Home
Account
  Autori· Saggistica· Narrativa· Comics· Speciali· Cinema· Interviste· Musica CERCA   
     
Menu Principale

News precedenti

Venerdì, 05 febbraio
· Il Gondoliere
Venerdì, 15 gennaio
· Cinema d'animazione: tre esempi francesi
Mercoledì, 16 dicembre
· Fumetti Digitali
· VITA IN LETTERE (Novembre)
· VITA IN LETTERE - Ottobre 2009
Venerdì, 04 dicembre
· Il quinto principio di Vittorio Catani su Urania
Venerdì, 06 novembre
· Dalla fantascienza alla guerriglia mediatica
Martedì, 03 novembre
· De ''Gli Inganni di Locke Lamora'' e di altre stronzate...
Venerdì, 30 ottobre
· La narrativa di Ted Chiang
· VITA IN LETTERE - Settembre 2009
Martedì, 27 ottobre
· CORRADO MASTANTUONO - Tra Tex e Paperino: il disegnatore dei due mondi
Domenica, 11 ottobre
· Fissione
Domenica, 04 ottobre
· Yupanqui
Giovedì, 24 settembre
· VITA IN LETTERE - Agosto 2009
Martedì, 22 settembre
· VITA IN LETTERE (Agosto)
Martedì, 15 settembre
· Le lezioni sempre ignorate della Storia
Lunedì, 14 settembre
· Isole
Giovedì, 03 settembre
· I 10 libri da riscoprire
· VITA IN LETTERE (Luglio)
· VITA IN LETTERE - Luglio 2009
Sabato, 11 luglio
· L'ermetismo nei lavori di Alexey Andreev
Giovedì, 09 luglio
· VITA IN LETTERE (Giugno)
Domenica, 05 luglio
· I ciccioni esplosivi
Mercoledì, 01 luglio
· VITA IN LETTERE - Giugno 2009
· Futurama
Domenica, 21 giugno
· Venature
Domenica, 31 maggio
· VITA IN LETTERE (maggio)
Sabato, 16 maggio
· Il bacio della Valchiria
Giovedì, 14 maggio
· VITA IN LETTERE - Maggio 2009
Giovedì, 07 maggio
·

City of steel, city of air

Martedì, 28 aprile
· VITA IN LETTERE (aprile)
Lunedì, 27 aprile
· Ritratto di gruppo con signora
Martedì, 21 aprile
· L'ultima possibilità
Lunedì, 20 aprile
· J. G. Ballard
Giovedì, 16 aprile
· La voce nella notte
Giovedì, 02 aprile
· I primi dopo gli antichi persiani
Mercoledì, 01 aprile
· VITA IN LETTERE - Marzo 2009
Martedì, 31 marzo
· ''Il giudice di tutta la terra (The judge of all the earth)
Domenica, 29 marzo
· ''Amici assenti (Absent friends)''
Sabato, 28 marzo
· Considera le sue vie (Consider her ways - 1956) di John Wyndham (1903-1969)
Venerdì, 20 marzo
· ''A mezzanotte, tutti gli agenti…
(At Midnight, All the Agents...)''
Mercoledì, 11 marzo
· Vito Benicio Zingales e il Truccatore dei morti: intervista all’autore
· Vito Benicio Zingales: il Capolavoro noir è “Il truccatore dei morti”
Martedì, 10 marzo
· Timestealer
· Specchi irriflessi (The Tain - 2002) di China Miéville
Lunedì, 02 marzo
· La Rocca dei Celti
Domenica, 01 marzo
· Violazione di Codice
· QUANDO C'ERA IL MARE…
Domenica, 22 febbraio
· Rumspringa
Lunedì, 01 dicembre
· Il sogno delle 72 vergini

Articoli Vecchi

Area Riservata
I cani di Gerusalemme


di Fabio Carpi e Luigi Malerba-FANTASTICO

"Riflessi" n. 49, ed. Theoria, '88, 146 pagg., 8.000 £ (4,13 €); © by Edizioni Theoria s.r.l.


Altri contributi critici

-"La crociata del barone attorno al suo castello", di Giovanni Raboni, "Corriere della sera" del 4/12/'97


Come ben sappiamo, di tipi di letteratura fantastica ce ne sono molti, ed, effettivamente, credevo proprio di averne letti, almeno esempi, proprio tutti, prima di leggere questo romanzo. Non è, infatti, fantascienza, né fantasy, né horror, né alcuno dei vari sottogeneri di essi. Si tratta di quel tipo di fantastico che nasce dalla satira filosofica, e che si svolge in un mondo normale, ma che non per questo è meno fantastico.

Questo "I cani di Gerusalemme" è infatti la storia di un barone e del suo servo che intraprendono un viaggio metaforico. Come si possa intraprendere un viaggio metaforico è presto detto. Essi vogliono percorrere tanta strada quanto quella che ci sarebbe fino a Gerusalemme, ma girando intorno al castello, per andare alle crociate. Ed è già fantastico.

Il reale del loro assurdo girare per centinaia di volte e quello del viaggio reale si sovrappongono, nelle loro menti, creando una gustosa situazione.

La differenza sociale e culturale fra i due protagonisti insaporisce ancor più la cosa: "L'odio del servo per il padrone è l'odio più antico, più sicuro, più umano, fra tutti i modi di odiare." (pag. 97).

Per capire che cosa abbiano voluto dire gli autori basta sapere che l'assurdo viaggio è stato suggerito dal prete del castello, vista la riluttanza del barone per ogni tipo di violenza, per, esplicitamente, far si che i debiti del padrone venissero annullati per beneficio dell'intervento della Chiesa, come succedeva a chi andava alle Crociate, ma, segretamente, per farlo morire di fame e di stenti a pochi passi dal suo castello ed impossessarsi, lui e la sua curia, dei suoi beni; e questa frase: "...oggi tutto quanto si compie in nome di Dio e per volontà... dei migliori uomini della Chiesa, è solo vanità e opera di inganno, e perciò porta il marchio della sopraffazione e della violenza. Allora io scelgo il non-fare, la non-azione, la non-partecipazione, l'assenza. È il mio modo di battermi contro l'ignoranza e la crudeltà di questa nostra epoca ottusa. Io mi nascondo, mi cancello, dico di no." (pagg. 30-31).

Molto nichilismo, dunque, che rispunta anche nell'ultimo capitolo, intitolato appunto: "Dove Nicomede dichiara che il mondo non c'è e che è meglio dormire per sognare di esistere." (pag. 144). E un fortissimo anticlericalismo, all'insegna di una scetticismo filosofico.


Originariamente in "Algenib notizie" n. 12/13, '91






[ Indietro ]

Recensioni Fs italiana

Copyright © di IntercoM Science Fiction Station - (493 letture)



Questo portale è realizzato con l'ausilio del CMS PhpNuke
Tutti i loghi e i marchi registrati appartengono ai rispettivi proprietari. I commenti sono di proprietà dei rispettivi autori.
Tutto il resto è ©2003-2006 di IntercoM Science Fiction Station. È Possibile usare il materiale di questo sito citandone la fonte.
Potete sindacare le news del portale di IntercoM usando il file backend.php