Home
Account
  Autori· Saggistica· Narrativa· Comics· Speciali· Cinema· Interviste· Musica CERCA   
     
Menu Principale

News precedenti

Venerdì, 05 febbraio
· Il Gondoliere
Venerdì, 15 gennaio
· Cinema d'animazione: tre esempi francesi
Mercoledì, 16 dicembre
· Fumetti Digitali
· VITA IN LETTERE (Novembre)
· VITA IN LETTERE - Ottobre 2009
Venerdì, 04 dicembre
· Il quinto principio di Vittorio Catani su Urania
Venerdì, 06 novembre
· Dalla fantascienza alla guerriglia mediatica
Martedì, 03 novembre
· De ''Gli Inganni di Locke Lamora'' e di altre stronzate...
Venerdì, 30 ottobre
· La narrativa di Ted Chiang
· VITA IN LETTERE - Settembre 2009
Martedì, 27 ottobre
· CORRADO MASTANTUONO - Tra Tex e Paperino: il disegnatore dei due mondi
Domenica, 11 ottobre
· Fissione
Domenica, 04 ottobre
· Yupanqui
Giovedì, 24 settembre
· VITA IN LETTERE - Agosto 2009
Martedì, 22 settembre
· VITA IN LETTERE (Agosto)
Martedì, 15 settembre
· Le lezioni sempre ignorate della Storia
Lunedì, 14 settembre
· Isole
Giovedì, 03 settembre
· I 10 libri da riscoprire
· VITA IN LETTERE (Luglio)
· VITA IN LETTERE - Luglio 2009
Sabato, 11 luglio
· L'ermetismo nei lavori di Alexey Andreev
Giovedì, 09 luglio
· VITA IN LETTERE (Giugno)
Domenica, 05 luglio
· I ciccioni esplosivi
Mercoledì, 01 luglio
· VITA IN LETTERE - Giugno 2009
· Futurama
Domenica, 21 giugno
· Venature
Domenica, 31 maggio
· VITA IN LETTERE (maggio)
Sabato, 16 maggio
· Il bacio della Valchiria
Giovedì, 14 maggio
· VITA IN LETTERE - Maggio 2009
Giovedì, 07 maggio
·

City of steel, city of air

Martedì, 28 aprile
· VITA IN LETTERE (aprile)
Lunedì, 27 aprile
· Ritratto di gruppo con signora
Martedì, 21 aprile
· L'ultima possibilità
Lunedì, 20 aprile
· J. G. Ballard
Giovedì, 16 aprile
· La voce nella notte
Giovedì, 02 aprile
· I primi dopo gli antichi persiani
Mercoledì, 01 aprile
· VITA IN LETTERE - Marzo 2009
Martedì, 31 marzo
· ''Il giudice di tutta la terra (The judge of all the earth)
Domenica, 29 marzo
· ''Amici assenti (Absent friends)''
Sabato, 28 marzo
· Considera le sue vie (Consider her ways - 1956) di John Wyndham (1903-1969)
Venerdì, 20 marzo
· ''A mezzanotte, tutti gli agenti…
(At Midnight, All the Agents...)''
Mercoledì, 11 marzo
· Vito Benicio Zingales e il Truccatore dei morti: intervista all’autore
· Vito Benicio Zingales: il Capolavoro noir è “Il truccatore dei morti”
Martedì, 10 marzo
· Timestealer
· Specchi irriflessi (The Tain - 2002) di China Miéville
Lunedì, 02 marzo
· La Rocca dei Celti
Domenica, 01 marzo
· Violazione di Codice
· QUANDO C'ERA IL MARE…
Domenica, 22 febbraio
· Rumspringa
Lunedì, 01 dicembre
· Il sogno delle 72 vergini

Articoli Vecchi

Area Riservata
Anemia


di Alberto Abruzzese-FANTASTICO

"Riflessi" n. 15, ed. Theoria, '84, 146 pagg., 7.500 £ (3,87 €); © by Edizioni Theoria s.r.l.


