "City. Interventi". A partire dal numero 20 esce come "City notiziario", in formato notevolmente ridotto. Tra i numeri monografici di grande interesse un approfondito excursus sulla fantascienza europea e un'accurata biobibliografia di George Orwell.


La Spada Spezzata - Milano, 1981/1993 - a cura di Silvio Sosio e Paolo Pavesi. 1-19.

Ottima fanzine, molto attenta al panorama fantascientifico italiano e internazionale, nasce nel 1981 grazie all'iniziativa di Silvio Sosio e Paolo Pavesi. Molto curata la parte informativa, ha presentato anche diversi racconti italiani, in riferimento anche al Premio Fredric Brown, promosso dai curatori stessi. Ai primi sedici numeri, usciti regolarmente fino al 1986, ne seguirono altri tre, l'ultimo dei quali uscito solo nel 1993.

Vincitrice nel 1986 del Premio Italia e del Premio Europa come miglior fanzine, "La spada Spezzata" è stata insieme a "City" e "L'altro spazio" la miglior espressione del fandom milanese degli anni '80.


L'Altro Spazio (poi come L'Altro Spazio. Vox Futura) - Milano, 1981/1994 - a cura di Luigi Pachì. 1-15.

Fantascienza a trecentosessanta gradi, dalla narrativa alla saggistica, dai fumetti ai giochi, dalle recensioni alle bibliografie. Strutturata come una fanzine, ma con materiale di livello professionistico, attenta sia agli autori italiani che a quelli stranieri, "L'Altro Spazio" diventa, con il numero 11, un'antologia di Marco Ercolani col titolo di "L'Altro Spazio. Vox Futura".


L'Assioma Infranto - Treviso, 1981 - a cura del collettivo redazionale di "Crash" e dei collettivi liguri e veneti di Un'Ambigua Utopia. [2, 1981].

Aperiodico di poesia e altre finzioni. Esclusivamente dedicato alla poesia, spesso anche non di fantascienza.


Terzo pianeta - numero unico - Trieste, 1981 - a cura di Fabio Pagan, Fabio Calabrese, Mario Cerne, Marino Debernardi ed Eddy Triscoli.

Dalla stessa redazione de "Il re in giallo", si presenta anch'essa con una veste editoriale molto curata, una nutrita parte di saggistica e recensioni, unita a una sezione abbastanza ampia dedicata alla narrativa.


The Dark Side - Vercelli, 1981 - a cura di Daniele Cerchi, Michele Bettini, Giampiero Prassi e Leo Marchitto. [VI 6, 1988].

Partita in sordina con un numero 0 abbastanza modesto, "The Dark Side" s'impone presto nel mondo del fandom grazie alla qualità dei racconti e degli articoli pubblicati. Col passare di numeri anche la veste grafica e la qualità della stampa migliora, assumendo negli ultimi tempi una veste quasi professionale. Di grande rilievo anche il concorso letterario Terre del sogno, indetto per la prima volta nel 1984, in cui apparvero racconti di buona qualità, come testimoniano le due antologie pubblicate nel 1985 e 1988. In diversi anni di pubblicazioni, "The Dark Side" ha dimostrato una predilezione per la narrativa italiana, diventando una palestra importante per la narrativa italiana fantasy e di fantascienza.


Sindrome futura - Bari, 1980 - a cura di Roberto De Marinis. [1, 1981].

Prima testimonianza del fandom barese, preludio a pubblicazioni di maggiore risonanza quali "THX 1138" e "Future Shock". Collaboratori autori della fanzine insieme a De Marinis sono stati Eugenio Ragone e Vittorio Catani.


Noctiluca Micropolitana - Carrara, 1982 - a cura di Bruno Baccelli. [1]

Bollettino fanzine, dal formato particolare, dedicato alla critica e all'informazione. Il primo (e probabilmente unico) numero è incentrato sul tema dell'utopia.


