Home
Account
  Autori· Saggistica· Narrativa· Comics· Speciali· Cinema· Interviste· Musica CERCA   
     
Menu Principale

News precedenti

Venerdì, 05 febbraio
· Il Gondoliere
Venerdì, 15 gennaio
· Cinema d'animazione: tre esempi francesi
Mercoledì, 16 dicembre
· Fumetti Digitali
· VITA IN LETTERE (Novembre)
· VITA IN LETTERE - Ottobre 2009
Venerdì, 04 dicembre
· Il quinto principio di Vittorio Catani su Urania
Venerdì, 06 novembre
· Dalla fantascienza alla guerriglia mediatica
Martedì, 03 novembre
· De ''Gli Inganni di Locke Lamora'' e di altre stronzate...
Venerdì, 30 ottobre
· La narrativa di Ted Chiang
· VITA IN LETTERE - Settembre 2009
Martedì, 27 ottobre
· CORRADO MASTANTUONO - Tra Tex e Paperino: il disegnatore dei due mondi
Domenica, 11 ottobre
· Fissione
Domenica, 04 ottobre
· Yupanqui
Giovedì, 24 settembre
· VITA IN LETTERE - Agosto 2009
Martedì, 22 settembre
· VITA IN LETTERE (Agosto)
Martedì, 15 settembre
· Le lezioni sempre ignorate della Storia
Lunedì, 14 settembre
· Isole
Giovedì, 03 settembre
· I 10 libri da riscoprire
· VITA IN LETTERE (Luglio)
· VITA IN LETTERE - Luglio 2009
Sabato, 11 luglio
· L'ermetismo nei lavori di Alexey Andreev
Giovedì, 09 luglio
· VITA IN LETTERE (Giugno)
Domenica, 05 luglio
· I ciccioni esplosivi
Mercoledì, 01 luglio
· VITA IN LETTERE - Giugno 2009
· Futurama
Domenica, 21 giugno
· Venature
Domenica, 31 maggio
· VITA IN LETTERE (maggio)
Sabato, 16 maggio
· Il bacio della Valchiria
Giovedì, 14 maggio
· VITA IN LETTERE - Maggio 2009
Giovedì, 07 maggio
·

City of steel, city of air

Martedì, 28 aprile
· VITA IN LETTERE (aprile)
Lunedì, 27 aprile
· Ritratto di gruppo con signora
Martedì, 21 aprile
· L'ultima possibilità
Lunedì, 20 aprile
· J. G. Ballard
Giovedì, 16 aprile
· La voce nella notte
Giovedì, 02 aprile
· I primi dopo gli antichi persiani
Mercoledì, 01 aprile
· VITA IN LETTERE - Marzo 2009
Martedì, 31 marzo
· ''Il giudice di tutta la terra (The judge of all the earth)
Domenica, 29 marzo
· ''Amici assenti (Absent friends)''
Sabato, 28 marzo
· Considera le sue vie (Consider her ways - 1956) di John Wyndham (1903-1969)
Venerdì, 20 marzo
· ''A mezzanotte, tutti gli agenti…
(At Midnight, All the Agents...)''
Mercoledì, 11 marzo
· Vito Benicio Zingales e il Truccatore dei morti: intervista all’autore
· Vito Benicio Zingales: il Capolavoro noir è “Il truccatore dei morti”
Martedì, 10 marzo
· Timestealer
· Specchi irriflessi (The Tain - 2002) di China Miéville
Lunedì, 02 marzo
· La Rocca dei Celti
Domenica, 01 marzo
· Violazione di Codice
· QUANDO C'ERA IL MARE…
Domenica, 22 febbraio
· Rumspringa
Lunedì, 01 dicembre
· Il sogno delle 72 vergini

Articoli Vecchi

Area Riservata

L'ultima ragazza

Inserito Lunedì 12 giugno 2006

Narrativa un racconto avant-pop di Giuseppe Iannozzi





Un tempo doveva esser stata bella, ma quando la conobbi io non lo era più, appena passabile. Doveva essere vicina ai quaranta: non fosse stato per il reggiseno e le mutandine, quel corpo si sarebbe disfatto sull’asfalto. Aveva i tacchi alti e gli occhi tristi, nascosti da un pesante mascara mezzo sciolto dall’acqua piovana. La bocca era ancora carnosa e umida; ma già troppe rughe sulle guance. Nell’insieme, vestita in rosso, ogni suo gesto e ogni suo passo facevano inequivocabilmente capire ai rari passanti a piedi o in macchina che era una puttana di lunga data.
 
