Home
Account
  Autori· Saggistica· Narrativa· Comics· Speciali· Cinema· Interviste· Musica CERCA   
     
Menu Principale

News precedenti

Venerdì, 05 febbraio
· Il Gondoliere
Venerdì, 15 gennaio
· Cinema d'animazione: tre esempi francesi
Mercoledì, 16 dicembre
· Fumetti Digitali
· VITA IN LETTERE (Novembre)
· VITA IN LETTERE - Ottobre 2009
Venerdì, 04 dicembre
· Il quinto principio di Vittorio Catani su Urania
Venerdì, 06 novembre
· Dalla fantascienza alla guerriglia mediatica
Martedì, 03 novembre
· De ''Gli Inganni di Locke Lamora'' e di altre stronzate...
Venerdì, 30 ottobre
· La narrativa di Ted Chiang
· VITA IN LETTERE - Settembre 2009
Martedì, 27 ottobre
· CORRADO MASTANTUONO - Tra Tex e Paperino: il disegnatore dei due mondi
Domenica, 11 ottobre
· Fissione
Domenica, 04 ottobre
· Yupanqui
Giovedì, 24 settembre
· VITA IN LETTERE - Agosto 2009
Martedì, 22 settembre
· VITA IN LETTERE (Agosto)
Martedì, 15 settembre
· Le lezioni sempre ignorate della Storia
Lunedì, 14 settembre
· Isole
Giovedì, 03 settembre
· I 10 libri da riscoprire
· VITA IN LETTERE (Luglio)
· VITA IN LETTERE - Luglio 2009
Sabato, 11 luglio
· L'ermetismo nei lavori di Alexey Andreev
Giovedì, 09 luglio
· VITA IN LETTERE (Giugno)
Domenica, 05 luglio
· I ciccioni esplosivi
Mercoledì, 01 luglio
· VITA IN LETTERE - Giugno 2009
· Futurama
Domenica, 21 giugno
· Venature
Domenica, 31 maggio
· VITA IN LETTERE (maggio)
Sabato, 16 maggio
· Il bacio della Valchiria
Giovedì, 14 maggio
· VITA IN LETTERE - Maggio 2009
Giovedì, 07 maggio
·

City of steel, city of air

Martedì, 28 aprile
· VITA IN LETTERE (aprile)
Lunedì, 27 aprile
· Ritratto di gruppo con signora
Martedì, 21 aprile
· L'ultima possibilità
Lunedì, 20 aprile
· J. G. Ballard
Giovedì, 16 aprile
· La voce nella notte
Giovedì, 02 aprile
· I primi dopo gli antichi persiani
Mercoledì, 01 aprile
· VITA IN LETTERE - Marzo 2009
Martedì, 31 marzo
· ''Il giudice di tutta la terra (The judge of all the earth)
Domenica, 29 marzo
· ''Amici assenti (Absent friends)''
Sabato, 28 marzo
· Considera le sue vie (Consider her ways - 1956) di John Wyndham (1903-1969)
Venerdì, 20 marzo
· ''A mezzanotte, tutti gli agenti…
(At Midnight, All the Agents...)''
Mercoledì, 11 marzo
· Vito Benicio Zingales e il Truccatore dei morti: intervista all’autore
· Vito Benicio Zingales: il Capolavoro noir è “Il truccatore dei morti”
Martedì, 10 marzo
· Timestealer
· Specchi irriflessi (The Tain - 2002) di China Miéville
Lunedì, 02 marzo
· La Rocca dei Celti
Domenica, 01 marzo
· Violazione di Codice
· QUANDO C'ERA IL MARE…
Domenica, 22 febbraio
· Rumspringa
Lunedì, 01 dicembre
· Il sogno delle 72 vergini

Articoli Vecchi

Area Riservata
Il libro del comando


di Giovanni Magherini Graziani, "il Voltaluna" n. 12, ed. Solfanelli, ’90, 7.000 £, 72 pagg.


Magherini Graziani è stato uno dei maggiori autori toscani a cavallo fra ‘800 e ‘900, e, qui, si raccolgono i suoi racconti più marcatamente fantatici, con una bella "Introduzione", di Enrico Rulli (pagg. 5-11).

Ciò che più di ogni altra cosa risalta è, comunque, lo stile, di questi suoi racconti: "…un musicalissimo toscano qua e là costellato da termini dialettali…" ("Introduzione", pag. 10). Ne risulta una scrittura decisamente inusuale, difficilmente ritrovabile altrove, che si riesce a leggere, contrariamente a quanto si potrebbe pensare, senza grosse difficoltà, anzi divertendo alquanto.