Maelstrom - Milano, 1983 - a cura di Roberto Milan, Sabrina Mella e Christian Sillieri. [3, 1984].

Maelstrom si presenta con un primo numero molto corposo: narrativa, saggistica cinematografica, un interessante reportage sui XX Festival internazionale del film di fantascienza, articoli sul fandom milanese, sul regista Val Guest, oltre a recensioni e schede di film e telefilm.


Nicolazine - numero unico - Omegna (Novara), 1983 - a cura di "Loculus".

Dalla folle redazione di "Loculus" quella che si potrebbe definire una fanzinizzazione di uno dei principali personaggi del fandom italiano degli anni ’70. Delirante.


Phase IV - Milano, 1983 - a cura di Stefano Bon e Massimo Fassoni. [3, 1984].

Fanzine corposa e allo stesso tempo varia nei contenuti, dalla narrativa alla saggistica, dal cinema (un articolo su John Carpenter con un'accurata filmografia) ai fumetti. Da segnalare, oltre all'ampio spazio riservato alle novità, un'interessante monografia su Ray Bradbury apparsa nel primo numero.


S&F - Milano, 1983/1984 - a cura di Salvatore Nuzzolese, Fabio Gariani e Sergio Giuffrida. 1-3.

Sebbene "S&F" sia più propriamente una rivista vera e propria, essa ha rappresentato il tentativo concreto di riunire la fantascienza italiana, professionistica e amatoriale in un'unica rivista di fantasy e fantascienza. Rivista d'informazione e saggistica, con poco spazio lasciato alla narrativa, nei tre soli numeri usciti ha toccata tutti i campi del fantastico: letteratura, cinema, giochi, illustrazione, fumetti e televisione.


Pulp - Torino, 1983/1986 - a cura di Beni Giansiracusa/Mauro Maltoni. 1-15.

Rivista dedicata interamente alla narrativa italiana, si è caratterizzata soprattutto per la pubblicazione di romanzi brevi italiani.


THX 1138 - Bari, 1984/1987 - a cura di Antonio Scacco/Eugenio Ragone e Vittorio Catani. 1-5/6.

Ottima rivista, testimonianza dell’attivissimo fandom di Bari, formata da Antonio Scacco (direttore), Donato Altomare, Vittorio Catani, Massimo Conese, Vincenzo Cucinella, Francesco Lato, Eugenio Ragone e Cosimo Trisolini. Caratterizzata da interventi e saggi molto accurati e interessanti a fianco di racconti di altrettanto valore. In sole cinque uscite "THX 1138" ha ospitato sulle sue pagine alcune tra le più importanti firme della fantascienza italiana, da Aldani a Curtoni, da Pestriniero a Malaguti, distinguendosi per l'ottima qualità sia della narrativa che della critica. A partire dal quarto numero Antonio Scacco lascia la direzione della rivista per fondare "Future Shock".


Balarm Sf - Firenze, 1984 - a cura di Gian Filippo Pizzo. [3, 1985].

Si autodefinisce personalzine, come scrive lo stesso Pizzo nell'intestazione del primo numero. In effetti "Balarm Sf" non è altro che una raccolta della produzione saggistica e critica dello stesso Pizzo relativa alla fantascienza. Nel primo numero appaiono articoli e recensioni pubblicati sul quotidiano palermitano "L'Ora".


Blade Run - Milano, 1984 - a cura di Luigi Pachì. [1].

Si definisce "Videorivista di fantascienza". Si tratta di una delle prime fanzine, se non la prima in assoluto, fruibile da un doppio supporto, cartaceo e informatico: infatti, oltre che come fanzine tradizionale, era possibile acquistarla anche su cassetta per ZX Spectrum. La stessa versione cartacea era semplicemente la stampa dal video del computer, da cui il nome di videorivista.


Un'Ala - Milano, 1984 - a cura di Milena Dacrema, Franca Festino, Antonella Saccarola, Patrizia Thiella e Nicoletta Vallorani. [4, 1987].

