Home
Account
  Autori· Saggistica· Narrativa· Comics· Speciali· Cinema· Interviste· Musica CERCA   
     
Menu Principale

News precedenti

Venerdì, 05 febbraio
· Il Gondoliere
Venerdì, 15 gennaio
· Cinema d'animazione: tre esempi francesi
Mercoledì, 16 dicembre
· Fumetti Digitali
· VITA IN LETTERE (Novembre)
· VITA IN LETTERE - Ottobre 2009
Venerdì, 04 dicembre
· Il quinto principio di Vittorio Catani su Urania
Venerdì, 06 novembre
· Dalla fantascienza alla guerriglia mediatica
Martedì, 03 novembre
· De ''Gli Inganni di Locke Lamora'' e di altre stronzate...
Venerdì, 30 ottobre
· La narrativa di Ted Chiang
· VITA IN LETTERE - Settembre 2009
Martedì, 27 ottobre
· CORRADO MASTANTUONO - Tra Tex e Paperino: il disegnatore dei due mondi
Domenica, 11 ottobre
· Fissione
Domenica, 04 ottobre
· Yupanqui
Giovedì, 24 settembre
· VITA IN LETTERE - Agosto 2009
Martedì, 22 settembre
· VITA IN LETTERE (Agosto)
Martedì, 15 settembre
· Le lezioni sempre ignorate della Storia
Lunedì, 14 settembre
· Isole
Giovedì, 03 settembre
· I 10 libri da riscoprire
· VITA IN LETTERE (Luglio)
· VITA IN LETTERE - Luglio 2009
Sabato, 11 luglio
· L'ermetismo nei lavori di Alexey Andreev
Giovedì, 09 luglio
· VITA IN LETTERE (Giugno)
Domenica, 05 luglio
· I ciccioni esplosivi
Mercoledì, 01 luglio
· VITA IN LETTERE - Giugno 2009
· Futurama
Domenica, 21 giugno
· Venature
Domenica, 31 maggio
· VITA IN LETTERE (maggio)
Sabato, 16 maggio
· Il bacio della Valchiria
Giovedì, 14 maggio
· VITA IN LETTERE - Maggio 2009
Giovedì, 07 maggio
·

City of steel, city of air

Martedì, 28 aprile
· VITA IN LETTERE (aprile)
Lunedì, 27 aprile
· Ritratto di gruppo con signora
Martedì, 21 aprile
· L'ultima possibilità
Lunedì, 20 aprile
· J. G. Ballard
Giovedì, 16 aprile
· La voce nella notte
Giovedì, 02 aprile
· I primi dopo gli antichi persiani
Mercoledì, 01 aprile
· VITA IN LETTERE - Marzo 2009
Martedì, 31 marzo
· ''Il giudice di tutta la terra (The judge of all the earth)
Domenica, 29 marzo
· ''Amici assenti (Absent friends)''
Sabato, 28 marzo
· Considera le sue vie (Consider her ways - 1956) di John Wyndham (1903-1969)
Venerdì, 20 marzo
· ''A mezzanotte, tutti gli agenti…
(At Midnight, All the Agents...)''
Mercoledì, 11 marzo
· Vito Benicio Zingales e il Truccatore dei morti: intervista all’autore
· Vito Benicio Zingales: il Capolavoro noir è “Il truccatore dei morti”
Martedì, 10 marzo
· Timestealer
· Specchi irriflessi (The Tain - 2002) di China Miéville
Lunedì, 02 marzo
· La Rocca dei Celti
Domenica, 01 marzo
· Violazione di Codice
· QUANDO C'ERA IL MARE…
Domenica, 22 febbraio
· Rumspringa
Lunedì, 01 dicembre
· Il sogno delle 72 vergini

