Home
Account
  Autori· Saggistica· Narrativa· Comics· Speciali· Cinema· Interviste· Musica CERCA   
     
Menu Principale

News precedenti

Venerdì, 05 febbraio
· Il Gondoliere
Venerdì, 15 gennaio
· Cinema d'animazione: tre esempi francesi
Mercoledì, 16 dicembre
· Fumetti Digitali
· VITA IN LETTERE (Novembre)
· VITA IN LETTERE - Ottobre 2009
Venerdì, 04 dicembre
· Il quinto principio di Vittorio Catani su Urania
Venerdì, 06 novembre
· Dalla fantascienza alla guerriglia mediatica
Martedì, 03 novembre
· De ''Gli Inganni di Locke Lamora'' e di altre stronzate...
Venerdì, 30 ottobre
· La narrativa di Ted Chiang
· VITA IN LETTERE - Settembre 2009
Martedì, 27 ottobre
· CORRADO MASTANTUONO - Tra Tex e Paperino: il disegnatore dei due mondi
Domenica, 11 ottobre
· Fissione
Domenica, 04 ottobre
· Yupanqui
Giovedì, 24 settembre
· VITA IN LETTERE - Agosto 2009
Martedì, 22 settembre
· VITA IN LETTERE (Agosto)
Martedì, 15 settembre
· Le lezioni sempre ignorate della Storia
Lunedì, 14 settembre
· Isole
Giovedì, 03 settembre
· I 10 libri da riscoprire
· VITA IN LETTERE (Luglio)
· VITA IN LETTERE - Luglio 2009
Sabato, 11 luglio
· L'ermetismo nei lavori di Alexey Andreev
Giovedì, 09 luglio
· VITA IN LETTERE (Giugno)
Domenica, 05 luglio
· I ciccioni esplosivi
Mercoledì, 01 luglio
· VITA IN LETTERE - Giugno 2009
· Futurama
Domenica, 21 giugno
· Venature
Domenica, 31 maggio
· VITA IN LETTERE (maggio)
Sabato, 16 maggio
· Il bacio della Valchiria
Giovedì, 14 maggio
· VITA IN LETTERE - Maggio 2009
Giovedì, 07 maggio
·

City of steel, city of air

Martedì, 28 aprile
· VITA IN LETTERE (aprile)
Lunedì, 27 aprile
· Ritratto di gruppo con signora
Martedì, 21 aprile
· L'ultima possibilità
Lunedì, 20 aprile
· J. G. Ballard
Giovedì, 16 aprile
· La voce nella notte
Giovedì, 02 aprile
· I primi dopo gli antichi persiani
Mercoledì, 01 aprile
· VITA IN LETTERE - Marzo 2009
Martedì, 31 marzo
· ''Il giudice di tutta la terra (The judge of all the earth)
Domenica, 29 marzo
· ''Amici assenti (Absent friends)''
Sabato, 28 marzo
· Considera le sue vie (Consider her ways - 1956) di John Wyndham (1903-1969)
Venerdì, 20 marzo
· ''A mezzanotte, tutti gli agenti…
(At Midnight, All the Agents...)''
Mercoledì, 11 marzo
· Vito Benicio Zingales e il Truccatore dei morti: intervista all’autore
· Vito Benicio Zingales: il Capolavoro noir è “Il truccatore dei morti”
Martedì, 10 marzo
· Timestealer
· Specchi irriflessi (The Tain - 2002) di China Miéville
Lunedì, 02 marzo
· La Rocca dei Celti
Domenica, 01 marzo
· Violazione di Codice
· QUANDO C'ERA IL MARE…
Domenica, 22 febbraio
· Rumspringa
Lunedì, 01 dicembre
· Il sogno delle 72 vergini

Articoli Vecchi

Area Riservata

La grande fantascienza a teatro

Inserito Lunedì 17 dicembre 2007

Speciali La compagnia Sivigliana sto organizzando lo spettacolo "L'infra del Dragone", basato sull'omonimo racconto di fantascienza di Georgij Gurevich

L’infra del Dragone
al Teatro Sala Uno di Roma dal 7 al 20 gennaio 2008

Finalmente la fantascienza entra nel mondo del teatro e lo fa nel migliore dei modi, portando sul palco un racconto dell’epoca d’oro russa: “L’infra del Dragone”, scritto da Georgij Gurevich nel 1958, tradotto in molte lingue e arrivato in Italia con l’antologia di Jacques Bergier, pubblicata da Feltrinelli nel 1961.