"Un'Ala" è la prima fanzine "femminile", con saggi e racconti scritti unicamente da donne. Emanazione del circolo milanese City, dopo due numeri pubblicati nel 1984 e uno nel 1985, esce col quarto numero dopo un silenzio di quasi due anni.


The Miskatonic Magazine - Roma, 1984 - a cura di Marco Gordini e Maria Rizzo. [14, 1990].

Nata dalla volontà di pubblicare molto materiale pervenuto alla redazione dell'allora rinata "Dimensione cosmica" di cui Gordini faceva parte, questa particolare fanzine divenne una delle più seguite e importanti degli anni '80 tra quelle dedicate all'horror. Narrativa, articoli, interviste con una predilezione, con il passare del tempo, verso il gore e lo splatter.


Il Tarlo Mentale - Fara Novarese (Novara), 1984/1992 - a cura di Luca Accomazzi. 1-18.

Fanzine dai toni umoristici e scanzonati, dedicata al fantasy, alla fantascienza, al fumetto e ai giochi di ruolo, esordisce nel 1984 con il numero 0 e viene pubblicato con una certa regolarità fino al 1989 con il numero 17. Dopo un silenzio di tre anni conclude con il numero 18.


Arcon - Genova, 1984 - a cura di Mario Fabiani e Silvio Migliaccio. [2, 1985].

Corposa fanzine dedicata interamente alla critica con ottimi articoli di ampio respiro, se non addirittura piccoli saggi, sulla critica di fantascienza e sui suoi autori. Un piccolo spazio è dedicato alle recensioni librarie.


Notizie dal C.O.F. - Omegna (Novara), ottobre 1985 - a cura del C.O.F. (Circolo Omegna Fantascienza) [1].

Notiziario molto approfondito a cura del Circolo Omegna Fantascienza.


Albedo - Milano, 1985 - a cura di Alberto Priora. [1].

Oltre novanta pagine, in prevalenza di racconti del curatore e di altri due o tre autori, unitamente a qualche breve articolo e illustrazione.


Millenium - Milano, 1985 - a cura di Stefano Bon e Roberto Milan. [2, 1985].

Un'altra fanzine del gruppo milanese formatosi attorno al club City. Riunite le redazioni di "Maelstrom" e "Phase IV", "Millenium" è una rivista ben curata nella grafica e dai buoni contenuti. Mostra una predilezione per la saggistica e l'informazione, pur non tralasciando la narrativa.


Ucronia/Ucronia. Nuova Serie - San Giuliano Milanese (Milano), 1985/1988 - a cura di Claudio Bruneri Fusi, Marco Crespiatico, Franco Forte e Walter Maggi. 1-3; 1-4.

Sette numeri in quattro anni per questa rivista, inizialmente molto attenta sia all’informazione che alla narrativa italiana, grazie anche alla promozione del concorso di narrativa d'anticipazione Il Vascello. Dopo tre numeri usciti tra il 1984 e il 1986, riprende l'anno successivo ("Ucronia. Nuova Serie") con una nuova grafica, uno spazio maggiore riservato all'informazione e racconti di autori sia italiani che stranieri.


Super Nybra/Perle Nere - Roma, 1985 - a cura di "The Miskatonic Magazine". [Perle nere 15,1991].

Perfetto esempio di personalzine, questa testata (prima col nome di "Super Nybra", poi con quello di "Perle nere") è interamente dedicata alla pubblicazione delle opere di Bruno Garavini.


Future Shock/Future Shock. Nuova Serie - Bari, maggio 1986 - a cura di Antonio Scacco. In corso di pubblicazione.

Terminata l'esperienza con "THX 1138", Scacco fonda "Future Shock", apparsa col primo numero sotto forma di giornale informativo, ma già con articoli di notevole interesse. Dal 1988 prende il titolo di "Future Shock. Nuova Serie". La rivista di Scacco si distingue per la decisa impostazione datagli dal suo redattore e per la qualità sia degli articoli che dei racconti.