La fonte di essi, poi, ci informa sempre il Rulli, sono i racconti della tradizione orale tramandati nelle "veglie", quando ci "…si riuniva fino a tarda notte intorno a (d un) camino, spettegolando… o narrando storie… racconti semplici che prendevano spunto dalla vita quotidiana, ma avevano spesso uno sfondo fantastico." (idem, pag. 8).

E anche i loro personaggi, quindi, non posso che essere tali: "… con un occhio sempre puntato sull’attenta descrizione del quotidiano, l’autore predilig(e) quali protagonisti… persone di tutti i giorni…" (idem, pag. 10).

Per quanto riguarda il tipo di fantastico che vi si trova: "Il fantastico deve… i suoi personaggi alle varie credenze legate alla religione e in particolar modo ai suoi aspetti più suggestivi e misteriosi…" (idem, pag. 8).

Ed è evidentemente il demonio, uno di questi: "… veniva visto, oltre che come incarnazione del male e quindi della perdizione eterna, anche come maschera comica, come individuo da raggirare con furbizia tipicamente contadina…" (idem).



-"Il libro del comando" (originariamente in "Il diavolo" (S. Lapi 1886: 172 pagg.); pagg. 15-40)-due uomini vanno a caccia, e uno racconta all’altro ciò che accadde anni addietro in quei luoghi. Dapprima di fantasmi, rumori inspiegabili sentiti vicino a dove erano stati ritrovati numerosi resti umani, e poi di un uomo che possedeva un libriccino magico, per mezzo del quale poteva usufruire dei servigi del demonio stesso.

Il secondo racconto è decisamente il più importante; in esso si va a dire di un corteggiamento indesiderato, proprio da parte del "servo del demonio", che darà la prima opportunità di sospettare di lui.

Poi "si tradirà" coll’aiutare una fanciulla, e infine verrà deprivato, dal parroco del paese, del malefico libretto, che verrà murano in chiesa: "… la cantonata non è più voluta star ferma; più la ristuccano, e più lo spacco riapparisce." (pag. 39).


-"Lo specchietto" (originariamente in "Il diavolo" (S. Lapi 1886); pagg. 41-53)-nel quale si racconta di due uomini che, avendo uno subito un furto e l’altro essendosi visto uccidere i maiali coi quali contava di estinguere i propri debiti, vanno a Firenze, da un ebreo che ha uno specchietto nel quale è possibile vedere il colpevole di un torto subito.

E che, entrambi, poi, hanno la propria vita intaccata da presenze e forze demoniache.

A proposito di ciò il Rulli nell’introduzione scrive: "…l’opinione che i contadini di fine secolo avevano degli ebrei, gente estranea od ostile alla religione cristiana e che perciò non esitava a utilizzare strumenti maligni…" (pag. 10).


-"San Cerbone" (originariamente in "In valdarno" (Società tipografica cooperativa editoriale, ’10: 183 pagg.), anche in "Da uno spiraglio. Racconti neri e fantastici dell'Ottocento italiano", a cura di Riccardo Reim, pag. 302, poi "I big Newton" n. 76, pag. 312, ed. Newton Compton, ’92, 2002; pagg. 55-68)-ghost story piuttosto tipica, col viandante che, incappato in un temporale, trova rifugio in una villa.

E, là, sente il racconto dell’unico superstite, della servitù e dei padroni, di una duchessa e dell’omicidio da lei commissionato della donna con la quale suo marito la tradiva. E, di più, del loro apparire, come fantasmi, nelle notti (tipicamente) temporalesche.

Vi si legge, fra l’altro: "…molte cose ci s’immaginano, e di molte cose son più quelle che non si spiegano di quelle che si spiegano." (pag. 67).






[ Indietro ]

Recensioni Fs italiana

Copyright © di IntercoM Science Fiction Station - (369 letture)



Questo portale è realizzato con l'ausilio del CMS PhpNuke
Tutti i loghi e i marchi registrati appartengono ai rispettivi proprietari. I commenti sono di proprietà dei rispettivi autori.
Tutto il resto è ©2003-2006 di IntercoM Science Fiction Station. È Possibile usare il materiale di questo sito citandone la fonte.
Potete sindacare le news del portale di IntercoM usando il file backend.php