Scott E. Green, Private Worlds
Data: Venerd 05 febbraio 2010
Argomento: Saggistica


di Danilo Santoni

C' una cosa abbastanza insolita nel mondo della fantascienza di lingua anglosassone che non passata nelle nostre pubblicazioni: la poesia.

Sembra strano che un genere cos 'scientifico' possa dare vita a componimenti poetici, ma, soprattutto nelle riviste, frequente l'apparizione di opere poetiche.

Ultimamente mi capitato tra le mani un volume che raccoglie un tipo di produzione poetica particolare, l'haiku. L'autore Scott E. Green e il titolo Private Worlds: A Revised Atlas, pubblicato da Abbott ePublishing

Il volume composto da una serie di haiku ognuno dedicato al 'mondo' di un autore fantastico.

La lettura si rivela illuminante: con pochissime parole, infatti, l'autore riesce a delineare nettamente l'ispirazione poetica dei vari autori creando una catena sorprendente di lampi folgoranti. Un esempio:

IL MONDO DI SIMAK

Il nostro passato sta nella
foresta
che si sposta tra i campi
I nostri futuri includono
la foresta che preserva
i campi.

Gli autori sono inseriti in ordine alfabetico ed interessante leggere le poesie in ordine, cogliendo in sottofondo una serie di echi e di correlazioni che arricchiscono l'esperienza.

Il volume acquistabile in formato elettronico al prezzo di 2,49 dollari, un prezzo veramente accessibile (e meritato)!

Scott E. Green, Private Worlds: A Revised Atlas, Abbott ePublishing







Questo Articolo proviene da IntercoM Science Fiction Station
http://www.intercom-sf.com

L'URL per questa storia è:
http://www.intercom-sf.com/modules.php?name=News&file=article&sid=493