Home
Account
  Autori· Saggistica· Narrativa· Comics· Speciali· Cinema· Interviste· Musica CERCA   
     
Menu Principale

News precedenti

Venerdì, 05 febbraio
· Il Gondoliere
Venerdì, 15 gennaio
· Cinema d'animazione: tre esempi francesi
Mercoledì, 16 dicembre
· Fumetti Digitali
· VITA IN LETTERE (Novembre)
· VITA IN LETTERE - Ottobre 2009
Venerdì, 04 dicembre
· Il quinto principio di Vittorio Catani su Urania
Venerdì, 06 novembre
· Dalla fantascienza alla guerriglia mediatica
Martedì, 03 novembre
· De ''Gli Inganni di Locke Lamora'' e di altre stronzate...
Venerdì, 30 ottobre
· La narrativa di Ted Chiang
· VITA IN LETTERE - Settembre 2009
Martedì, 27 ottobre
· CORRADO MASTANTUONO - Tra Tex e Paperino: il disegnatore dei due mondi
Domenica, 11 ottobre
· Fissione
Domenica, 04 ottobre
· Yupanqui
Giovedì, 24 settembre
· VITA IN LETTERE - Agosto 2009
Martedì, 22 settembre
· VITA IN LETTERE (Agosto)
Martedì, 15 settembre
· Le lezioni sempre ignorate della Storia
Lunedì, 14 settembre
· Isole
Giovedì, 03 settembre
· I 10 libri da riscoprire
· VITA IN LETTERE (Luglio)
· VITA IN LETTERE - Luglio 2009
Sabato, 11 luglio
· L'ermetismo nei lavori di Alexey Andreev
Giovedì, 09 luglio
· VITA IN LETTERE (Giugno)
Domenica, 05 luglio
· I ciccioni esplosivi
Mercoledì, 01 luglio
· VITA IN LETTERE - Giugno 2009
· Futurama
Domenica, 21 giugno
· Venature
Domenica, 31 maggio
· VITA IN LETTERE (maggio)
Sabato, 16 maggio
· Il bacio della Valchiria
Giovedì, 14 maggio
· VITA IN LETTERE - Maggio 2009
Giovedì, 07 maggio
·

City of steel, city of air

Martedì, 28 aprile
· VITA IN LETTERE (aprile)
Lunedì, 27 aprile
· Ritratto di gruppo con signora
Martedì, 21 aprile
· L'ultima possibilità
Lunedì, 20 aprile
· J. G. Ballard
Giovedì, 16 aprile
· La voce nella notte
Giovedì, 02 aprile
· I primi dopo gli antichi persiani
Mercoledì, 01 aprile
· VITA IN LETTERE - Marzo 2009
Martedì, 31 marzo
· ''Il giudice di tutta la terra (The judge of all the earth)
Domenica, 29 marzo
· ''Amici assenti (Absent friends)''
Sabato, 28 marzo
· Considera le sue vie (Consider her ways - 1956) di John Wyndham (1903-1969)
Venerdì, 20 marzo
· ''A mezzanotte, tutti gli agenti…
(At Midnight, All the Agents...)''
Mercoledì, 11 marzo
· Vito Benicio Zingales e il Truccatore dei morti: intervista all’autore
· Vito Benicio Zingales: il Capolavoro noir è “Il truccatore dei morti”
Martedì, 10 marzo
· Timestealer
· Specchi irriflessi (The Tain - 2002) di China Miéville
Lunedì, 02 marzo
· La Rocca dei Celti
Domenica, 01 marzo
· Violazione di Codice
· QUANDO C'ERA IL MARE…
Domenica, 22 febbraio
· Rumspringa
Lunedì, 01 dicembre
· Il sogno delle 72 vergini

