Home
Account
  Autori· Saggistica· Narrativa· Comics· Speciali· Cinema· Interviste· Musica CERCA   
     
Menu Principale

News precedenti

Venerdì, 05 febbraio
· Il Gondoliere
Venerdì, 15 gennaio
· Cinema d'animazione: tre esempi francesi
Mercoledì, 16 dicembre
· Fumetti Digitali
· VITA IN LETTERE (Novembre)
· VITA IN LETTERE - Ottobre 2009
Venerdì, 04 dicembre
· Il quinto principio di Vittorio Catani su Urania
Venerdì, 06 novembre
· Dalla fantascienza alla guerriglia mediatica
Martedì, 03 novembre
· De ''Gli Inganni di Locke Lamora'' e di altre stronzate...
Venerdì, 30 ottobre
· La narrativa di Ted Chiang
· VITA IN LETTERE - Settembre 2009
Martedì, 27 ottobre
· CORRADO MASTANTUONO - Tra Tex e Paperino: il disegnatore dei due mondi
Domenica, 11 ottobre
· Fissione
Domenica, 04 ottobre
· Yupanqui
Giovedì, 24 settembre
· VITA IN LETTERE - Agosto 2009
Martedì, 22 settembre
· VITA IN LETTERE (Agosto)
Martedì, 15 settembre
· Le lezioni sempre ignorate della Storia
Lunedì, 14 settembre
· Isole
Giovedì, 03 settembre
· I 10 libri da riscoprire
· VITA IN LETTERE (Luglio)
· VITA IN LETTERE - Luglio 2009
Sabato, 11 luglio
· L'ermetismo nei lavori di Alexey Andreev
Giovedì, 09 luglio
· VITA IN LETTERE (Giugno)
Domenica, 05 luglio
· I ciccioni esplosivi
Mercoledì, 01 luglio
· VITA IN LETTERE - Giugno 2009
· Futurama
Domenica, 21 giugno
· Venature
Domenica, 31 maggio
· VITA IN LETTERE (maggio)
Sabato, 16 maggio
· Il bacio della Valchiria
Giovedì, 14 maggio
· VITA IN LETTERE - Maggio 2009
Giovedì, 07 maggio
·

City of steel, city of air

Martedì, 28 aprile
· VITA IN LETTERE (aprile)
Lunedì, 27 aprile
· Ritratto di gruppo con signora
Martedì, 21 aprile
· L'ultima possibilità
Lunedì, 20 aprile
· J. G. Ballard
Giovedì, 16 aprile
· La voce nella notte
Giovedì, 02 aprile
· I primi dopo gli antichi persiani
Mercoledì, 01 aprile
· VITA IN LETTERE - Marzo 2009
Martedì, 31 marzo
· ''Il giudice di tutta la terra (The judge of all the earth)
Domenica, 29 marzo
· ''Amici assenti (Absent friends)''
Sabato, 28 marzo
· Considera le sue vie (Consider her ways - 1956) di John Wyndham (1903-1969)
Venerdì, 20 marzo
· ''A mezzanotte, tutti gli agenti…
(At Midnight, All the Agents...)''
Mercoledì, 11 marzo
· Vito Benicio Zingales e il Truccatore dei morti: intervista all’autore
· Vito Benicio Zingales: il Capolavoro noir è “Il truccatore dei morti”
Martedì, 10 marzo
· Timestealer
· Specchi irriflessi (The Tain - 2002) di China Miéville
Lunedì, 02 marzo
· La Rocca dei Celti
Domenica, 01 marzo
· Violazione di Codice
· QUANDO C'ERA IL MARE…
Domenica, 22 febbraio
· Rumspringa
Lunedì, 01 dicembre
· Il sogno delle 72 vergini

Articoli Vecchi

Area Riservata

ONDE ASSASSINE

Inserito Venerdì 18 febbraio 2005

Narrativa un racconto di Donato Altomare (che poi non significa che le onde che uccidono sono quelle del mare)
dal volume E la Padella Disse...