* * *
 
Quella notte Torino era triste: poche luci, la pioggia, un cielo nero senza una stella né uno spicchio di luna, e l’eco quasi ininterrotta di ambulanze e auto della polizia. Attraversavo una zona a rischio, infestata da pezzi di merda assassini extracomunitari e skin. Porta Palazzo, la zona del mercato: la notte pesava sul mio capo, un’ala di corvo, io mi limitavo a sputare fuori grasse boccate di fumo. Fumavo la sigaretta, la sola compagnia che mi serviva per farmi largo tra i negri e gli ortaggi per terra, andati a male dopo il mercato del giorno ormai alle spalle. Bisogna che stessi attento a quell’ora: i bianchi non erano ben visti, soprattutto di notte. La zona puzzava, non di pioggia che eppure cadeva fitta fitta: l’aria aveva un suo sapore, di sudore, di pelle nera, di sangue, un sapore dolciastro e crudele. Mi schiacciai il cappellaccio a falde larghe sulla testa, tirai su il collo del lungo impermeabile nero, sputai a un semaforo che era rimasto incastrato sull’arancione ed attraversai, senza fretta: tanto lo sapevo d’esser seguito da tanti e tanti occhi bianchi. Gli sarebbe bastato un batter di ciglia per suonarmele di santa ragione, o per cacciarmi nelle budella una lama di ruggine ma ben affilata. Continuai a camminare, incurante della morte che mi seguiva: sinceramente quella notte non m’interessava il rischio il fato e l’umanità tutta con il suo carico di male e di amore a buon mercato. Fosse finito in quel momento il mondo intero, io avrei solo tirato un sospiro di sollievo, e forse neanche: come un bue, ottuso, avrei visto morire e sarei morto forse solo accennando a nessuno un sorriso insignificante. I semafori erano spenti, solo qualcuno era sull’arancione: la pioggia non cessava, faceva compagnia ai negri che si litigavano nelle loro lingue a me aliene e cariche di una minaccia sottointesa.
Buttai l’occhio sul Duomo: era spettrale, vale a dire inutile come del resto tutto quello su cui il mio sguardo si posava con normale distrazione. Fu davanti alle scale del Duomo che la vidi passeggiare: mi chiese d’accendere. Gliel’accesi quella sua sigaretta lunga e sottile, senza fiatare. E feci per tirar via. Però mi fermai. Non lo so perché: mi fermai e basta, dopo pochi passi. Mi voltai verso la donna. Era ancora lì: fumava con calma, percorrendo brevi tratti in su e giù. Mi vide che la fissavo.
“Ti interessa?”
Non aveva nemmeno una bella voce: era roca, di fumo e di pompini fatti in fretta.
Mio malgrado le regalai un sorriso fra il divertito e il faustiano.
“Cazzo ti ridi?” – sbottò.
“Niente. Mi interessa… il culo sì, mi interessa.” E così gridandole addosso, mi avvicinai a lei tenendo un passo lento che affondava nelle pozzanghere.
“Il culo…!”
“Non ti dà fastidio la pioggia?”
Eravamo faccia a faccia.
“Snellisce.” – buttò lì.
“Il vestito è tutto attaccato...”
“Al corpo: sì, lo so. E’ un rosso che non scolorisce: non te ne preoccupare.”
Lasciò cadere la sigaretta: ne seguii il breve volo…
“Il culo, fammelo vedere bene.”
Obbedì: me lo mostrò. Decisi che poteva andare, anche se il segno delle mutande era evidente. Erano le mutande e i tacchi alti a tenerglielo su.
 
