Home
Account
  Autori· Saggistica· Narrativa· Comics· Speciali· Cinema· Interviste· Musica CERCA   
     
Menu Principale

News precedenti

Venerdì, 05 febbraio
· Il Gondoliere
Venerdì, 15 gennaio
· Cinema d'animazione: tre esempi francesi
Mercoledì, 16 dicembre
· Fumetti Digitali
· VITA IN LETTERE (Novembre)
· VITA IN LETTERE - Ottobre 2009
Venerdì, 04 dicembre
· Il quinto principio di Vittorio Catani su Urania
Venerdì, 06 novembre
· Dalla fantascienza alla guerriglia mediatica
Martedì, 03 novembre
· De ''Gli Inganni di Locke Lamora'' e di altre stronzate...
Venerdì, 30 ottobre
· La narrativa di Ted Chiang
· VITA IN LETTERE - Settembre 2009
Martedì, 27 ottobre
· CORRADO MASTANTUONO - Tra Tex e Paperino: il disegnatore dei due mondi
Domenica, 11 ottobre
· Fissione
Domenica, 04 ottobre
· Yupanqui
Giovedì, 24 settembre
· VITA IN LETTERE - Agosto 2009
Martedì, 22 settembre
· VITA IN LETTERE (Agosto)
Martedì, 15 settembre
· Le lezioni sempre ignorate della Storia
Lunedì, 14 settembre
· Isole
Giovedì, 03 settembre
· I 10 libri da riscoprire
· VITA IN LETTERE (Luglio)
· VITA IN LETTERE - Luglio 2009
Sabato, 11 luglio
· L'ermetismo nei lavori di Alexey Andreev
Giovedì, 09 luglio
· VITA IN LETTERE (Giugno)
Domenica, 05 luglio
· I ciccioni esplosivi
Mercoledì, 01 luglio
· VITA IN LETTERE - Giugno 2009
· Futurama
Domenica, 21 giugno
· Venature
Domenica, 31 maggio
· VITA IN LETTERE (maggio)
Sabato, 16 maggio
· Il bacio della Valchiria
Giovedì, 14 maggio
· VITA IN LETTERE - Maggio 2009
Giovedì, 07 maggio
·

City of steel, city of air

Martedì, 28 aprile
· VITA IN LETTERE (aprile)
Lunedì, 27 aprile
· Ritratto di gruppo con signora
Martedì, 21 aprile
· L'ultima possibilità
Lunedì, 20 aprile
· J. G. Ballard
Giovedì, 16 aprile
· La voce nella notte
Giovedì, 02 aprile
· I primi dopo gli antichi persiani
Mercoledì, 01 aprile
· VITA IN LETTERE - Marzo 2009
Martedì, 31 marzo
· ''Il giudice di tutta la terra (The judge of all the earth)
Domenica, 29 marzo
· ''Amici assenti (Absent friends)''
Sabato, 28 marzo
· Considera le sue vie (Consider her ways - 1956) di John Wyndham (1903-1969)
Venerdì, 20 marzo
· ''A mezzanotte, tutti gli agenti…
(At Midnight, All the Agents...)''
Mercoledì, 11 marzo
· Vito Benicio Zingales e il Truccatore dei morti: intervista all’autore
· Vito Benicio Zingales: il Capolavoro noir è “Il truccatore dei morti”
Martedì, 10 marzo
· Timestealer
· Specchi irriflessi (The Tain - 2002) di China Miéville
Lunedì, 02 marzo
· La Rocca dei Celti
Domenica, 01 marzo
· Violazione di Codice
· QUANDO C'ERA IL MARE…
Domenica, 22 febbraio
· Rumspringa
Lunedì, 01 dicembre
· Il sogno delle 72 vergini

Articoli Vecchi

Area Riservata

Fantascienza e Città

Inserito Martedì 17 febbraio 2004

Speciali a cura di Santoni Danilo

La città rappresenta una costante nella storia della civiltà umana: dagli insediamenti su palafitte all’ingorgo di grattacieli di Manhattan, la città ha percorso lo stesso camino dell’uomo cambiando di aspetto, di materiali, di concezione, di struttura… ma rimanendo profondamente (e paradossalmente) fedele a se stessa nella funzione svolta.