- Allora?
- Sono lì, al terzo piano di quel grosso edificio. Come antenne usano i supporti della pubblicità della Coca Cola.
- Sono supporter della Coca Cola?
- No, signor tenente, i supporti, sa, quelle cose che reggono i cartelloni pubblicitari sul tetto.
- Ingegnoso, davvero ingegnoso. Ma come siete riusciti a scoprirli?
- Una soffiata, signore.
- Spero non di naso, eh eh eh, l’è piaciuta, sergente? Ma mi dica, avevano un palo da qualche parte?
- Una vecchietta.
- Det’s incredible!
- Prego?
- Non c’è bisogno, basta chiedere per piacere.
- Insignificante all’apparenza, passava l’intera giornata dietro la finestra dell’abitazione di fronte - col capo indicò un edificio semidiroccato, - in caso di pericolo o movimenti sospetti doveva mettere ben in vista un paio di mutandoni rossi. Come stesi ad asciugare.
- Davvero ingegnoso. Ma quando vi ha visto arrivare non ha lanciato l’avvertimento?
- Siamo stati fortunati, signore, l’unico paio di mutandoni rossi li aveva indosso. L’abbiamo raggiunta prima che riuscisse a toglierseli ed esporli.
- Ottimo, ma, mi dica, sergente, come siete riusciti a farla parlare? So bene che è quasi impossibile costringere una vecchietta a confessare.
- E’ stato molto difficile, l’abbiamo torturata in mille modi, l’abbiamo frustata a sangue, le abbiamo tolto le unghie delle mani e dei piedi...
- Sì... - interessato.
- Poi le abbiamo cotto i piedi nell’olio bollente...
- Sì... - molto interessato.
- Poi le abbiamo infilato le dita delle mani in un tritacarne...
- Sì... - vagamente eccitato.
- Poi le abbiamo strappato i residui quattro denti veri con le tenaglie da fabbro...
- Sì... sì... - eccitato.
- Poi le abbiamo tolto striscioline di pelle e carne dalla schiena e gliele abbiamo fatte mangiare crude.
- Sì... sì.... sì... - in preda a un inizio di orgasmo.
- Poi le abbiamo messo degli uncini nelle mammelle flaccide e l’abbiamo appesa al soffitto...
- Sì... sì... sì... sì... sì... - ansimando e sbavando.
- Poi le abbiamo cucito col fil di ferro le grandi labbra...
- Sìììììììììììììììììììììì - macchie chiare che compaiono sulla patta dei pantaloni del tenente.
- Ma non ha parlato.
- Tremenda resistenza...pat pat... magnifica resistenza...pat pat... non... non scordi di prepararmi un rapporto dettagliato, pat... molto, MOOOOOOLTO dettagliato.
- Non dubiti, signor tenente.
- Ma poi, come siete riusciti a farla parlare?
- Con una terribile minaccia. Le abbiamo detto che se non avesse confessato e fatto l’elenco dei complici l’avremmo costretta a leggere TUTTE LE OPERE dello scrittore Regalato Bassamontagna. E lei ha cominciato a urlare chiedendo pietà.
- Non la pensavo così crudele, sergente, mi vengono i brividi soltanto a sentir pronunciare quel nome, ma siamo in guerra contro la malavita e ogni mezzo è lecito per difendere la brava gente. Sono pronti gli uomini?
Il sergente chinò lo sguardo e balbettò: - Di essere pronti lo sono sempre, ma è che...
- C’è qualcosa che non va? - il tono dell’ufficiale si era fatto dolce.
- Signore... è che... è che...
- Su, parli - accarezzandogli il cranio pelato e dandogli un bacio sulla fronte sudaticcia - sa che può confidarsi con me, sergente.
- Vede, è che... che i ragazzi hanno paura.
Il tenente sollevò lo sguardo al cielo: - Paura? Cosa significa?
- Fifa, cacarella...
- Cacarella?
- Sì, signor tenente, per la missione che li attende, i ragazzi se la fanno sotto.
L’ufficiale si grattò il mento rasato a metà secondo l’ultima moda del bastiancontrario, annuì cupamente, era un inconveniente che non aveva preso in considerazione, doveva trovare una soluzione, rapidamente.
- Sergente, lì di fronte, vedo l’insegna dipinta a mano su cartone pressato di un supermercato.
- La vedo anch’io, signore.
- Allora vada lì e acquisti con il fondo cassa per gli invalidi di servizio un pacco di pannoloni, poi li distribuisca tra gli uomini. Così risolveremo il loro problema.
- Minghia, signor tenente - esclamò il sottufficiale ammirato, - non ci avevo proprio pensato.
- Logico, qui chi deve pensare sono io. Allora? Tra venti minuti vi voglio tutti pronti all’azione. - E tornò nella sua auto-monolocale parcheggiata nell’isolato vicino.
 