Altri contributi critici

-"Vizi privati di pubbliche figure", di Antonio Caronia, "Linus" n. 4/'85, pag. 112


Dopo l'enorme successo letterario de "Il nome della rosa" di Umberto Eco, ecco che un altro semiologo tenta la via della narrativa; e per la prima volta, come dice Antonio Caronia. Nella stessa recensione troviamo questa indispensabile indicazione: "...una tendenza che sembra timidamente affiorare nella letteratura italiana... gli scrittori mett(o)no in scena figure pubbliche del nostro tempo... spesso colti nel loro soccombere all'ineluttabile forza di situazioni che essi dovrebbero (si suppone) padroneggiare e che invece li travolgono."

Nel romanzo di cui andiamo a trattare questa tendenza si manifesta come "...lo scacco della razionalità di fronte all'irrazionale..."

È, comunque, di primaria importanza il fatto che l'autore sia un ottimo conoscitore ed estimatore delle ghotic stories, come dimostra ampiamente nel suo ottimo saggio "L'abbandono della sacra dimora" (in "Racconti di fantascienza", "Cultura politica" n. 182, ed. Savelli, '77, pag. 189), in cui, in una delle sezioni in cui si articola, dà un'interpretazione decisamente stimolante del "Dracula" di Bram Stoker ("Oscar classici" n. 380, ed. Mondadori).

La storia è, nel complesso, estremamente lineare: un potente, un burocrate del P.C.I., come risulta evidente, anche se l'autore non ne esplicita la sigla, malato della malattia di cui al titolo, ne è il protagonista; il primo dei tre capitoli di cui si compone è caratterizzato dall'accumularsi, dal susseguirsi di stati di coscienza anomali, di sempre più frequenti irruzioni dell'anomalo nel quotidiano di questi.

Cinofilo da sempre, adesso, quando entra in una sala cinematografica: "A poco a poco l'energia fuggiva altrove. Cominciò questo suo nuovo centro vitale sensitivo, ad oscillargli sopra la testa... Si muoveva con rapide cadute... ad un palmo dai volti pallidi degli spettatori, tra i quali con raccapriccio vide se stesso... gli pareva di volare in un antro maleodorante e di lambire le carni dei suoi abitanti." (pagg. 32-33).

Durante una cenetta in un ristorante, mentre Marcella, la sua compagna, gli sta raccontando un sogno, lui si incanta, la sua coscienza si fissa in un altrove lontanissimo da lei; dopo essere stato destato, tra gli sguardi sbigottiti di quelli: "Quel che vide gli provocò un singulto di vomito (...); nel fondo del piatto le sue mani, armate di coltello e forchetta, continuavano ancora, meccanicamente, a martoriare la carne del filetto ridotta ormai ad una poltiglia di sangue." (pagg. 50-51).

Questi ed altri fatti lo inducono a chiudersi in casa, senza voler vedere nè sentire nessuno.

Vi sono qui due paginette e mezza, neanche, tra le più pregnanti dell'intera opera: "Ridotta la casa a pochi percorsi ossessivi... Umberto U. trascorreva lunghe ore di silenzio con... la mente concentrata su un qualche gesto che sin dal mattino s'era imposto di compiere e che invece rimandava continuamente e, con ostinata rinuncia, proiettava nella sfera del possibile e forse anche del necessario, ma non fattibile... Spesso... perdeva il controllo su sè stesso. Si smarriva, allora, in opposti e contrari desideri, in fantasie sparse e tra loro ostili, in fissazioni corporali... lo insidiava una smania di uscire nell'umido della sera, di cercare le prime ombre della notte... A volte resisteva, a volte cedeva. Non poche volte, a notte ormai inoltrata, riusciva, pieno di angoscia, ad abbandonare l'appartamento e, scivolando per i vicoli già deserti del centro, ad inoltrarsi nei giardini più bui o, affacciato da qualche ponte, a fissarsi sullo scorrere dell'acqua." (pagg. 53-55).

In seguito a tutto ciò decide di trasferirsi nella villa in cui era stato da fanciullo, in un paesino.