Blade Runner - Pisa/Asciano (Siena)/Viareggio (Lucca), 1986 - a cura di Fabio Nardini, P. F. Idda e Mirko Tavosanis. [11, 1991].

Partita in sordina, con gli anni è diventata una fanzine completa, con racconti e saggi di buon livello. Gli argomenti spaziano dall’hard fiction al fumetto, al cinema; il numero 9 ha ospitato un interessante speciale sul fumetto in Italia.


Meltdown- Trento, 1986 - a cura del Club Meltdown. [4, 1988].

Articoli, narrativa, fumetti e cinema compongono questa fanzine, caratterizzata da racconti a base scientifica.


Prometeo Sf - Siena, 1986 - a cura di Mario Leoncini. [1].

Si definisce "Rivista italiana di narrativa scientifica". Nel primo numero ha presentato principalmente racconti brevi insieme ad alcune recensioni.


Klaatu - Torino, 1986 - a cura di Marco Ambrosio, Gianni Bergamino, Enzo Li Causi, Luca Masse. [23, 1991].

Fanzine dedicata alla fantascienza nei suoi diversi aspetti, con una maggiore attenzione verso la fantascienza televisiva e cinematografica. Diversi numeri sono dedicati interamente o parzialmente a "Star Trek". È stata una delle poche fanzine attive a Torino nella seconda metà degli anni '80.


Fomalhaut Bullettin - Palermo, [1986] - a cura di Patrizia Piazza, Roberta Piazza e Antonella Grifasi. [12, 1988].

Fanzine che alterna narrativa a recensioni e commenti su cinema e narrativa di fantascienza. Gran parte del materiale pubblicato concerne la serie televisiva "Star Trek".


Ali nel futuro/Algenib - Roma, 1986, a cura di Fabrizio Frattari. [12, 1991].

Apparsa nel settembre 1986, i primi tre numeri escono col titolo di "Ali nel futuro" e contengono pressoché interamente materiale dello stesso Frattari. Dal quarto numero assume il nome di "Algenib", passando da personalzine a fanzine vera e propria. Dal 1990 viene affiancato dall'ottimo notiziario "Algenib Notizie".


Follow My Dream - Ancona, 1987/1989 - a cura di Roberto Sturm e Maurizio Marsili. 0-4.

Esce nel 1987 con un numero 0 sperimentale ma già assai curato sia nella stampa che nella grafica, esordisce l'anno successivo con un numero doppio di un certo interesse; da segnalare l'attenzione rivolta alla situazione editoriale in Italia con il buon articolo di Bruno Valle Sf in Italia: le riviste. All’inizio del 1990 chiude i battenti conglobandosi con la decana delle fanzine, "Intercom".


Yorick - Reggio Emilia, 1987 - a cura di Massimo Tassi, Massimo Davoli, Lorenzo Mussini, Dario Tedeschi e Paolo Tosini. In corso di pubblicazione.

Da quasi quindici anni è la fanzine-rivista più importante dedicata alla letteratura fantastica. Vincitrice di numerosi Premi Italia, erede dell'altra grande fanzine del fantastico, "Il Re in Giallo", "Yorick" si è distinta per la pubblicazione di materiale, spesso inedito, di autori quali Robert Howard o> Sprague De Camp e per la professionalità e competenza degli articoli presentati. Da qualche anno è presente anche sul web alia pagina www.geocities.com/yorickfantasy (non più attiva).


Dark Star - Roma, 1988 - a cura di Giorgio Cianfanelli, Laura Colussi e Gaetano Mistretta. [0-2: 1989].

Dedicata al cinema fantastico, con una predilezione per la fantascienza e soprattutto l'horror. Uscita con un numero 0 nell’estate del 1988, curata nella grafica e nell'impaginazione, ha dedicato molto spazio ai registi John Carpenter e Dario Argento.