Articoli Vecchi

Area Riservata

Del Gaudio Alessandro - Aurora d’Inverno

Ingredienti per un romanzo fantasy: un giovane protagonista ordinario ma coraggioso, una compagnia di eroi, una Regina prigioniera, un malvagio con molti alleati, mostri e strane creature a volontà, magie, battaglie, tradimenti, qualche storia d’amore e una guerra finale, dove il bene, anche se a caro prezzo, trionferà. Dovrebbe esserci tutto... ed è più o meno quello che potete trovare nel romanzo di Alessandro Del Gaudio. In questa sua prima esperienza nel genere l’autore riesce a presentare tutte le classiche figure care alla tradizione fantasy. Lugo, il protagonista, è un adolescente come tanti che vive ad Alphane, una città del pianeta Geon, e che è il prescelto per guidare una compagnia eterogenea di eroi verso la città dell’Inverno, dove la Regina è tenuta prigioniera dalle forze del male. Dopo innumerevoli avventure e battaglie la compagnia degli otto giunge allo scontro finale, in cui, non senza perdite, riuscirà ad avere la meglio sul Sindallion, il Signore del Male, circondato dai suoi terribili servitori. Niente di nuovo, dunque? Non proprio. Il Regno di Vassane, dove si svolge gran parte dell’azione, è confinato dall’autore in una dimensione parallela, nella quale si vive ancora in perfetto stile medievale, mentre l’inizio della storia si svolge in un contesto futuro, su un pianeta che non è la Terra, ma che è un suo diretto discendente, e dove le città sono simili alle attuali metropoli (con simili pregi e difetti). Siamo, quindi, di fronte a un’idea ambiziosa e impegnativa; un progetto autoconclusivo, che proprio per questo motivo mette subito in chiaro il suo intento di rischiare e di “trattenere il respiro”. Detto questo è d’obbligo sottolineare, prima di esprimere un giudizio e di iniziare la lettura, che il romanzo nasce dall’amore per questo tipo di letteratura, ed è un omaggio dichiarato a grandi autori come Ende, Tolkien, Brooks, Weis, Hickman e molti altri. Inutile sorprendersi, quindi, se leggendo s’incontreranno, quasi da subito, tutti i cliché fantasy, spesso utilizzati in modo classico, e alcune volte innovati con originalità. Ecco dunque comparire, a fianco delle spade magiche e degli animali parlanti, un eroe robot dal cuore d’oro (Torgal) o un’amazzone (Teryx) che, assieme al lucertolone Molok, sono indubbiamente tra i personaggi meglio riusciti e a cui ci si affeziona maggiormente. Un fantasy riuscito, dunque? Non del tutto. Il fatto che vi si presentino tutti, ma proprio tutti, i tratti caratteristici del genere, cozza contro la lunghezza del libro che, limitandosi nel numero delle pagine, anche se “dense”, non riesce a sprigionare la carica di suggestione che la creazione (letteraria) di un mondo fantastico richiederebbe. A tratti si ha l’impressione che sia stata messa troppa carne al fuoco e che gli avvenimenti, in certi frangenti, siano stati raccontati in fretta. Alcuni personaggi, pur giocando ruoli di tutto rispetto, rimangono poco visibili (al lettore) e nei momenti più concitati si soffre la sensazione di volerne sapere di più e di vedere più particolari. Questa caratteristica è confermata dal fatto che in quasi tutti i capitoli si svolgono scene d’azione e che, a un certo punto, si percepisce la mancanza di un passaggio disteso e descrittivo, che permetta di entrare in contatto con i personaggi e con i loro pensieri, piuttosto che con le loro azioni. Se da un lato, però, questa ricchezza di eventi genera nel lettore, soprattutto inizialmente, una sorta di confusione, dall’altro è un valido dispositivo per invogliare alla lettura. La sensazione iniziale che tutto si svolga troppo rapidamente, quindi, va considerata con una certa indulgenza, così come l’utilizzo sistematico dei cliché fantasy. Due considerazioni, infine, riguardano l’aspetto grafico e quello di editing. Grazie a un adeguato font, sia interno, sia di copertina, e ai disegni “ad hoc” alla fine di ogni capitolo, il libro si tuffa, prima ancora d’iniziarne la lettura, nel mondo “medievaleggiante” in cui è ambientato. Per contro, però, nei primissimi capitoli, paiono concentrarsi alcuni piccoli refusi e imperfezioni che indispettiscono il lettore, ma che, fortunatamente, si riducono con l’andare delle pagine, rientrando nella normale “tara” di ogni romanzo.

Aggiunto: February 26th 2007
Recensore: Raffaele Serafini
Voto:
Link correlati: magnetica edizioni
Hits: 736
Lingua: italian

  

[ Torna all'indice delle recensioni ]



Questo portale è realizzato con l'ausilio del CMS PhpNuke
Tutti i loghi e i marchi registrati appartengono ai rispettivi proprietari. I commenti sono di proprietà dei rispettivi autori.
Tutto il resto è ©2003-2006 di IntercoM Science Fiction Station. È Possibile usare il materiale di questo sito citandone la fonte.
Potete sindacare le news del portale di IntercoM usando il file backend.php