* * *
 
“Vuoi che le tenga?” Si riferiva alle scarpe, ai tacchi alti.
Non ci pensai su: “Sì.”
Quei tacchi facevano molto per il suo culo oramai destinato a diventare sempre più flaccido e inutile.
 
* * *
 
Quando entrammo in camera eravamo entrambi fradici di pioggia: viveva in un vecchio condominio fatiscente, uno di quelli che sembrano casermoni; dentro la tappezzeria era color topo, si respirava un sentore di muschio ma per niente piacevole. Accese la luce: due lampadine da quaranta candele attaccate a un filo, senza lampadario. La camera da letto era un materasso – che doveva aver visto giorni migliori – dove riposava una pesante coperta a fiori ma scoloriti: si poteva intuire che dovevano esser state delle rose rosse.
Con gli occhi di mascara sciolto m’invitò a togliermi di dosso l’impermeabile: non mi feci pregare, e lo lasciai cadere ai miei piedi. Lei mi diede addosso un sorriso di tristezza, che durò un istante; poi di spalle si spogliò, lasciando cadere a terra quel vestito rosso che l’aveva fasciata fino ad allora. Fece per slacciarsi il reggiseno: non glielo permisi, le fui subito alle spalle, lei non si girò. Le tirai giù le mutandine, ma non fino a fargliele scivolare sulle caviglie: l’elastico le rimase incollato poco al di sotto dei glutei. Non volevo che la carne mi cadesse, non volevo quello spettacolo pietoso. Chiusi gli occhi e glielo ficcai su per l’ano, velocemente: lei tirò un urletto finto, che non era né di dolore né di estasi. Con una mano sulla schiena la piegai a novanta, lei non oppose resistenza: le mie mani s’incollarono su i suoi fianchi, mentre il mio pene continuava a penetrarla. Lei faceva finta - meccanica come un robot - di godere: era una pessima puttana e una attrice ancor più squallida. Glielo tenni dentro per venti minuti buoni, poi, sudato, uscii da lei ma affatto soddisfatto. Solo allora lei si accorse che non avevo messo su il condom. Però non montò su nessun dramma, anzi.
“Non l’hai messo.” – disse distrattamente. E dal tono della sua voce era chiaro che non gliene fregava un cazzo: parlava tanto per, non per fare discussione. Si accese una sigaretta e prese a fumare.
Si era messa davanti alla finestra: se qualche voyeur l’avesse vista, avrebbe visto una donna stanca, col reggiseno giù e le mutande calate a metà, e una faccia di tristezza infinita.
“Non ne ho bisogno.” – buttai lì. “La morte è solo una squallida questione di fortuna.”
Lei rise, per finta: “Un puttaniere che fa filosofia.”
“Un agente immobiliare…”
“Ti piace, il tuo lavoro intendo?”
“Ci riempiono la testa di cazzate, di strategie, di marketing, di filosofia da due soldi.”
”E funziona.”
“Il mercato immobiliare, di questi tempi, è in ribasso: non fosse per i milanesi che vengono a comprare qui a Torino, noi si potrebbe morire tutti di fame.”
Tirai fuori una sigaretta dal pacchetto che tenevo nei pantaloni, e che mi erano scesi giù fin sulle caviglie. Me l’accesi, e solo dopo pensai di tirarmeli su, i pantaloni.
Le andai accanto, ma non proprio, rimasi dietro di lei, fumando: “Fuori piove ancora.”
Lei rimase in silenzio.
“E’ strano” – continuai: “ma lo so fare solo così.”
“Non è strano. Normale.”
“Anche i negri lo fanno così?”
”Soprattutto loro.”
“Non gli piace la passera…”
“Gli piace. Ma per loro è uguale, vanno con uomini e donne, basta che abbiano un buco dove metterglielo. Ecco tutto.”
Non era in imbarazzo.
“Ne hai presi molti, vero?”
”Perché, ti interessa?”
“Non mi interessa.”
Le buttai la patta sulle natiche sbattendola contro il vetro freddo: “Sei tenero.”
Non ci credeva. Però lo disse. Poi mi allontanò come si fa con una mosca fastidiosa, con un quasi schiaffo sulla mia faccia.
Mi accarezzai il mento: erano due giorni che non mi radevo. Mi dava fastidio la barba. Quand’ero più giovane mi radevo anche due volte al giorno.
“Sai qual è il problema? Tutti chiedono attenzione, tutti la vogliono. Ma non prestano mai attenzione.”
Mi lasciai cadere pesantemente sul letto, a braccia aperte, disegnando col corpo una croce. Poi presi a ridere, in maniera sguaiata.
“Che c’è da ridere?”
Mi calmai subito: era una risata finta la mia. “E’ che ho appena finito di mettertelo in culo, e mi fai già le paranoie: sembri uno dei tanti clienti stronzi che mi capitano tutti i giorni. Uguale uguale.”
Lei fece finta di riflettere su quello che avevo appena detto. E sentenziò: “Le donne sono tutte puttane. La più santa è più puttana di chi la dà via per professione.”
 