- Sei sicuro che si faccia così?
- Ma tua madre non t’ha detto proprio nulla?
- Mia madre è una donna all’antica, convinta che la femmina dev’essere succube e non prendere mai iniziative.
Il ragazzo fissò Fabiola e scosse il capo: - Proprio di una come te dovevo andarmi a innamorare! - Ma quando vide i suoi occhioni riempirsi di lacrime le prese il viso tra le mani. Glielo restituì subito perché lei non ne poteva fare a meno: - Su, non fare così, va bene, farò tutto io, tu resta ferma, ecco, metti le gambe così, sdraiati, devi stare comoda, queste sono cose che si fanno bene o non si fanno per nulla. Brava, così, no, non c’è bisogno di aprire troppo la bocca, è inutile, poi non ho per il momento intenzione di farlo oralmente, anche se ti assicuro che non è affatto spiacevole, anzi. E non fare quella smorfia, non fa schifo. No, non ti girare, non è il momento di metterti di spalle, per ora devi metterti davanti, senza timore o esitazione, sì, spogliati, è molto meglio, sì, brava, così, leggera e distesa. Pensa che una volta io....
- Scusa, siamo qui per suicidarci o per scrivere un monologo?
Fabio strinse le labbra, la ragazza aveva ragione. Si distese pure lui nudo davanti alla trasmittente e chiuse gli occhi.
Lei si accorse che se l’era un po’ presa e cercò di farlo parlare ancora: - Sei sicuro che funzioni?
Lui strinse ancor di più le labbra, ma si arrese subito: - E’ stato ampiamente dimostrato che le onde sonore, elettroniche, magnetiche ecc. ecc., combinate insieme provocano il cancro, è per questo che è stata vietata ogni forma di trasmissione via etere.
- E’ certo che moriremo?
- Quando accenderò lo stereo e un paio di televisori sarà tremendo.
- Ho paura.
- Non voglio che il pensiero della morte attenui il nostro intendimento. Noi dobbiamo sbattere in faccia al mondo il nostro disprezzo uccidendoci.
- Sarà una cosa lunga?
- E’ questo il bello, sarà un suicidio lunghissimo. Per ammalarci di cancro abbiamo bisogno di un buon numero di esposizioni, poi dobbiamo evitare accuratamente di farci curare e infine, quando si accorgeranno che il nostro male è a uno stadio irreversibile, sottoporci alla chemioterapia e a ogni intervento chirurgico adatto a farci morire il più tardi possibile.
- Più o meno?
- A essere ottimisti una decina d’anni.
Lei si alzò e prese a rivestirsi: - Quando ho parlato di suicidio lungo non intendevo decennale. Lasciamo perdere e torniamo tra gli amici.
Fabio sollevò le spalle. Ancora una volta non gli riusciva di uccidersi, c’era sempre qualcuno o qualcosa che gli faceva passare la voglia. Ma si poteva campare in qual modo!
Nell’altra sala la festa era in pieno svolgimento.
Ovunque musica, video.
Una festa di morte.
 
Avevano viaggiato per dieci anni, ma finalmente avevano raggiunto quel pianeta che sicuramente aveva una forma di vita tecnologicamente avanzata, a giudicare dalle emissioni che erano riusciti a percepire grazie ai potentissimi captatori di onde che avevano costruito sul proprio pianeta. Ora finalmente erano in vista del terzo pianeta di quel sistema solare. L’avevano subito battezzato Terra perché quando erano giunti il loro morale era sotto i piedi, praticamente a terra.
- Finelmend amm arrvate, vsraie. E mo ce facim?
- N’amme mett in condatt c l terristr.
- E com facimme?
- Nu comunicat ch r’ond elettromagnetiche, è u sstem chiù vlosc.
- Vsraie è ‘n’erc d scienz. Ce amme daisc?
- Ca prtimm la pasc e vlimmc ben.
- Mssagg mennete.
Traduzione dal linguaggio sudonese del pianeta Sudonia a quello terrestre:
  -Finalmente siamo giunti, vostra signoria. Adesso cosa facciamo?o?
- Dobbiamo metterci in contatto con i terrestri.
- E come facciamo?
- Una comunicazione con le onde elettromagnetiche (il termine è lo stesso in tutto l’universo), è il sistema più veloce.
- Vossignoria è un’arca di scienza (letterario. Sarebbe meglio un genio). Che cosa dobbiamo dire?-
- Che portiamo la pace e vogliamoci bene.
- Messaggio inviato.
La Terra fu inondata da onde elettromagnetiche.
Tutti gli Stati individuarono immediatamente la loro provenienza e scagliarono contro il presunto assalitore un centinaio di missili a pluritestate atomiche.
L’astronave aliena fu polverizzata appena dieci minuti dopo il suo arrivo presso il Pianeta Azzurro.
 