Space Opera - Courmayeur (Aosta), 1988 - a cura di Silvio Canavese. In corso di pubblicazione.

Pubblicazione di tipo professionale edita in occasione delle Fancon, dall’ottima veste grafica, contenente racconti finalisti ai vari Premi Courmayeur. Ottima anche la presentazione di illustrazioni dei maggiori artisti italiani.


Newsf - Rapallo (Genova), 1988/1989 - a cura di Bruno Valle, Domenico Gallo e Luciano Rainusso. [1-9].

Ottimo bollettino informativo su riviste, fanzine, cinema, musica, con notizie di ogni genere relative alla fantascienza e al fantastico, accompagnate spesso da interviste a personaggi della fantascienza italiana.


Metropolis S.F. - Caravaggio (Bergamo), 1988 - a cura di Giuseppe Ferri. [1].

Fanzine dedicata alla saggistica e all'informazione, ha presentato nel primo numero, oltre a recensioni molto approfondite, due ampli saggi sul cinema di Ridley Scott e sul romanzo di Wells The Time Machine.


Sirius - Milano, 1988 - a cura di Ezio Borcianio e Davide Castellazzi. [4, 1988].

Narrativa, informazione e soprattutto fumetti sono gli argomenti prediletti di questa fanzine, anch'essa gravitante attorno al club milanese City.


Hyper - Torino, 1988 - a cura di Antonello Montali, Fabio Dall'Ara e Paola Cutrera. [5, 1988].

"The new science fiction amatorial magazine" si definisce "Hyper", fanzine in cui appare un po' di tutto, dai libri ai videogiochi, dal cinema alla televisione, dalle recensioni alla narrativa. A partire dal secondo numero comincia a collaborare Bruno Valle, che curerà due numeri speciali dedicati rispettivamente alla letteratura latinoamericana e sovietica. Nel 1989 è uscito un ampio numero speciale dedicato alle fanzine italiane.


Star System 433 - Piacenza, 1988 - a cura di Fabrizio Fornasari, Giuseppe Tarlarini e Stefano Tarlarini. [9, 1990].

Inizialmente dedicata in gran parte a fantascienza e pulp, dopo qualche numero l'interesse viene rivolto in gran parte al fumetto, manga in particolare, e all'illustrazione.


Algol - Roma, [1989], a cura di Fabrizio Frattari. [3, 1991].

Fanzine curata da Fabrizio Frattari, dove vengono convogliati materiali di ampio respiro, (sia narrativa che saggistica) non inseribili in "Algenib". Il terzo numero contiene un'interessante raccolta di articoli sulla fanzine "Intercom".


Gli Occhi di Medusa - Asti, 1989 - a cura di Paolo Di Maio. [6, 1990].

Saggi, interviste, fumetti, racconti e recensioni su fantascienza, fantasy e horror. Nel giugno del 1989 è uscito uno speciale dedicato al fumetto fantastico.


Sense of Wonder - Finale Ligure Borgo (Savona), 1989 - a cura di Roberto d'Onofrio e Riccardo Esposito. [1].

Interessante fanzine dedicata al cinema di fantascienza degli anni '50-'60. Unica nel suo genere, nel primo numero vengono dettagliatamente analizzati i film Kronos. Conquistatore dell'universo, La guerra dei mondi e Devil girl from Mars.


La Zona Morta - Boccaglio (Brescia), 1990 - a cura di Davide Longoni. [6, 1991].

Cinema, narrativa, musica, fumetti, narrativa dedicati alla fantascienza e in massima parte all'horror.


Futuro- Firenze, aprile 1990 - a cura di Bianca Maria Bassetti. [6, 1991].

Racconti, poesie, recensioni, curiosità di fantascienza. Pur non essendo una fanzine esclusivamente su "Star Trek", ha pubblicato diversi numeri, racconti e articoli, dedicati alla celebre serie televisiva.