* * *
 
La rividi qualche volta, ma senza particolare voglia: costava poco. Il suo prezzo lo stabiliva da sé: non faceva sconti, neanche ai negri che erano i suoi clienti più forti. Una volta me lo disse che loro amavano sodomizzarla soprattutto, per un’ora intera anche, ma molti se lo facevano prendere in bocca: la fellatio mi confidò le faceva bene alle labbra, però non alla voce perché il seme lo doveva inghiottire e quello dei negri era troppo acido. Dopo la prima volta, presi l’abitudine di usare il profilattico: non per paura, solo per cercare di arginare il senso di schifo che mi produceva nella mente l’idea di mettere il mio pene in un buco che era stato occupato dal manganello di un negro.
 
* * *
 
L’appartamento era lercio come sempre: tirò fuori un crocefisso e me lo porse.
“Una volta era attaccato a quel muro…” – e me lo indicò con l’indice, ridendo isterica.
Buttai lo sguardo sulla parete: non c’era nessun segno.
“E’ tanto tempo che l’ho staccato”: rideva di brutto mentre lo diceva, con malizia nervosa. Per un momento provai pena per lei.
Me ne stavo seduto sul bordo del letto con il crocefisso in mano: “Capisco”. Ma dentro di me sapevo che nonostante le labbra ancora tumide, sopravvissute alla decadenza del resto del corpo, anche il cervello le stava andando in pappa.
Presi a raccontarle dei miei affari immobiliari, senza che lei me lo chiedesse: non volevo farlo, né volevo più tornare in quel posto che sapeva di sudori e umori rancidi. Lei non ascoltava, diceva di sé a raffica: le importava solo di sé stessa, non gliene fregava niente dei miei problemi. Ciabattava in lungo e in largo nei pochi metri della camera da letto: era uno spettacolo penoso vederla con le ciabatte e la minigonna, il culo era una prugna flaccida, i seni due vesciche sgonfie. Piagnucolava come un bastardino abbandonato: il mascara le si era quasi del tutto sciolto e le colava sulle guance graffiandole.
Ebbi un conato di vomito. Dovevo fuggire, e al più presto.
La lasciai alla sua isteria, a quel suo piagnucolare: bestemmiava anche, per partito preso. Era sull’orlo di un collasso nervoso, poco ma sicuro.
Aprii la porta e me la sbattei alle spalle: non se ne accorse neppure che ero uscito per sempre dalla sua vita. E però l’eco della sua voce m’inseguì per tutta la tromba delle scale. E mentre scendevo i gradini incontrai un negro ben messo, con la camicia verde aperta sul petto e la testa perfettamente rasata: gli occhi erano bianchi, fin troppo, come quelli di un cieco, ma quello ci vedeva benissimo. Me ne fregava niente di lei, del negro che glielo avrebbe presto messo in bocca o dabbasso.
Fuori l’aria era piuttosto fresca, nonostante la zona non fosse delle più raccomandabili: giravano marocchini, neri di ogni regione dell’Africa, qualche slavo, forse qualche musulmano. Gli italiani erano la minoranza tra quelle strade, proprio dietro Porta Palazzo. Camminai a piedi fino a poter scorgere a occhio nudo la punta della Mole Antoneliana: solo allora trassi un respiro che non era né di sollievo né di esasperazione.
 