- Non voglio prigionieri.
- I ragazzi sono pronti, signor tenente.
- E allora, per la salute della gente, per i nostri cari, per i figli a cui spetta un mondo migliore e non questo letamaio, per loro che non devono chiedere... mai, per i nostri cari defunti che dormono il sonno della pace, per il Presidente degli Stati Uniti d’America...
- Scusi, signor tenente, siamo in Italia.
- Già, dicevo, per il Presidente della Monarchia Costituzionale, adorato Savoia. SAVOIA, SAVOIA, SAVOIA.
- HIP HIP HIP.... URRA’.
- Per le nostre future generazioni.
- CANCELLEREMO LE ONDE. - All’unisono.
- Per i nostri compagni di lavoro.
- STERMINEREMO LE ONDE.
- Per le nostre madri.
- ANNULLEREMO LE ONDE.
- Allora, uomini.... ehm, sergente, ha distribuito i pannoloni?
- Certo, signor tenente, li hanno indossati tutti al di sotto della divisa d’ordinanza.
- ALLORA, UOMINI.... ALL’ASSALTO!
Un urlo raccapricciante venne fuori dalle gole dei poliziotti antionde che come un fiume tumultuoso si precipitarono nella base segreta degli ondisti. La porta fu spalancata con una sventagliata di mitra.
Quello che successe dopo fu terribile.
- Fuoco a volontà - urlò il tenente che, impavido, si era lanciato per primo oltre la porta che ancora fumava. Del resto, con tutta la pubblicità che avevano fatto in quegli ultimi anni contro le sigarette soltanto qualche porta e qualche boschetto incendiato di recente continuavano a fumare.
Le pallottole sibilarono dappertutto. Furono fracassate subito le consolle e tutti gli altoparlanti ben visibili, poi si diede la caccia a quelli mimetizzati, uno persino da bidet, e alle riserve di cassette. I televisori furono fatti letteralmente a pezzi, come i microfoni e le trasmittenti. C’erano computer dappertutto. Lo stesso tenente, reduce da mille missioni, non aveva mai visto un tale livello di depravazione.
Balbettando il sergente aveva detto: - Ma... cosa... avevano... intenzione... di fare... qui?
Il tenente aveva risposto: - Forse... volevano... inondare... la... città... di... musica... e... altre... onde...
E il sergente: - Ma... è... una... infamia... una... tremenda...
- La smetta di parlare così, mi crea qualche problema nel rispondere, troppi puntini mi fanno intrecciare la lingua. - Fu allora che si accorse che nel covo era tornata la calma. - Perdite?
- Solo Furia e Toro, si sono sentiti male e hanno vomitato, e c’è intorno una gran puzza di merda, ma per il resto tutto bene.
- Il nemico?
- Distrutto il 99% del materiale. C’è stata anche una vittima, un ondista che si è lanciato a difendere col proprio corpo un televisore a colori modello CCCP 36 pollici Extralux.
- Uno dei più letali.
- Esatto, signor tenente, ma io stesso l’ho passato da parte a parte con una pallottola e ho distrutto il televisore.
- Bravo, sergente, la proporrò per una medaglia.
- Preferirei una vacanza alle Maldive con un paio di femmine.
-Vedremo cosa potrò fare, ma due femmine forse sono troppe.
Fu allora che i due giovani vennero fuori dalla stanza segreta del covo segreto. Era stata insonorizzata tanto bene che non si erano accorti di nulla. Quando furono nel mezzo dei resti della battaglia spalancarono gli occhi e scossero il capo. Poi tra le volute di fumo avanzarono incrociando gli sguardi dei loro assalitori. E allibirono.
- Papà... - disse la ragazza fissando il sergente.
- Papà... - disse il ragazzo fissando il tenente.
- Fabiola! - esclamò il sergente.
- Fabio! - esclamò il tenente.
E tutti e quattro si sentirono morire.
 
Intanto, da una lontana galassia, dopo dieci anni e un giorno giunse una seconda astronave aliena. Battezzò il pianeta Terra, perché la loro astronave era contrassegnata dalla lettera T e aveva errato da molto tempo, per cui il Comandante, quando  raggiunse il pianeta cominciò a dire al suo equipaggio: - T erra da tanto tempo ma finalmente è giunta a ecc. ecc. - Da quel momento tutto l’equipaggio chiamò quel bellissimo pianeta azzurro Terra.
- C’è scciss a Tonin?
(Da Sudonese a Terrestre: - Cos’è successo ad Antonio? - probabile Comandante della prima astronave.)
- E ce ‘n sacce, vsraie, tnev u segnel e d’ colp ha sparsciaut.
(- E che ne so io, vossignoria, avevo il segnale e di colpo è sparito.)
- N’amme mett subt in condatt ch l terristr, ci ne vetn poutn pensà cha l vlimme assalaie. Mennimm subt nu segnel d pasc.
   (- Ci dobbiamo mettere subito in contatto con i terrestri, se ci individuano - traduzione libera - potrebbero pensare che vogliamo assalirli. Mandiamo subito un segnale di pace.)
- Qual, vsraie?
(- Quale, vossignoria?)
- U chiù importent: vlimmece bene!
(- Il più importante: vogliamoci bene!)
E così la seconda astronave inondò la Terra con micro onde elettromagnetiche che tentarono di diffondere il messaggio ovunque. Tutti i popoli si accorsero del tentativo, ma non capirono, erano circa dieci anni che non disponevano di alcun genere di ricettori.
Partirono un centinaio di missili a pluritestate nucleari.
L’astronave aliena fu ridotta in briciole circa otto minuti (erano già in allarme giallo) dopo il suo arrivo.
 