L'Eterno Adamo - Siena, 1990 - a cura di Mario Leoncini. [5, 1991].

Interessante fanzine, orientata verso la pubblicazione di racconti di autori italiani e stranieri (sudamericani in particolare), senza però rinunciare ad articoli, interviste e recensioni. Oltre a essere stata una delle prime fanzine consultabili anche via telematica, si è fatta segnalare anche per il singolare progetto riguardante delle audiocassette contenenti brani di autori italiani anni '60 recitati da attori professionisti.


Remote Worlds Sentinel - Moncalieri (Torino), 1990 - a cura dell'associazione culturale Remote Worlds. [5, 1991].

Notiziario periodico a cura dell'associazione culturale Remote Worlds. Scarna pubblicazione (poco più di una decina di pagine), ha pubblicato articoli su scienza, fantasy e fantascienza.


Diesel - Roma, 1991, a cura di Fabrizio Frattari e Alberto Henriet. [12, 1991].

Più che una vera e propria fanzine, nell'intento iniziale di Frattari doveva essere una collana intesa a ripubblicare racconti e romanzi difficilmente reperibili sul mercato. Diventata quasi subito una personalzine di Henriet, a supplire la mancanza di originalità dei testi viene in soccorso la numerazione dei volumi, che fa seguire, al numero 3, l'8.


Baliset - Torre d'Isola (Pavia), 1992 - a cura di Stefano Melgara. [8, 1996].

Fanzine dal tono leggero e divertente, presenta parodie di serie televisive, racconti, articoli e recensioni di fantasy e fantascienza. Al numero 6 è stato abbinato il numero 0 di "New Globe", una sorta di notiziario pseudointernazionale, poi diventato fanzine indipendente.


Shining/Terzo millennio - Milano, 1993 - a cura di Franco Clun e Franco Forte. [5, 1997].

"Shining" nasce nel 1993 su iniziativa di Franco Forte unitamente ai Premi Alien e Lovecraft, patrocinati dallo stesso Forte, di cui pubblica i racconti vincitori. Oltre ai racconti finalisti dei due premi, vengono pubblicati articoli, recensioni e interviste. Nel 1996 col numero quattro cambia nome in "Terzo Millennio".


Settimo inchiostro Settimo torinese (Torino) – a cura del centro culturale l’Altroquando. In corso di pubblicazione.

Principale espressione del fandom torinese degli anni '90. Escono dieci numeri come fanzine dal 1993 al 1997, anno in cui diventa rivista professionale. Rivista molto varia, con racconti e articoli su fumetti, cinema, giochi, ha pubblicato anche alcuni speciali legati al concorso letterario Cristalli Sognanti.


Terminus - Palermo, 1994/1996 - a cura di Maurizio Avenia, Giuseppe De Rosa, Emiliano Farinella e Beatrice Zaffuto. 0-3.

Fanzine dall'impostazione professionale con racconti, articoli e recensioni di ottima fattura, ha annoverato tra le sue pagine nomi quali Aldani, Ricciardiello, Pestriniero. Anche con soli quattro numeri, "Terminus" è stata una delle migliori espressioni del fandom dell'epoca.


New Globe - Milano, 1995 - a cura di Stefano Melgara, Laura Vecchi e Paolo Brambilla. [2, "2046"].

Bizzarra pubblicazione dal formato di un quotidiano, apparsa originariamente come allegato di "Baliset", con notizie e interviste sul mondo della fantascienza, in particolare quello gravitante attorno agli universi di "Star Wars" e "Star Trek".


Carmilla/mirCalla - Boloqna, 1995 - a cura di Francesco Scalone. In corso di pubblicazione.

Iniziata l'avventura nel 1995 come fanzine, ma già con contenuti e grafica degni di una rivista, si distingue fin dall'inizio per la professionalità e la qualità del materiale pubblicato. Dopo tre anni passa da fanzine a rivista col nome di "Carmilla", sotto la guida di Valerio Evangelisti.