Articoli Vecchi

Area Riservata

Il Turista

Inserito Giovedì 29 giugno 2006

Narrativa un racconto di Andrea Aroldi

Gorge Shadwell si guardò intorno affascinato.
Firenze, una città meravigliosa nella toscana così ricca d’arte e di cultura.
L’aria della serata estiva lo colmava di un piacere quasi sensuale. Aveva voglia di chiudere gli occhi e di lasciarsi trasportare dalla città verso i suoi piaceri nascosti, verso le gemme che sapeva mostrare solo a coloro che si mettevano in sintonia con essa.
I suoi occhi erano monopolizzati da quella bellissima basilica che è S. Maria del Fiore.
La luce artificiale delle lampade stradali rendeva tutto ancora più caldo e piacevole.
Era al centro della piazza, fermo, rapito da quello che i suoi sensi increduli gli inviavano al cervello.
La splendida Torre di Giotto non lo attirava come faceva la basilica, così splendidamente affrescata.
L’urto di un passante lo riportò alla realtà. A passi lenti si accinse a percorrere tutto il perimetro della chiesa. All’improvviso fitte di stanchezza ai suoi piedi gli ricordarono la lunga passeggiata del pomeriggio, ma non poteva perdere quell’occasione.
Quanto avrebbe pagato per poter entrare e potersene restare seduto, gli occhi chiusi, al buio, in qualche panca. Sapeva però che era impossibile, la perla della città doveva restare chiusa.
- Peccato – mormorò e continuò quella specie di pellegrinaggio attorno alla cattedrale.
La strada era deserta e Gorge se ne stupì.
Un’occhiata all’orologio gli rivelò che erano le due, un orario insolito per quel silenzio, in una notte estiva.
Forse fu il pensiero del silenzio che gli fece percepire quel cigolio. Immediatamente si bloccò e voltò il capo in cerca della sorgente. Era venuto da una di quelle porte laterali della chiesa. Ora che ci faceva caso, poteva percepire una leggera fessura tra lo stipite e la porta. Esultante si avvicinò.
Aveva ragione, era aperta. Entrò e se la chiuse alle spalle.
- Grazie – mormorò e si incamminò verso le panche vicino all’altare.
Non c’era buio assoluto, ma una leggera penombra rosata dovuta ai fari stradali dell’esterno.
Anche le poche candele accese spezzavano la tenebra. Verso quelle luci si diresse e, trovato un banco al limite della zona più illuminata, si sedette.
Come s’era immaginato provò pace e, dopo aver appoggiato il capo all’indietro, chiuse gli occhi.

Non s’era addormentato, ma sentì di non essere più solo…
Aprì gli occhi e alla luce incerta scorse una figura vicino a lui. Non ne fu irritato, anzi, ne fu felice.
La figura forse se ne accorse e gli si avvicinò.
Era una ragazza bionda, con fluenti capelli raccolti in una coda. Il viso candido era illuminato da due pozze marroni, quasi nere. Sì, illuminato, perché i bagliori delle candele si riflettevano in quelle due gemme.
Ed improvvisamente si ricordò di averla già vista prima. Ricordarsi di un viso visto per la prima volta nella bolgia di Firenze assediata dai turisti era una vero enigma, ma quella ragazza lui l’aveva già incontrata la mattina e proprio in quel luogo affollato che è Ponte Vecchio. Se ne stava con un gruppo di “Figli del Sole” vicino a un hippy che suonava la chitarra. Il ragazzo era rapito dalla musica che stava componendo, mentre la ragazza aveva fissato le sue perle scure sul viso di Gorge quando era passato.
Il suo sguardo l’aveva seguito fino a quando si trovò oltre la sua visuale. Quello sguardo silenzioso era penetrato nel cuore del giovane turista americano, tanto che s’era voltato per ritornare da lei.
Mentre il suo viso emergeva nell’incerta luce delle candele, ricordò la faccia stupita del giovane chitarrista che guardava la ragazza allontanarsi nella folla.