Il silenzio aveva caratterizzato le seguenti otto ore durante le quali i quattro erano rimasti a fissarsi senza saper cosa fare. Finalmente la ragazza cadde a terra per la stanchezza e il ragazzo provò ad aiutarla.
- Non la toccare, porco! - urlò il sergente.
- Sta dando del porco a mio figlio, sergente - disse il tenente fulminandolo con uno sguardo.
- Mi... mi perdoni, signore, ma è che, io...
- Non si scusi, posso comprenderla, lo choc è stato tremendo anche per me. - Poi avvicinandosi ai due amanti: - Cosa fate qui?
- Volevamo morire - disse la ragazza fissando negli occhi il padre.
- Perché?
- Come, perché? E’ un mondo da vivere questo? Secondo voi, ditemi, è un mondo da vivere?
- Cos’hai da dire sul nostro mondo?
- E’... è freddo, indifferente, ipocrita, assassino. E poi è morto. Sì, questo è un mondo morto. E voi siete tutti mostri che vi aggirate in cerca di sangue.
- Ma tu sei pazza, ragazza. A me la vista del sangue fa svenire.
- Ehm, signor tenente, sta dando della pazza a mia figlia.
- Già, è vero, scusi, sergente, ma la tensione di questi ultimi eventi ha messo a dura prova persino il mio autocontrollo.
- Ha ragione, papà - intervenne Fabio (che se non ho fatto confusione dovrebbe essere il figlio del tenente). - Che razza di mondo ci avete costruito? Che razza di mondo ci lascerete? La violenza è pane quotidiano, e questa specie di Santa Inquisizione contro le onde. Non vi rendete conto che è tutto una follia?
I due padri si scambiarono uno sguardo. Uno solo bastò.
- Sergente?
- Dica, signor tenente.
- Credo che questi due abbiano bisogno di un po’ di fresco, mi capisce?
- Perfettamente, signore.- Fece un cenno a un paio di uomini che erano rimasti lì in attesa di ordini.
Dopo alcuni giorni i due si ritrovarono in Siberia a vivere di pesci pescati in buchi nei laghetti ghiacciati, di foche uccise a randellate e di renne allevate con cura e poi squartate per ricavare carne e pelle.
La loro vita divenne pesantissima, sicché non pensarono più alle idiozie delle onde, a quella di suicidarsi, anche perché lì sopravvivere tra orsi, ghiaccio perenne, follia da solitudine era peggio che suicidarsi.
  
Nel frattempo una terza astronave, proveniente dal pianeta Sudonia della costellazione chiamata Tutte Le Colpe Sono Sempre Qui, tecnologicamente più avanzato della Terra, raggiunse il pianeta del Sistema Solare. Subito l’equipaggio lo battezzò Terra, perché il loro Comandante che si chiamava Ra ringraziò il loro dio Ter per aver trovato un mondo civile e gridava ai microfoni: - Ter, Ra ti ringrazia.
- Ce scciss a Peppine?
(- Cos’è successo a Giuseppe? - probabile nome del Comandante la seconda astronave.)
- E ce n sacc, ecc. ecc....
- Mennimm u messagg... ecc. ecc.
(solito messaggio inviato in onde ipermicro, rilevabili persino dai tostapane.)
La Terra fu scossa da quel terzo tentativo.
Furono lanciati ottanta (si cominciò a temete un assalto in grande stile per cui si decise di risparmiare qualche missile) missili a pluritestate atomiche. L’astronave aliena andò in fumo sei minuti dopo essere giunta in vista della Terra.
 
- E così i saggi misero al bando ogni strumento in grado di produrre onde di qualsiasi genere, le onde assassine. Si è potuto verificare che non soltanto queste provocavano il cancro, ma stimolavano altre malattie. E la Follia. Attraversavano il corpo umano e sconvolgevano l’equilibrio cellulare, particolari conformazioni di onde modificavano persino il DNA così nascevano figli deformi e deficienti. Quando i giornali riportavano la notizia di un raptus, bene, l’individuo era stato sicuramente sottoposto a un bagno impressionante di onde d’ogni genere.
I due giovani annuirono sconfitti. Erano obbligati ad ascoltare. La quotidiana lezione di educazione civica era terminata. Avevano uno sguardo sconsolato. Erano dimagriti e ogni giorno veniva meno la loro voglia di vivere.
- Che facciamo? - chiese lei.
- Andiamo a caccia di piccoli di foca, in questo periodo li lasciano incustoditi sulla banchisa.
- Mi sono scocciata di rincorrere quei vermetti e ucciderli a colpi di bastone.
- Andiamo al vecchio aereo precipitato? Ci siamo stati una sola volta, vediamo cosa trasportava.
Lei si illuminò di un ampio sorriso. L’idea le piaceva.
L’aereo era pieno di trasmittenti e televisori e computer e ogni altro ben di Dio. Onda su onda.
 
La quarta astronave fu ridotta in atomi tre minuti dopo aver lanciato il messaggio di pace e battezzato quel meraviglioso pianeta Terra perché nella lingua dei propri avi Terra significava: meraviglioso pianeta azzurro che compare alla vista dopo dieci anni e tre giorni di navigazione nel buio dello spazio interstellare.
 
- E fonderemo qui la nuova colonia che chiameremo Ondina e che segnerà la rinascita della generazione degli Strumentisti. I nostri figli impareranno a usare questi strumenti, a dialogare tramite essi e a riportare nel mondo il loro messaggio di grande fratellanza.
- Scusa, Fabio, a proposito di figli, c’è una cosa che debbo assolutamente dirti, vedi io...
- No, non dirmelo, capisco, non voglio costringerti, ti lascio libera di decidere come e quando, non voglio interferire con il tuo corpo. Ma devo darti anche una grande notizia: sono riuscito a recuperare anche la trasmittente dell’aereo. Il problema era quello dell’energia, e il miracolo s’è verificato. Ho scoperto una dinamo che può essere messa in movimento grazie alla forza fisica. Cara, da adesso in poi non avremo più alcun problema su come scaricare le nostre energie giovanili, monteremo su una specie di bicicletta che costruirò e genereremo energia per far funzionare le nostre adorate apparecchiature. Sei felice?
- Mi stai dicendo che passeremo il resto della nostra vita pedalando?
- Esatto, non è magnifico?
- Dov’è il buco nel ghiaccio più vicino? Mi è venuta improvvisamente voglia di fare un bel tuffo.
 