Planet Ghost - Collegno (Torino), 1997 - a cura del club G.Ho.S.T. (Gruppo Horror Space Torino). In corso di pubblicazione.

Fanzine ufficiale dell'attivissimo club torinese G.Ho.S.T., fondato nel 1994 da Massimo Ferrara e James Garofano. Nel 1997 nasce "Planet Ghost", fanzine dedicata all'horror e al fantastico con un occhio di riguardo per la letteratura e per il cinema cult e pulp, cui presto fa seguito "Ghost News", notiziario sul mondo dell'horror. A partire dal 1999 vengono pubblicati a cura del club diversi volumi di antologie italiane di horror e fantascienza. Approdati egregiamente anche nella rete, il club G.Ho.S.T. è al momento una delle realtà più interessanti del fandom italiano. Sito Internet: www.clubghost.it/principale.htm (ora inattivo; l’attuale: https://www.clubghost.it/cg/.


Subway - Milano, 1998- a cura di Nataniele Paghini. [5].

Interessante fanzine con ottime recensioni e narrativa. La periodicità è eccessivamente alta, ma tale mancanza è compensata dal buon livello dei racconti e dei saggi.


Nuovi mondi - Lucera (Foggia), marzo 1998 - a cura di Emiliano Maramonte e Matteo Ciccone. In corso di pubblicazione.

Fanzine di narrativa fantastica, cui affianca nelle poche pagine che la compongono buone recensioni e articoli di vario genere. Attenta al mondo del fandom fantascientifico, ne è anche la prima espressione in ambito foggiano.


Imagica - Tolentino (Macerata), 1999 - a cura di Alberto Cola. In corso di pubblicazione.

Articoli, racconti e recensioni con un tono tra il serio e l'umoristico. Al numero unico sono succeduti un numero doppio: Numero ibrido e 21 1/2.


Santerestil Matt - Gragnano (Napoli), 1999 - a cura di Gianni Giordano. In corso di pubblicazione.

Folle fanzine, polemica e irriverente, ma anche dotata di una sana vena autoironica. Una sorta di patch-work con articoli, recensioni e racconti, all'insegna del trash e della controcultura.


Retronauta - Pordenone, 1999 - a cura di Giuseppe Collovati ed Enrico Sist. In corso di pubblicazione.

Esilarante e originale fanzine dedicata ai b-movies e alla cultura trash, curata nella grafica e dalla bizzarra impaginazione. Nel numero 0 vi sono allegati francobolli di Lorella de Luca, Ultraman e Pee-Wee Herman.


Avatär - Milano/San Donato Milanese (Milano), 2000 - a cura di Lukha Kremonj Baroncinj. In corso di pubblicazione.

"Pubblicazione meccanico-scapigliata" con narrativa, saggistica e fumetti tra cyberpunk, controcultura e tradizione.


Fondazione - Catania, 2001 - a cura di Claudio Chilemmi, Alessandro Coltraro, Enrico Di Stefano, Antonino Di Mari, Nando Messina e Giuseppe Russo. In corso di pubblicazione.

Fanzine su carta di 24 pagine in bianco e nero. Tratta della fantascienza in tutte le sue forme espressive: letteratura, cinema, fumetti, videogame ecc. Viene realizzata e assemblata da un gruppo di appassionati catanesi.






[ Indietro ]

Articoli per bibliografie e saggi sulla sf italiana

Copyright © di IntercoM Science Fiction Station - (84 letture)



Questo portale è realizzato con l'ausilio del CMS PhpNuke
Tutti i loghi e i marchi registrati appartengono ai rispettivi proprietari. I commenti sono di proprietà dei rispettivi autori.
Tutto il resto è ©2003-2006 di IntercoM Science Fiction Station. È Possibile usare il materiale di questo sito citandone la fonte.
Potete sindacare le news del portale di IntercoM usando il file backend.php