Home
Account
  Autori· Saggistica· Narrativa· Comics· Speciali· Cinema· Interviste· Musica CERCA   
     
Menu Principale

News precedenti

Venerdì, 05 febbraio
· Il Gondoliere
Venerdì, 15 gennaio
· Cinema d'animazione: tre esempi francesi
Mercoledì, 16 dicembre
· Fumetti Digitali
· VITA IN LETTERE (Novembre)
· VITA IN LETTERE - Ottobre 2009
Venerdì, 04 dicembre
· Il quinto principio di Vittorio Catani su Urania
Venerdì, 06 novembre
· Dalla fantascienza alla guerriglia mediatica
Martedì, 03 novembre
· De ''Gli Inganni di Locke Lamora'' e di altre stronzate...
Venerdì, 30 ottobre
· La narrativa di Ted Chiang
· VITA IN LETTERE - Settembre 2009
Martedì, 27 ottobre
· CORRADO MASTANTUONO - Tra Tex e Paperino: il disegnatore dei due mondi
Domenica, 11 ottobre
· Fissione
Domenica, 04 ottobre
· Yupanqui
Giovedì, 24 settembre
· VITA IN LETTERE - Agosto 2009
Martedì, 22 settembre
· VITA IN LETTERE (Agosto)
Martedì, 15 settembre
· Le lezioni sempre ignorate della Storia
Lunedì, 14 settembre
· Isole
Giovedì, 03 settembre
· I 10 libri da riscoprire
· VITA IN LETTERE (Luglio)
· VITA IN LETTERE - Luglio 2009
Sabato, 11 luglio
· L'ermetismo nei lavori di Alexey Andreev
Giovedì, 09 luglio
· VITA IN LETTERE (Giugno)
Domenica, 05 luglio
· I ciccioni esplosivi
Mercoledì, 01 luglio
· VITA IN LETTERE - Giugno 2009
· Futurama
Domenica, 21 giugno
· Venature
Domenica, 31 maggio
· VITA IN LETTERE (maggio)
Sabato, 16 maggio
· Il bacio della Valchiria
Giovedì, 14 maggio
· VITA IN LETTERE - Maggio 2009
Giovedì, 07 maggio
·

City of steel, city of air

Martedì, 28 aprile
· VITA IN LETTERE (aprile)
Lunedì, 27 aprile
· Ritratto di gruppo con signora
Martedì, 21 aprile
· L'ultima possibilità
Lunedì, 20 aprile
· J. G. Ballard
Giovedì, 16 aprile
· La voce nella notte
Giovedì, 02 aprile
· I primi dopo gli antichi persiani
Mercoledì, 01 aprile
· VITA IN LETTERE - Marzo 2009
Martedì, 31 marzo
· ''Il giudice di tutta la terra (The judge of all the earth)
Domenica, 29 marzo
· ''Amici assenti (Absent friends)''
Sabato, 28 marzo
· Considera le sue vie (Consider her ways - 1956) di John Wyndham (1903-1969)
Venerdì, 20 marzo
· ''A mezzanotte, tutti gli agenti…
(At Midnight, All the Agents...)''
Mercoledì, 11 marzo
· Vito Benicio Zingales e il Truccatore dei morti: intervista all’autore
· Vito Benicio Zingales: il Capolavoro noir è “Il truccatore dei morti”
Martedì, 10 marzo
· Timestealer
· Specchi irriflessi (The Tain - 2002) di China Miéville
Lunedì, 02 marzo
· La Rocca dei Celti
Domenica, 01 marzo
· Violazione di Codice
· QUANDO C'ERA IL MARE…
Domenica, 22 febbraio
· Rumspringa
Lunedì, 01 dicembre
· Il sogno delle 72 vergini

Articoli Vecchi

Area Riservata

AHASSAMATH

Inserito Martedì 28 settembre 2004

Narrativa un racconto di Lanfranco Ferrario

Sono morto una mattina d'aprile, di noia e di nessun desiderio.

Dalla vita avevo avuto tutto: belle donne, belle macchine e un mucchio di soldi.

Il successo era arrivato senza alcuno sforzo da parte mia, quasi appartenesse al mio destino per diritto e non per merito.

Non avevo mai amato dawero quindi non avevo mai provato dolore.

Non avevo desiderato nulla quindi non avevo mai perso niente.

La mia vita così si era fatta via via sempre più incolore, sempre più inutile e senza significato. Un vago senso di tristezza si era impadronito di me.

Fu per questo che decisi di chiudere con le cene galanti e le vacanze dieci mesi all'anno. Alle nove e trenta del mattino di un giorno di primavera trattenni il respiro fino alla morte.

Arrivai all'lnferno verso mezzogiorno.

Dopo le solite lungaggini burocratiche mi fu notificata la condanna: sarei vissuto in eterno nella Città Infernale lavorando al bancone di uno dei bar destinati al ristoro dei Demoni.

Alle 14.00 in punto avevo già preso servizio.

Il tirocinio non fu dei più semplici perchè preparare, conservare e servire acqua ghiacciata in un posto dove la temperatura si aggira attorno ai 100 gradi centigradi è cosa che richiede una certa tecnica.

Dopo un paio di mesi però me la cavavo già molto bene, tanto che molti Demoni preferivano attraversare il traffico infernale della Città pur di venire a bere nel locale dove servivo, “Il Girarrosto”.

Fu la sera in cui si festeggiava l’arrivo del miliardesimo peccatore che conobbi Ahassamath.