- Salve – sussurrò.
Il dito di lei si posò sulle sue labbra, zittendolo amorevolmente. Senza parlare si appoggiò a lui e gli cinse la vita con un braccio. La bionda testa di lei si abbandonò sulla spalla del giovane che, stregato dalla sua vicinanza, poggiò il capo al suo, in un tenero contatto.
A questo punto Shadwell si stupì della propria audacia: se ne stava solo in una chiesa meravigliosa stringendo a se una ragazza bellissima che non conosceva.
Quel contatto ampliò la sua serenità e sempre stringendosi a lei chiuse gli occhi.
Sognò questa volta.
Un sogno strano in cui era solo uno spettatore.
Non era sulla Terra, ma su di un altro pianeta. Gli abitanti erano violenti e sanguinari.
Era in atto una rivoluzione e le stragi erano immense, il sangue riempiva le strade.
Un uomo avanzava nell’immenso caos senza esserne toccato, senza partecipare agli omicidi in atto.
Dal fondo della strada ecco sopraggiungere una donna con in braccio un bimbo di pochi mesi: l’uomo le si avvicinò e insieme percorsero la strada. Le loro vesti bianche non venivano contaminate dal sangue sparso, ma una gocciolina rossa comparve sul bordo inferiore della veste della donna.
La coppia si fermò di fronte a lui mentre la gocciolina andava via via ingrandendosi. L’uomo la vide e gridò, anche la donna gridò e con la mano cercò di togliere quel segno di morte, ma anche la sua mano si imbrattò di sangue. Il bambino pianse e l’uomo lo tolse dalle mani della compagna, ormai ricoperta di rosso.
Anche la veste dell’uomo cominciava a essere contaminata, allora si avvicinò a uno sconosciuto e gli tese il bambino.
Appena le mani lasciarono il piccolo il suo viso si contorse in una fitta di dolore e, come un pupazzo di neve esposto al sole estivo, si sciolse in una pozzanghera rossa.

Con uno scatto Gorge si svegliò.
Gli occhi della ragazza lo fissavano attentamente.
- Ma è mostruoso – mormorò
- Te ne stupisci? – disse la sua voce musicale
- Ma che significa? –
- Non lo capisci? –
Gorge s’era levato in piedi – Non sono quel bambino –
- Lo credi perché ti hanno insegnato a crederlo, ma il dubbio ti attanaglia e tu non puoi sfuggire alla sua presa –
Tornò a sedersi e si strinse ancora alla ragazza.
- Hai ragione, l’ho sempre saputo. Non sono di questo pianeta e questa estraneità mi ha fatto quasi divenire pazzo. Grazie per essere tornata, amore mio. Se sapessi le notti che ho passato da solo sentendomi diventare pazzo… -
- Oh amore mio, ricordi finalmente. Anche per me è stato difficile, ma ora siamo insieme e faremo quello che deve essere fatto –
- Certo, il Piano non deve essere fermato e sono fiero di farne parte –
I loro visi erano di fronte, a pochi centimetri tra loro. Gli occhi di Gorge erano fissi nei suoi. Lentamente e teneramente le loro labbra si incontrarono. Fu un lungo e tenero bacio, il suggello di un patto eterno che niente poteva dividere. La sua mano scattò alla gola della ragazza senza smettere di baciarla: teneramente la strangolò.
Nemmeno la ragazza smise di baciarlo, persa in un amore più forte anche dell’istinto di sopravvivenza. Anche se privo di vita il corpo della ragazza era morbido e ancora caldo.
Gentilmente lo sistemò sulla panca, poi i suoi occhi incontrarono quelli della giovane.
Allora capì come aveva fatto suo fratello ad esserne tanto affascinato da fuggire dal suo pianeta natale per seguirla sulla Terra, per portare un poco di pace.
Quella pace che nemmeno sul loro pianeta avevano potuto avere. Con la sua dolcezza aveva affrontato la morte sulla croce, dolcemente, forte di quell’amore che la bionda ragazza sapeva istillare nel cuore umano.
Senza affrettarsi uscì dalla basilica e si diresse verso la sua Lancia presa a nolo.
Mentre si voltava per dare l’ultimo saluto alla basilica, mormorò ironicamente:
- Padre Mio, per poter riconquistare il Tuo ultimo figlio dovrai pensare a qualche cosa d’altro. Ho avuto quasi duemila anni di tempo per ripensare alla scelta fatta da mio fratello –
Senza affrettarsi mise in moto e, silenziosamente, si allontanò dalla città.


Links Correlati
· Inoltre Narrativa
· News da DaniloS

Articolo più letto relativo a Narrativa:
about:blank - di Girolamo Grammatico


Opzioni



Questo portale è realizzato con l'ausilio del CMS PhpNuke
Tutti i loghi e i marchi registrati appartengono ai rispettivi proprietari. I commenti sono di proprietà dei rispettivi autori.
Tutto il resto è ©2003-2006 di IntercoM Science Fiction Station. È Possibile usare il materiale di questo sito citandone la fonte.
Potete sindacare le news del portale di IntercoM usando il file backend.php