Il testo viene rappresentato senza rinunciare a nulla della sua magia, ecco perché si parla di un vero spettacolo di fantascienza. Il mondo del futuro non è abbozzato in modo astratto o dipinto con i colori del presente, come in altri spettacoli teatrali: questo allestimento ricostruisce il mondo di Gurevich con pienezza di dettagli. La scenografia imponente e complessa, i costumi ispirati al film “Il pianeta proibito” e gli effetti speciali originali ci fanno tuffare in un “futuro antico” riprodotto nei minimi particolari, proprio come nel cinema d’epoca.

Un viaggio interminabile verso un pianeta misterioso è l’occasione per scoprire la grande filosofia di Pavel Charushin, capitano e “Nonno” del suo equipaggio, che aiuta i suoi compagni a ritrovare ogni giorno la forza per lavorare e la gioia di vivere.

I cosmonauti che hanno scelto di imbarcarsi con Pavel hanno l’opportunità unica di vedere paesaggi incantati, e di concentrarsi sulle ricerche scientifiche che amano, ma la lunghezza della traversata e la solitudine sono tali da indebolire anche gli animi più temprati. Qui si rivela la grandezza di Pavel, nel saper ridare le energie ai compagni rafforzando le loro motivazioni, ma anche inventando feste e ricorrenze alla fine dei turni di lavoro, piccole gioie da aspettare con quell’impazienza che è la base del desiderio di vita.

Proprio la vita umana è al centro delle riflessioni di Pavel, che viaggia nel cosmo sperando di incontrare un’altra specie cosciente, con cui l’umanità possa finalmente avere fratellanza. Pavel ripete spesso che i cosmonauti non devono misurare la vita con i loro anni, ma con le loro azioni, e questo importante concetto lo guida nel momento più terribile, quando alla fine del viaggio i cosmonauti scoprono un pianeta diverso da quello che immaginavano, e la spedizione sembra destinata a fallire.

La produzione dello spettacolo è curata da Sivigliana, un’associazione culturale nata con l’obiettivo di rinnovare le arti di narrazione e nello stesso tempo recuperare la memoria dei mestieri teatrali.

La regia è di Alessandro Mucci, giovane attore della scuola di Kuniaki Ida, che tra i suoi lavori conta anche una partecipazione al film di fantascienza “The Silver Rope” di Fabio Resinaro e Fabio Guaglione, vincitore di molti premi nazionali ed internazionali.

Mucci è anche l’autore del testo teatrale, ha scritto le musiche originali e ideato la maggior parte degli effetti speciali. Al suo fianco Ilaria Bolis, giovane regista che ha collaborato sia alla preparazione degli attori che all’organizzazione, e Maria Cristina Motta, che ha scritto la nuova traduzione del racconto originale, alla quale dobbiamo la scoperta di nuovi dettagli e sfumature.

La parte del protagonista Pavel Charushin è affidata a Franco Maione, artista polivalente che ha anche esperienze come autore e regista, mentre il narratore Radij Blochin è interpretato con grande forza e intensità da Maurizio Gualtieri. Scene e costumi sono stati realizzati da Matteo Monico, giovane scenografo diplomato a Brera.

Trailer pubblicato su YouTube


Links Correlati
· Inoltre Speciali
· News da DaniloS

Articolo più letto relativo a Speciali:
Le copertine di Intercom


Opzioni



Questo portale è realizzato con l'ausilio del CMS PhpNuke
Tutti i loghi e i marchi registrati appartengono ai rispettivi proprietari. I commenti sono di proprietà dei rispettivi autori.
Tutto il resto è ©2003-2006 di IntercoM Science Fiction Station. È Possibile usare il materiale di questo sito citandone la fonte.
Potete sindacare le news del portale di IntercoM usando il file backend.php