Intanto finalmente dall’iperspazio venne fuori l’intera flotta di Sudonia. Sull’Ammiraglia, l’Ammiraglio era perplesso:
- Ce faine onn fatt Tonin, Peppin e Ciulin? E menc paure Morudd.
 (Da S. a T.: - Che fine hanno fatto Antonio, Giuseppe e Angelo? - quest’ultimo probabile nome del comandante Ra della terza nave. - E manca anche Mauro - probabile nome del comandante della quarta nave distrutta.)
- Da chessa venn du spazie nen g stonn. Son ternet ‘ndret o honn stat dstrutt.
(- In questo settore dello spazio non ci sono - traduzione libera -. O sono tornati indietro o sono stati distrutti.)
- Dstrutt? E percè? Nen’è ca honn fatt nudd d mel.
Certemend honn mennet nu messagg d pasc.
(- Distrutti? E perché? Non hanno fatto nulla di male.
Certamente hanno inviato un messaggio di pace.)
- E’ ovear, li tnimm rgstrat. Qualche cos nen g vè sop a cuss pianet.
(- E’ vero, abbiamo le registrazioni. C’è qualcosa che non va su quel pianeta.)
- Com s chiem?
(- Come si chiama?)
- WC003DSS second r cart astral. Ma u equipagg u chiem Terra.
(- WC003DSS secondo le carte astrali. Ma l’equipaggio lo chiama Terra.
- E percé?
(- E perché?)
- Quenn l’honn vist e s’honn reas cund du state ind a cui stavn honn pnsat: T.E.R.R.A, Tutti  (noi) Essere Ridotti (a) Rottami Acciaccati.
(- Quando l’hanno visto e si sono resi conto dello stato in cui erano hanno pensato: T.E.R.R.A, ecc.)
- Ve boun, mo ce facimme.
(- Va bene, adesso cosa facciamo?)
- E’ megghie mennè qualchedaun soup a la Terra. E’ megghie parlà direttemend, praim di schiaffiarl.
(- Sarà meglio mandare qualcuno sulla Terra. E’ meglio parlare direttamente, prima di schiaffeggiarli. - nel senso di punirli per la distruzione delle prime astronavi messaggere di pace .)
- E ne bon’idee, addov’u mennimm?
(- E’ una buona idea, dove lo mandiamo?)
- Ste nu sol post da do vengn segnel. E’ ne zon vcain o nord iert. A va fa friedd dà.
(- C’è un solo posto dal quale provengono segnali. E’ una zona vicina al nord estremo- Deve far freddo lì.)
- Facimm acchssì.
(- Facciamo così.)
E prima di inondare il pianeta con il messaggio di pace un individuo fu inviato in Siberia, dove Fabio e Fabiola stavano giocando con la radio dell’aereo abbattuto.
 
La fatica era tanta, ore e ore, giorno e notte a pedalare pur di ottenere un po’ di energia per lanciare con la radio il loro messaggio verso un sogno, quello di trovare altri radioamatori clandestini in ascolto.
Così, quando dal cielo scese l’alieno in una nube purpurea entrambi pensarono di avere le traveggole.
- Il diavolo - disse Fabio.
- Un angelo - disse Fabiola.
- Ma che cazzo succede qui? - disse l’alieno.
- In che senso, scusi?
- Come in che senso? - continuò imperterrito l’alieno che aveva indossato un traduttore simultaneo di lingua. - Vi spediamo quattro astronavi per annunciare il nostro arrivo in pa... - poi ebbe l’atroce dubbio che quella parola potesse scatenare istinti omicidi in tutti gli uomini per cui si riprese rapidamente - ... il nostro arrivo, e voi le distruggete.
- Noi? Guardi che ultimamente ho distrutto un nido di gabbiani e un paio di famigliole di foche. Non mi sarei mai permesso di distruggere quattro astronavi di diavoli.
- E’ un angelo - intervenne la ragazza.
- Ma non dite stronzate, quattro astronavi, quattrocento sudaniani, quaranta gatti sudaniani e un numero imprecisato di topi sudaniani. Come vi discolpate?
- Mi appello alla convenzione di Ginevra.
- Non so chi sia questa Ginevra, in ogni caso non temete, non siamo qui per vendicarci, ma per dire che la nostra gente è venuta qui in pa... ehm, non ha intenzione di muover guerra al vostro popolo.
- Te l’avevo detto che è un angelo - disse Fabiola.
- Il nostro popolo? - il ragazzo scoppiò in una crassa risata. - Il nostro popolo è morto. Quelli che si aggirano nel nostro pianeta sono soltanto dei mostri, abomini della natura che distruggono e impiccano la libertà.
- Cazzo! Allora siete proprio messi male, voi due. -  Il messaggero strinse quelle che dovevano essere le labbra anche se le aveva sotto le ascelle. - E sia, vi voglio aiutare. Vi consiglio di mettervi al riparo e non respirare tra le 15 e le 15 e 30 di domani pomeriggio. Faremo piazza pulita.
Vogliamo dimostrarvi tutta la nostra comprensione, poveri esserini. - Poi con un rapido cenno del sopracciglio ombelicale si allontanò.
- Vogliono aiutarci?
- Sono angeli.
Era l’ultimo pomeriggio normale di un mondo normale.
 
