Home
Account
  Autori· Saggistica· Narrativa· Comics· Speciali· Cinema· Interviste· Musica CERCA   
     
Menu Principale

News precedenti

Venerdì, 05 febbraio
· Il Gondoliere
Venerdì, 15 gennaio
· Cinema d'animazione: tre esempi francesi
Mercoledì, 16 dicembre
· Fumetti Digitali
· VITA IN LETTERE (Novembre)
· VITA IN LETTERE - Ottobre 2009
Venerdì, 04 dicembre
· Il quinto principio di Vittorio Catani su Urania
Venerdì, 06 novembre
· Dalla fantascienza alla guerriglia mediatica
Martedì, 03 novembre
· De ''Gli Inganni di Locke Lamora'' e di altre stronzate...
Venerdì, 30 ottobre
· La narrativa di Ted Chiang
· VITA IN LETTERE - Settembre 2009
Martedì, 27 ottobre
· CORRADO MASTANTUONO - Tra Tex e Paperino: il disegnatore dei due mondi
Domenica, 11 ottobre
· Fissione
Domenica, 04 ottobre
· Yupanqui
Giovedì, 24 settembre
· VITA IN LETTERE - Agosto 2009
Martedì, 22 settembre
· VITA IN LETTERE (Agosto)
Martedì, 15 settembre
· Le lezioni sempre ignorate della Storia
Lunedì, 14 settembre
· Isole
Giovedì, 03 settembre
· I 10 libri da riscoprire
· VITA IN LETTERE (Luglio)
· VITA IN LETTERE - Luglio 2009
Sabato, 11 luglio
· L'ermetismo nei lavori di Alexey Andreev
Giovedì, 09 luglio
· VITA IN LETTERE (Giugno)
Domenica, 05 luglio
· I ciccioni esplosivi
Mercoledì, 01 luglio
· VITA IN LETTERE - Giugno 2009
· Futurama
Domenica, 21 giugno
· Venature
Domenica, 31 maggio
· VITA IN LETTERE (maggio)
Sabato, 16 maggio
· Il bacio della Valchiria
Giovedì, 14 maggio
· VITA IN LETTERE - Maggio 2009
Giovedì, 07 maggio
·

City of steel, city of air

Martedì, 28 aprile
· VITA IN LETTERE (aprile)
Lunedì, 27 aprile
· Ritratto di gruppo con signora
Martedì, 21 aprile
· L'ultima possibilità
Lunedì, 20 aprile
· J. G. Ballard
Giovedì, 16 aprile
· La voce nella notte
Giovedì, 02 aprile
· I primi dopo gli antichi persiani
Mercoledì, 01 aprile
· VITA IN LETTERE - Marzo 2009
Martedì, 31 marzo
· ''Il giudice di tutta la terra (The judge of all the earth)
Domenica, 29 marzo
· ''Amici assenti (Absent friends)''
Sabato, 28 marzo
· Considera le sue vie (Consider her ways - 1956) di John Wyndham (1903-1969)
Venerdì, 20 marzo
· ''A mezzanotte, tutti gli agenti…
(At Midnight, All the Agents...)''
Mercoledì, 11 marzo
· Vito Benicio Zingales e il Truccatore dei morti: intervista all’autore
· Vito Benicio Zingales: il Capolavoro noir è “Il truccatore dei morti”
Martedì, 10 marzo
· Timestealer
· Specchi irriflessi (The Tain - 2002) di China Miéville
Lunedì, 02 marzo
· La Rocca dei Celti
Domenica, 01 marzo
· Violazione di Codice
· QUANDO C'ERA IL MARE…
Domenica, 22 febbraio
· Rumspringa
Lunedì, 01 dicembre
· Il sogno delle 72 vergini

Articoli Vecchi

Area Riservata

L'uomo Perfetto

Inserito Martedì 07 marzo 2006

Narrativa un racconto di Andrea Aroldi

L’uomo perfetto viveva la sua vita perfetta in solitudine, nella grotta sul fianco della montagna. Da anni ormai non aveva più contatti con il genere umano, lo aveva chiuso lontano, nelle sue affollate città che rimanevano nascoste dalla spessa coltre di smog che producevano. Lassù, sul fianco della montagna l’aria era pura, fresca e deliziosa. Il cielo era sempre limpido e il suo sguardo arrivava lontano. Ma non aveva bisogno di guardare lontano, rimaneva nella sua grotta, popolandola con i frutti della sua perfetta mente, dialogando con i personaggi che evocava e che riusciva quasi a far diventare reali. Anche i bisogni della carne erano scomparsi: una, cento, mille amanti avevano attraversato il pavimento della sua grotta, muovendosi in stanze perfette, compiendo amplessi completi e soddisfacenti, languendo o dominando, vestite di pelle o di veli…facendo quello che la fantasia creava in quel momento. Un film a luci rosse che si dipanava nell’incerta luce della grotta, evocato dalla sua mente perfetta. Il cibo non rappresentava un problema: bacche, piccoli animali che cadevano nelle sue trappole, frutti che cadevano dagli alberi vicino alla grotta, tutto veniva ingurgitato crudo, avvolto dalle illusioni sensorie evocate in maniera precisa.

Il tempo passava, inesorabile anche per la sua mente perfetta, ormai era diventato solo il ricordo di un uomo. L’immagine che vedeva negli specchi evocati, era sempre quella che ricordava quando s’era ritirato dal mondo, avvolto dal furore di una vita passata tra i suoi simili senza gioia, senza riuscire a interagire con loro, con le loro storie, con le loro esigenze, con la loro vita.

Quella notte però non c’era luna e la riva dello stagno dove andava a prendere acqua particolarmente scivolosa.

Cadde rovinosamente, nonostante la sua mente perfetta gli facesse vedere una strada lastricata che portava al pozzo nel cortile dove vivevano le sue amanti.

L’acqua fredda, quella vera, gli schiaffeggiò il volto cancellando l’illusione.

Vide nell’acqua che lentamente si calmava la sua immagine tremolante, l’immagine di un uomo perfetto che s’era trasformato in un perfetto protoumanoide, sporco, scarmigliato e con gli abiti ormai a brandelli.

Cancellate le stole preziose, gli abiti eleganti, i gioielli e le acconciature.

Un bruto, un mostro che non possedeva più nulla di umano.

Sopra di lui il cielo stellato, ridente, lampeggiava nell’acqua ormai ferma.

Alzò gli occhi e osservò le costellazioni.

Ne scelse una, sarebbe stata la sua musa, la sua guida.

Era tempo di tornare.


Links Correlati
· Inoltre Narrativa
· News da DaniloS

Articolo più letto relativo a Narrativa:
about:blank - di Girolamo Grammatico


Opzioni



Questo portale è realizzato con l'ausilio del CMS PhpNuke
Tutti i loghi e i marchi registrati appartengono ai rispettivi proprietari. I commenti sono di proprietà dei rispettivi autori.
Tutto il resto è ©2003-2006 di IntercoM Science Fiction Station. È Possibile usare il materiale di questo sito citandone la fonte.
Potete sindacare le news del portale di IntercoM usando il file backend.php