Il secondo capitolo è nettamente distinto in due parti, ovvero il proseguimento della narrazione sul piano narrativo del primo, e una lunghissima parentesi diaristica, consistente nella lettura, da parte di Umberto U., di vecchie e logore pagine del povero nonno.

E senza dubbio nella prima che si trovano le cose migliori: "La tranquillità del luogo gli aveva concesso una sonnolenta calma... Aveva ritrovato tutti i luoghi della sua memoria... Ma... non ricordava il sapore di un tempo." (pagg. 71-72).

Il tema della "sacra dimora" direi che è qui molto esplicito; dopo il suo abbandono, il ritorno e quindi la "...dimora ritrovata..."; la poetica dell'ultima frase citata mi ricorda molto da vicino quella del Barnabò buzzantiano (vedi), quando, dopo l'esilio in pianura, torna alle sue crode.

La parte diaristica descrive la follia del vecchio, terrorizzato dalla sorte a tal punto da, appunto, impazzire, per compiere orrendi atti di vandalismo nei cimiteri; ma questa atroce verità Umberto U. la scoprirà in un secondo tempo; nel diario tutto è narrato attraverso il fitto velo dell'erudizione tutta particolare del vecchio: "...se leggo di fantasmi, il cuore mi sembra ricevere sollievo e quasi rallegrarsi nella finzione dell'orrore." (pag. 95); si cita Hoffmann, tra le sue letture, che fra l'altro, questi, sicuramente, è tra i favoriti del Nostro.

Nel terzo ed ultimo capitolo si possono notare alcuni motivi sovrapposti: l'atteggiamento psicologico del burocrate dinanzi al sottoproletariato, al ceto medio, agli operai, la non comunicabilità con questi, il loro essere, per lui, solo "...forti referenti del lavoro..."; "...risorsa da scambiare." (pag. 137). La sua angoscia di non riconoscersi "...nel numero dei superstiti..." in una eventuale "...catastrofe universale..." (pag. 146). E, poi, la ripresa, direi essenziale, di un motivo delle prime pagine, il soffermarsi della libido di lui "...il pulsare tranquillo e allettante di una piccola vena..." di Marcella (pag. 34), che qui "...sta offrendo allo sguardo di Umberto U...." (pag. 145).

A letto con l'amante, infine, le succhia il sangue da un graffio al seno: "Così, riverso sul petto di Silvana, Umberto U. poco a poco riprende energia, sente tornargli un calore prima sconosciuto, prova un lungo e inestinguibile piacere." (pagg. 149-150); ove l'ipotesi razionale dell'anemia e quella irrazionale del vampirismo cozzano duramente; "...gli sembra possibile il paradosso fantastico, e tuttavia per lui così familiare, di essere un vampiro." (pag. 152).

Ed ecco che, quindi, magistralmente, un grande della nostra intellighentia ha saputo dar corpo ad un'opera sul vampiro, archetipo che "...non è di nessun autore, ma è ormai entrato nel patrimonio archetipico, oltrechè artistico, del mondo occidentale e non." (Claudio de nardi, in "Mainstream, vampiri e dintorni", "L'altro regno" n. 2, anno 1°, ed. Solfanelli, '85, pag. 13), che qui "...segna l'irruzione nella vita di ciò che la politica, per fondare se stessa, ha dovuto rimuovere: il senso del pericolo e della morte." (Antonio Caronia, op.cit.).

Da questo romanzo è stato tratto un film omonimo (vedi).


originariamente in "Algenib notizie" n. 9/10, '91






[ Indietro ]

Recensioni Fs italiana

Copyright © di IntercoM Science Fiction Station - (1320 letture)



Questo portale è realizzato con l'ausilio del CMS PhpNuke
Tutti i loghi e i marchi registrati appartengono ai rispettivi proprietari. I commenti sono di proprietà dei rispettivi autori.
Tutto il resto è ©2003-2006 di IntercoM Science Fiction Station. È Possibile usare il materiale di questo sito citandone la fonte.
Potete sindacare le news del portale di IntercoM usando il file backend.php