- R ntizie so cos’è pazz R trristr on arrmesta assolemend in dau. L’alt so moustr.
(- Le notizie che il nostro messaggero ci ha portato rasentano la follia e forse spiegano molte cose. Pare che i terrestri rimasti normali sulla terra siano soltanto due, mentre gli altri sono orrendi mostri.)
- Ce facimm, vsraie?
(- Che facciamo, vostra signoria?) 
- U strlezzimm, spruzzimm la Terra cu vlen e allassimm assolemend l dau normel.
(- Credo non ci resti altro che sterilizzare il pianeta, spruzzando il veleno lasciando in vita soltanto i due normali.)
 - E’ ne decisiona psend.
(- E’ una grave decisione.)
 - Honn distrutt quatt nev. Ce ptimm fa percè nen dstrugghene altre quarend?
(- Hanno distrutto quattro nostre astronavi. Che altro possiamo fare perché non ci distruggano altre quaranta astronavi?)
- E’ giust. Facimm accssì.
(- E’ giusto, facciamo così.)
E una miriade di piccole navette partì per mettersi in posizione circondando la terra in attesa del fatidico ordine di annaffiatura mortale.
 
- Cosa facciamo?
- Non ci conviene certo aprire un albergo con molte stanze. Se ho ben capito resteremo in pochini sulla Terra, tra breve.
- Ma non è giusto, potrebbe esserci ancora qualche essere gentile tra i mostri, potrebbe esserci un convinto ondista che ha soltanto bisogno di mettersi in contatto con noi.-
Fabio strinse i denti, la ragazza non aveva tutti i torti, un buon numero sì, ma proprio tutti... - Bene, ho un’idea, lanciamo un messaggio a bassissima frequenza, soltanto particolari apparecchi saranno in grado di riceverlo. Non certo quelli antidiluviani in dotazione della polizia per controllo. Se qualche ondista è in ascolto si salverà. E finalmente avremo un mondo ripulito dalla gentaglia e abitato esclusivamente da esseri come noi. Come te... come me...
- Comincio a sudar freddo...
- Ora pedala, abbiamo bisogno di molta, moltissima energia. - E i due ripresero la loro fatica giornaliera.
Il giorno dopo nella tarda mattinata erano in grado di lanciare in tutto il globo terracqueo il tremendo messaggio.
 
Il tenente lanciò un urlo di dolore e per qualche istante traballò, come colpito da un colpo di maglio. Il sergente lo guardò esterrefatto, stava tirandogli un pelo incarnato, non c’era bisogno di fare tante storie.
- Ma tenete, è soltanto...
- Taci, sto ricevendo un messaggio. - E allargò la bocca. Lì, tra i denti veri ce n’era uno finto, uno straordinario gioiello della tecnica antica, trattata con le dovute precauzioni in laboratori segretissimi. Nessuno sapeva che a tutti gli ufficiali era stato messo in bocca un dente finto in grado di ricevere e individuare le trasmissioni via etere.
- Nord... circa 5000 chilometri... sì, è di lì che viene questo infame tentativo di distruzione.
- Avviso la Centrale - intervenne il sergente, - e gli scagliamo contro una decina di missili a pluritestate nucleari?
- Non ancora, aspetta, voglio sapere cosa stanno dicendo.
E rimase in ascolto. A mano a mano che riceveva il suo viso cambiava colore, prima impallidì, aveva capito chi inviava il messaggio, poi capì il messaggio e divenne cereo, poi rosso, poi giallo. Quando divenne verde le auto lì vicino ripresero la marcia.
- E’ terribile, tremendo, bisogna avvertire il mondo. E’ la fine.
Non perse tempo a dare spiegazioni, corse alle comunicazioni via cavo e spiegò tutto ai superiori. Che si fecero un mare di risate, poi lo degradarono ad agente del traffico. Ma lui non si arrese, avvisò tutti gli amici e i conoscenti, e disse loro di mantenere il segreto. Così la notizia si diffuse rapidamente in tutta la Terra, molti non la presero sul serio, altri invece indossarono respiratori d’ogni genere e si chiusero in cantina.
Alle 15,00 le sonde incominciarono a inondare la Terra con un micidiale gas che agiva sul sangue trasformandolo in vino (cosa della quale i pochi sopravvissuti furono particolarmente grati agli alieni).
Alle 15,30 (circa) il genere umano era stato ridotto a un mucchio di manichini di carne avvinacciata.
Ma dalle macerie della società venne fuori vittorioso l’ex tenente della polizia. Il mondo avrebbe continuato a esistere.
 