* * *
 
Liliana la incontrai in agenzia: venne insieme al marito, su appuntamento per un alloggio che avrei dovuto mostrargli. Lui era un bel tipo, un moro, il tipico bravo ragazzo impiegato in una multinazionale milanese con uno stipendio da capogiro: ma a me interessava la sua giovane moglie, Liliana, una mista, di padre spagnolo e madre indiana. Una bellezza d’un ebano pallido, mozzafiato. Bastò un’occhiata per capirci: il giorno dopo, lei aveva già tradito il marito con il sottoscritto.
 
Liliana aveva poco più di vent’anni: si era sposata perché aveva trovato la cosa conveniente e divertente anche. Diceva di essere innamorata del suo uomo, Tonio, ma era consapevole di mentire a sé stessa, altrimenti non mi avrebbe aperto le gambe subito.
 
Non ce li aveva i tacchi, d’altro canto non ne aveva bisogno: il suo era un corpo sodo e
flessuoso, il suo era un culetto delizioso, alto, a forma di cuore, una pesca succosa.
 
Alla coppia mostrai un vero gioiello, di quelli belli, un po’ caro in verità, ma in zona Crocetta, proprio davanti al Politecnico: una villetta a due piani, tutta ristrutturata. Liliana e il marito se ne innamorarono alla prima botta.
Torino non mi era mai sembrata tanto bella come in quel momento: ebbi persino la tentazione di tornare a credere che la vita fosse qualcosa di prezioso e inimitabile. Mentre il marito gironzolava nella villetta, gridando il nome della moglie, lei, Liliana, mi aveva nascosto in uno sgabuzzino e aveva chiuso la porta: non le ci volle niente per trovarmi la patta dei pantaloni e aprirmela, me lo stuzzicò delicatamente fra le dita… accarezzò con la punta delle dita il pelato, poi con le labbra baciò il glande una due tre volte. E quasi se lo inghiottì per intero: fu la fellatio più bella di tutta la mia vita. Il seme le irrorò la gola: “E’ dolce… è dolce… è dolce…”
Sgattaiolò fuori, e solo in quel momento mi resi conto che indossava un delizioso vestito rosso, di un rosso acceso, e scarpe dello stesso colore con un modesto tacchetto. Un vero bijou quel suo culetto perfetto che mi sorrideva.
Si voltò verso di me, che resistevo nella penombra dello sgabuzzino ancora tutto eccitato: “Tu esci dopo… fra un po’… lo senti anche tu mio marito che mi chiama…”
Le feci un cenno con la testa per farle capire che ero d’accordo. Poi Liliana mi chiuse la porta in faccia, delicatamente. Non riuscivo a dimenticare il rosso sorriso del suo culetto che solo aspettava d’essere penetrato in profondità.
 
* * *
 
Le donne le ho sempre prese alla schiena, come fa il vento. Non mi è mai piaciuto metterglielo dentro, nella passerina. Non mi ha mai preso la poesia, le coccole; e nemmeno i baci e gli abbracci l’hanno mai avuta vinta con me. A letto uno ci scopa o si fa piangere quando morto, se qualcuno l’ha in cuore, per odio o affetto; ma non escludo che qualche stupido possa piangere i morti perché nutre nell’animo un sentimento d’amore. Sia come sia, il punto è un altro: non c’è niente come il sederino di una femmina, niente è paragonabile alla bellezza di un culetto sodo che se preso da una pioggia di schiaffi risponde subito con rossore di pesca.

Links Correlati
· Inoltre Narrativa
· News da GiuseppeI

Articolo più letto relativo a Narrativa:
about:blank - di Girolamo Grammatico


Opzioni



Questo portale è realizzato con l'ausilio del CMS PhpNuke
Tutti i loghi e i marchi registrati appartengono ai rispettivi proprietari. I commenti sono di proprietà dei rispettivi autori.
Tutto il resto è ©2003-2006 di IntercoM Science Fiction Station. È Possibile usare il materiale di questo sito citandone la fonte.
Potete sindacare le news del portale di IntercoM usando il file backend.php