Era un Demone di 17° grado, il livello più basso nella graduatoria dei Diavoli Stigiani e sovrintendeva alle Somministrazioni Corporali nel girone dei golosi.

Non era molto alto, non più di due metri e mezzo corna comprese, poco muscoloso e dall’aspetto decisamente dimesso.

Chiedeva sempre acqua frizzante con molto ghiaccio e beveva spesso da solo, cosi capitò presto che iniziammo a fare due chiacchiere.

In gioventù, mi disse, aveva frequentato il Liceo delle Seicentosessantasei Diavolerie con scarsissimi risultati, tanto che suo padre, un Demone dalle Cinque Leghe pluridecorato, sfinito dall' incredibile sequenza di cattive figure guadagnate dal figlio, lo aveva trasferito al Corso Stigiano per Punitori, un istituto dove, grazie alle sue numerose conoscienze, riusci a fargli conseguire almeno la Diciassettesima Qualifica Infernale.

Da allora Ahassamath aveva svolto il suo lavoro senza infamia e senza lode al Girone dei Golosi.

Nell'aria fumosa del “Girarrosto” iniziammo a discutere del senso delle cose, del valore e del significato di tutto ciò che accade.

Scoprii che il desiderio di nulla aveva percorso la mia vita con un movimento insolitamente parallelo al disinteresse che Ahassamath aveva sempre dimostrato nei confronti del suo essere Diavolo: da una tale affinità non poteva non nascere un'amicizia.

Contro gli ordinamenti regolamentari dell'lnferno iniziammo a parlare del Paradiso.

Ahassamath me ne parlava come di un posto dove ogni essere trova il suo fine, un luogo magico che accende e coltiva il fuoco delle passioni, un luogo magico che spinge chi lo abita verso sempre nuovi traguardi rendendone l'anima più leggera e più ricca.

Il Paradiso, stando a quanto gli aveva raccontato un Demone imparentato alla lontana con un Angelo della Nuova Aureola, era la logica destinazione di chi, come noi due, non aveva mai trovato nessuno stimolo.

Giorno dopo giorno, raccolti nel nostro discorrere, pregustavamo l’insolito piacere dell’entusiasmo.

Sul bancone del “Girarrosto” iniziò a prendere forma il nostro piano di fuga, piano che attuammo tre mesi dopo approfittando della confusione creata dalla celebrazione del Dodecamillenario della Congrega di Sehemeth.

Io e Ahassamath, badando bene a non farci notare, ci tuffammo nell’immensa folla diabolica che si era riversata per le strade e con molta cautela arrivammo al Molo Stigeo.

Partendo da lì superammo il Fiume Sacro a nuoto, quindi attraversammo le Paludi Sulfuree e le CollineTremanti.

Evitammo con cura i punti di guardia delle sentinelle e, in un paio di giorni, arrivammo al confine.

La mappa territoriale che Ahassamath aveva sottratto ad un suo collega della Sezione Gecinfernale ci permise devitare anche le numerose trappole disseminate dall'esercito dei Diavoli nei pressi del Ponte al Purgatorio.

Arrivammo in Paradiso verso le 17, secondo le Divine e Superiori Convenzioni Interdimensionali, chiedemmo asilo alle Autorità Cherubine.

In breve ci fu assegnata una nuvola a pochi passi dall'Arcobaleno Ovest.

L'aria era diversa, piacevolissima, impregnata di una luce viva e soffice, saporita dal profumo di fiori celesti e percorsa dall'incessante fruscio delicato delle ali degli Angeli.

Le notti scendevano suonando melodie lontane nella memoria e ci facevano sognare di paesi mai visti mentre le mattine salivano da oltre lo sguardo fino a colpirci morbidamente nei cuori, invitandoci a fare, a creare, a trovare ciò che nemmeno immaginavamo potesse esistere.

Ahassamath prese ad interessarsi di botanica, iniziò a frequentare dei corsi di ricamo con petali quindi si iscrisse all'lstituto Celeste delle Sacre Piante e dei Muschi Quotidiani. Inaugurò con due suoi colleghi la Prima Serra del Settimo Cielo di cui fu in seguito nominato curatore dalla Commissione Angolica.

Tra l'altro durante una conferenza sui semi di Geranio Catecumenico conobbe Astridia, una Custode Ricercatrice che da un paio di millenni si occupava di innesti tra diverse specie di Gerani del Paradiso.

Presto si innamorò di lei e, ricambiato, la sposò entro pochi mesi.

Ebbero due figli che chiamarono uno Falstaff, come me, e l'altro Neve, come la madre di Astridia.

Per quanto mi riguarda ho aperto un locale tutto mio, la “Griglia Battesimale”, dove servo specialità esclusive come il pollo alla diavola o gli spaghetti all'indemoniata e potrei giurarvi, se qui non fosse peccato, che ci sono Arcangeli e Cherubini che sarebbero disposti a dannarsi l’anima  pur  di venire  a mangiare da me.

La sera tardi chiudo il ristorante e torno alla mia nuvola fischiettando una canzone sempre diversa.


Links Correlati
· Inoltre Narrativa
· News da DaniloS

Articolo più letto relativo a Narrativa:
about:blank - di Girolamo Grammatico


Opzioni



Questo portale è realizzato con l'ausilio del CMS PhpNuke
Tutti i loghi e i marchi registrati appartengono ai rispettivi proprietari. I commenti sono di proprietà dei rispettivi autori.
Tutto il resto è ©2003-2006 di IntercoM Science Fiction Station. È Possibile usare il materiale di questo sito citandone la fonte.
Potete sindacare le news del portale di IntercoM usando il file backend.php