Home
Account
  Autori· Saggistica· Narrativa· Comics· Speciali· Cinema· Interviste· Musica CERCA   
     
Menu Principale

News precedenti

Venerdì, 05 febbraio
· Il Gondoliere
Venerdì, 15 gennaio
· Cinema d'animazione: tre esempi francesi
Mercoledì, 16 dicembre
· Fumetti Digitali
· VITA IN LETTERE (Novembre)
· VITA IN LETTERE - Ottobre 2009
Venerdì, 04 dicembre
· Il quinto principio di Vittorio Catani su Urania
Venerdì, 06 novembre
· Dalla fantascienza alla guerriglia mediatica
Martedì, 03 novembre
· De ''Gli Inganni di Locke Lamora'' e di altre stronzate...
Venerdì, 30 ottobre
· La narrativa di Ted Chiang
· VITA IN LETTERE - Settembre 2009
Martedì, 27 ottobre
· CORRADO MASTANTUONO - Tra Tex e Paperino: il disegnatore dei due mondi
Domenica, 11 ottobre
· Fissione
Domenica, 04 ottobre
· Yupanqui
Giovedì, 24 settembre
· VITA IN LETTERE - Agosto 2009
Martedì, 22 settembre
· VITA IN LETTERE (Agosto)
Martedì, 15 settembre
· Le lezioni sempre ignorate della Storia
Lunedì, 14 settembre
· Isole
Giovedì, 03 settembre
· I 10 libri da riscoprire
· VITA IN LETTERE (Luglio)
· VITA IN LETTERE - Luglio 2009
Sabato, 11 luglio
· L'ermetismo nei lavori di Alexey Andreev
Giovedì, 09 luglio
· VITA IN LETTERE (Giugno)
Domenica, 05 luglio
· I ciccioni esplosivi
Mercoledì, 01 luglio
· VITA IN LETTERE - Giugno 2009
· Futurama
Domenica, 21 giugno
· Venature
Domenica, 31 maggio
· VITA IN LETTERE (maggio)
Sabato, 16 maggio
· Il bacio della Valchiria
Giovedì, 14 maggio
· VITA IN LETTERE - Maggio 2009
Giovedì, 07 maggio
·

City of steel, city of air

Martedì, 28 aprile
· VITA IN LETTERE (aprile)
Lunedì, 27 aprile
· Ritratto di gruppo con signora
Martedì, 21 aprile
· L'ultima possibilità
Lunedì, 20 aprile
· J. G. Ballard
Giovedì, 16 aprile
· La voce nella notte
Giovedì, 02 aprile
· I primi dopo gli antichi persiani
Mercoledì, 01 aprile
· VITA IN LETTERE - Marzo 2009
Martedì, 31 marzo
· ''Il giudice di tutta la terra (The judge of all the earth)
Domenica, 29 marzo
· ''Amici assenti (Absent friends)''
Sabato, 28 marzo
· Considera le sue vie (Consider her ways - 1956) di John Wyndham (1903-1969)
Venerdì, 20 marzo
· ''A mezzanotte, tutti gli agenti…
(At Midnight, All the Agents...)''
Mercoledì, 11 marzo
· Vito Benicio Zingales e il Truccatore dei morti: intervista all’autore
· Vito Benicio Zingales: il Capolavoro noir è “Il truccatore dei morti”
Martedì, 10 marzo
· Timestealer
· Specchi irriflessi (The Tain - 2002) di China Miéville
Lunedì, 02 marzo
· La Rocca dei Celti
Domenica, 01 marzo
· Violazione di Codice
· QUANDO C'ERA IL MARE…
Domenica, 22 febbraio
· Rumspringa
Lunedì, 01 dicembre
· Il sogno delle 72 vergini

Articoli Vecchi

Area Riservata
Profumo alchemico


di Pierfelice Bernacchi-FANTASTICO

"la Lampada di Alhazred" n. 17, ed. Solfanelli '92, 75 pagg., 6.000 £ (3,1 €); © by Marino Solfanelli Editore



Questa bella collana della scomparsa ed. Solfanelli offriva dei romanzi brevi quasi esclusivamente italiani di una certa qualità.