- E’ finita.
I due ragazzi si abbracciarono e restarono così a fissarsi negli occhi per molto tempo. Poi corsero alle ricetrasmittenti. Ma il mondo taceva.
- Nessun ondista era in ascolto, nessuno si è salvato.
Piansero, tanto che le lacrime divennero di ghiaccio e trasformarono i loro volti in fiori coperti da brina.
- Non ci resta che morire e seguire la strada dell’umanità.
- No - disse il ragazzo, mentre una strana luce gli illuminava il viso e le gocce di pianto ghiacciate come lampadine di natale. -No, cara, forse il destino ha riservato per noi un futuro strepitoso. Non capisci? Noi siamo gli ultimi, noi, novelli Adamo ed Eva, noi che ripopoleremo la Terra con i nostri figli, che...
- Caro, a proposito di figli, devo dirti che...
- Dopo, cara, dopo, NOI SIAMO GLI ELETTI, il nuovo popolo di Dio, noi costruiremo un mondo perfetto, non commetteremo gli errori che hanno portato la nostra gente all’estinzione. I nostri figli sapranno far tesoro dell’esperienza passata e costruiranno una generazione di esseri felici e...
- Caro, ti prego, lasciami parlare, sai... a proposito di figli...
- Sì?
- Io sono sterile.
Lui scosse il capo, la fissò a bocca spalancata sino a far congelare le tonsille e non disse nulla perché si erano congelate anche le corde vocali. Poi richiuse la bocca e dopo un paio d’ore riuscì a dire: - Allora è la fine dell’umanità. - La prese tra le braccia, le diede un ultimo lunghissimo bacio, labbra contro labbra, lingua contro lingua, per assaporare per l’ultima volta il caldo fiato della fanciulla e concluse: - Dovresti lavarti i denti più spesso.
Lì vicino c’era una buca nel ghiaccio, scavata per tenere le carcasse dei piccoli di foca al fresco. Fabio e Fabiola si abbracciarono e con un carpiato si gettarono nella buca. Il ghiaccio li avvolse come un gelido abbraccio.
Fu lì che furono ritrovati, stretti l’uno nella braccia dell’altro, emergenti a metà busto dal pelo del ghiaccio, come mirabile scultura nivea.
- Cosa facciamo, signor tenente?
- Ex, tenente. Semplice, caro sergente, semplice, li scongeliamo e finalmente i nostri figli potranno coronare il loro sogno d’amore in un mondo nuovo, ripulito dalla feccia e dagli increduli. Come Sodoma e Gomorra, coloro che non credettero alla profezia finirono in un rogo, arrostiti e salati al punto giusto, strangolati e sodomizzati, fustigati dopo la morte, bruciati vivi dalla vendetta divina, così chi non ha creduto alle mie parole è finito con un corpo colmo di vino. Noi ricostruiremo questa Terra, non commetteremo lo stesso errore dei nostri padri (già detto). I nostri figli...
- Scongelati...
- ...scongelati costruiranno una nuova razza.
- Ehm... tenente, pardon, ex tenente, mi risulta che sua figlia è... sterile.
- Come fa a saperlo?
- Ho letto la storia sin qui.
- Bene. Ci sarà pur qualcun altro in grado di fare figli.
E abbracciò il sergente che divenne rosso dalla vergogna.
 
Nel frattempo la flotta di Sudonia inviò sulla Terra il solito messaggio di pace, almeno i due ragazzi avrebbero risposto. Ma la maggior parte dei sopravvissuti erano gli addetti alla guerra nucleare ben protetti nei bunker a centinaia di metri sotto il livello del suolo con tripli filtri e difese contro ogni genere di arma, compresa quella batteriologica. Si congratularono tra loro, avevano fatto bene a distruggere le prime astronavi che avevano assalito la Terra con l’emissione di onde. Erano riusciti anche a respingere l’attacco con i gas. Era una vittoria anche se il 95% dei terrestri era morto. Bisognava dare agli alieni il colpo di grazia.
Centoventi missili a pluritestate nucleari colpirono l’Astronave Ammiraglia trasformandola in pura energia.
Allora tra i Sudoniani si diffuse il panico:
- Cuss ne è nu pianet, ma è nu manicomie...
(- Questo non è un pianeta, ma un manicomio.)
E, girate le prue, tornarono nella loro felice e tranquilla patria.
Erano le 17,00 del 17 novembre ‘17.
E così per la Terra spuntò l’alba di un nuovo pomeriggio.

dal volume E la Padella Disse...

presentazione del volume


Links Correlati
· Inoltre Narrativa
· News da DaniloS

Articolo più letto relativo a Narrativa:
about:blank - di Girolamo Grammatico


Opzioni



Questo portale è realizzato con l'ausilio del CMS PhpNuke
Tutti i loghi e i marchi registrati appartengono ai rispettivi proprietari. I commenti sono di proprietà dei rispettivi autori.
Tutto il resto è ©2003-2006 di IntercoM Science Fiction Station. È Possibile usare il materiale di questo sito citandone la fonte.
Potete sindacare le news del portale di IntercoM usando il file backend.php