Allo stesso tempo l’uomo ha concepito in modo astratto la città oscillando tra due punti estremi:

La città Organismo:

La città come organismo nasce dalle necessità fisico sociali dell’uomo: è quella struttura che si sviluppa secondo leggi e dinamiche proprie, tenendo conto della domanda del fruitore e rispettando i vincoli del luogo dove nasce, espandendosi però in piena autonomia. Un organismo che si accresce assecondando l’ambiente in cui prolifera, modificandosi e diffondendosi col modificarsi e col diffondersi delle esigenze che deve soddisfare. Sia essa il borgo medioevale, accumulo di strati abitativi che seguono la struttura fisica dell’altura su cui nascono, o la città rupestre che si adatta alla friabilità o meno della parete rocciosa che la genera, la città come organismo cresce e si sviluppa secondo le proprie leggi interne.

La città Meccanismo:

La città come meccanismo nasce dal progetto: è quella struttura che si sviluppa secondo leggi e dinamiche pensate a tavolino e pianificate; che per tenere conto della domanda del fruitore e dei vincoli del luogo di nascita si espande secondo leggi ferree ed esterne alla sua struttura. Sia essa la città ideale, sogno del rinascimento, o la realizzazione utopica di nuove progettazioni come nel caso di Brasilia, la città come meccanismo nasce svincolata dai bisogni particolari che deve soddisfare per cercare invece di rispondere a bisogni ideali o teorici.

Naturalmente questi due concetti non sono altro che i punti estremi ed opposti di una serie di concezioni della città più sfumate ed intermedie, i punti, diciamo così, teorici. Per esempio cos’altro sono i piani regolatori delle nostre città se non il tentativo di innestare le leggi del meccanismo all’interno di una struttura che tende ad essere organica?

La fantascienza ha trattato spesso il tema della città futura, facendolo però quasi sempre in modo tangenziale, lasciando più che altro il tema come parte dello sfondo su cui impostare l’azione. Si è trattato spesso più che altro di note di colore e non di uno studio di una progettazione preciso e scientifico.

A volte ci sono delle eccezioni.

Nel 1974 presso gli Oscar Mondadori esce un volumetto dalla copertina piuttosto brutta, è la traduzione di una raccolta di racconti pubblicata negli USA l’anno precedente, Future City, e da noi titolata Le città che ci aspettano.

Il volume raccoglie una serie di racconti (14 nell’edizione italiana, ho motivo di credere che l’edizione originale ne contenga di più) che presentano dei concetti particolari di città: la città festival, la città sicura, la città degli uffici, la città di superficie, la città dei riti, la città della mafia, la città degli sfratti, la città senz’aria, la città programmata, la città fuori dalla città, la città dei robot, la città senza uomini, la città condannata, la fine della città.

L’idea che si fa largo, e questo libro ne rappresenta una conferma, è che in massima parte la fantascienza classica, quando si è posta a studiare il concetto, abbia sentito la città più che altro come meccanismo, mentre le nuove tendenze (diciamo da Blade Runner e dai cyberpunk in poi) sentono la città più come un organismo.

Per chi vuole continuare a leggere lo speciale in

formato PDF

formato HTML

collegamenti

J. Thomas Teca delle pene

Noel K Hannan Turno del sabato notte

Noel K Hannan Una notte in città

T. F. Monteleone Chicago

I. Watson La luna e Michelangelo

D. Altomare 2084, Un giorno qualunque

M. Brown Servizio Civile

T. Daniel Vita sulla luna

D. Gallo Betteriological Night Fever

D. Gallo I battitori del crepuscolo

M. Mancini Progetto P

C. Tinivella La città assediata

A. Reynolds Una spia su Europa

M. Minicangeli Tecnocity

P. Bertetti La città e le stelle

D. Santoni Il quartetto Jazz della Nano-regina

D. Santoni Lo spirito nella rete

M. Tavosanis Città, arte e natura in Ian Watson

M. Fabiani La Luna e Michelangelo, una doppia chiave di lettura

Links Correlati
· Inoltre Speciali
· News da DaniloS

Articolo più letto relativo a Speciali:
Le copertine di Intercom


Opzioni



Questo portale è realizzato con l'ausilio del CMS PhpNuke
Tutti i loghi e i marchi registrati appartengono ai rispettivi proprietari. I commenti sono di proprietà dei rispettivi autori.
Tutto il resto è ©2003-2006 di IntercoM Science Fiction Station. È Possibile usare il materiale di questo sito citandone la fonte.
Potete sindacare le news del portale di IntercoM usando il file backend.php