Ora sono praticamente introvabili, ma, e forse proprio per questo, mi pare giusto dirne.

Qui, è il personaggio dell'archeologo Enrico Hoffman, creato dall'autore nel racconto "Astarte: il genio del venerdì", che ha un'altra avventura.

Questa volta scopre, nelle campagne toscane, niente di meno che una fonderia nella quale si cela il segreto alchemico, appunto, della trasmutazione dei metalli vili in oro; in una chiesetta sconsacrata dove, prima, vede il cadavere di un morto ammazzato, e poi rischia di fare la sua stessa fine.

Una chiesetta che: "...benchè lontana dalle vie del commercio e priva di ogni interesse militare, fu teatro di sanguinosi scontri per la sua conquista tra i monaci dell'Ordine del Tempio e quelli dell'Ospedale." (pag. 32).

Ma, tutto ciò, è raccontato in una cornice di quieta quotidianità, con contorno di storia d'amore, cosa che fa risaltare maggiormente la fantasticità di quanto poi vi avviene; una figura misteriosa vi si muove sullo sfondo, che, alla fine, si rivelerà essere, effettivamente, qualcosa di molto... alieno.

Infatti, dopo l'esperienza quasi mistica in un sotterraneo celato della chiesetta ("...percepiva la presenza di qualcosa a lui sconosciuto... sensazioni mai provate prima. La capacità di avvertire gli stimoli provenienti dall'ambiente esterno e da quello interno del proprio organismo, pareva centuplicata. L'ordine delle sensazioni infinito... (ma a ciò) corrispondeva una lenta e progressiva atrofizzazione delle masse muscolari... presenza aliena..." (pag. 55); "Un coro gregoriano mescolato al soffiare dei mantici e del battere dei magli invase l'intera fonderia.... D'un colpo la fonderia si era animata di sette cavalieri, nudi sino alla vita, che assorti lavoravano tra mortai e crogioli." (pag. 57)), il protagonista, risalito indizialmente a che gli ha telefonato uno strano ammonimento, si ritrova a parlare con costui in una "...dimensione parallela... dove tempo, spazio e materia hanno valori ben diversi da quella terrena." (pag. 70), come quella nella quale l'aveva vissuta: "Pur consapevole di trovarsi nella bottega, seduto su di una comoda poltrona chester, e che Emilia lo stava aspettando sul viale dei tigli, gli pareva di volare tra vortici di fuoco e gigantesche cascate di cristalli." (pag. 69).

Che gli racconta di come essa sia la "...dimensione della Grande Opera." (Idem), e che: "L'immaginazione è il potere creativo, la più potente maga dell'universo..." (pag. 70), cosa che, probabilmente, ha fatto si che: "...la sua professione lo (abbia) portato ad un grado intuitivo altissimo, arricchendo la parte spirituale di sé." (pag. 71), portandolo ad essere stato in grado di vivere quell'esperienza; e questa.

E del profumo alchemico: "...l'antica mistura di Mosè... Onice, storace, galbano e incenso puro. Introvabile ormai nella dimensione usuale. Il segreto risiede nelle dosi." (pag. 71).

Il finale è altamente immaginativo, col protagonista che, inseguitolo, non solo non lo trova più, ma capisce di essere stato, nuovamente, in una dimensione, appunto, altra: "Non esisteva altra stanza al di fuori della bottega degli orologi" (pag. 72), dalla quale il personaggio misterioso, un orologiaio... era entrato, e dalla quale era uscito, e che, il Tempo, là, era differente: "Ma se ho parlato con il vecchio almeno per un quarto d'ora?"; "Esattamente un minuto e trenta secondi. Ho controllato per sicurezza." (pagg. 72-3).






[ Indietro ]

Recensioni Fs italiana

Copyright © di IntercoM Science Fiction Station - (539 letture)



Questo portale è realizzato con l'ausilio del CMS PhpNuke
Tutti i loghi e i marchi registrati appartengono ai rispettivi proprietari. I commenti sono di proprietà dei rispettivi autori.
Tutto il resto è ©2003-2006 di IntercoM Science Fiction Station. È Possibile usare il materiale di questo sito citandone la fonte.
Potete sindacare le news del portale di IntercoM usando il file backend.php