Home
Account
  Autori· Saggistica· Narrativa· Comics· Speciali· Cinema· Interviste· Musica CERCA   
     
Menu Principale

News precedenti

Venerdì, 05 febbraio
· Il Gondoliere
Venerdì, 15 gennaio
· Cinema d'animazione: tre esempi francesi
Mercoledì, 16 dicembre
· Fumetti Digitali
· VITA IN LETTERE (Novembre)
· VITA IN LETTERE - Ottobre 2009
Venerdì, 04 dicembre
· Il quinto principio di Vittorio Catani su Urania
Venerdì, 06 novembre
· Dalla fantascienza alla guerriglia mediatica
Martedì, 03 novembre
· De ''Gli Inganni di Locke Lamora'' e di altre stronzate...
Venerdì, 30 ottobre
· La narrativa di Ted Chiang
· VITA IN LETTERE - Settembre 2009
Martedì, 27 ottobre
· CORRADO MASTANTUONO - Tra Tex e Paperino: il disegnatore dei due mondi
Domenica, 11 ottobre
· Fissione
Domenica, 04 ottobre
· Yupanqui
Giovedì, 24 settembre
· VITA IN LETTERE - Agosto 2009
Martedì, 22 settembre
· VITA IN LETTERE (Agosto)
Martedì, 15 settembre
· Le lezioni sempre ignorate della Storia
Lunedì, 14 settembre
· Isole
Giovedì, 03 settembre
· I 10 libri da riscoprire
· VITA IN LETTERE (Luglio)
· VITA IN LETTERE - Luglio 2009
Sabato, 11 luglio
· L'ermetismo nei lavori di Alexey Andreev
Giovedì, 09 luglio
· VITA IN LETTERE (Giugno)
Domenica, 05 luglio
· I ciccioni esplosivi
Mercoledì, 01 luglio
· VITA IN LETTERE - Giugno 2009
· Futurama
Domenica, 21 giugno
· Venature
Domenica, 31 maggio
· VITA IN LETTERE (maggio)
Sabato, 16 maggio
· Il bacio della Valchiria
Giovedì, 14 maggio
· VITA IN LETTERE - Maggio 2009
Giovedì, 07 maggio
·

City of steel, city of air

Martedì, 28 aprile
· VITA IN LETTERE (aprile)
Lunedì, 27 aprile
· Ritratto di gruppo con signora
Martedì, 21 aprile
· L'ultima possibilità
Lunedì, 20 aprile
· J. G. Ballard
Giovedì, 16 aprile
· La voce nella notte
Giovedì, 02 aprile
· I primi dopo gli antichi persiani
Mercoledì, 01 aprile
· VITA IN LETTERE - Marzo 2009
Martedì, 31 marzo
· ''Il giudice di tutta la terra (The judge of all the earth)
Domenica, 29 marzo
· ''Amici assenti (Absent friends)''
Sabato, 28 marzo
· Considera le sue vie (Consider her ways - 1956) di John Wyndham (1903-1969)
Venerdì, 20 marzo
· ''A mezzanotte, tutti gli agenti…
(At Midnight, All the Agents...)''
Mercoledì, 11 marzo
· Vito Benicio Zingales e il Truccatore dei morti: intervista all’autore
· Vito Benicio Zingales: il Capolavoro noir è “Il truccatore dei morti”
Martedì, 10 marzo
· Timestealer
· Specchi irriflessi (The Tain - 2002) di China Miéville
Lunedì, 02 marzo
· La Rocca dei Celti
Domenica, 01 marzo
· Violazione di Codice
· QUANDO C'ERA IL MARE…
Domenica, 22 febbraio
· Rumspringa
Lunedì, 01 dicembre
· Il sogno delle 72 vergini

Articoli Vecchi

Area Riservata

Sterling Bruce, La forma del futuro

(Shaping Things, 2005), "Saggi" n. 20, ed. Apogeo, 2006, 12,00 €, 173 + xiii pagg., traduzione di Leo Sorge; ed. or.: (The MIT Press: 18.95 $, 152 pagg.)

Sterling, come sappiamo, oltre ad essere un narratore, è anche un ottimo saggista. E, questo, è un ottimo saggio di futurologia, come lo era "Tomorrow now".
Veniamo innanzitutto a sapere che, Sterling, è da sempre un grande ammiratore dei designer; ne ha conosciuti molti, discutendo con loro a lungo e approfonditamente.
E ha seguito l’"High Ground", una sorta di Clarion del design, dai dibattiti della quale è nata l’idea di questo libro: "Senza High Ground questo libro non sarebbe esistito." (pag. 171).
E che lo considera, il design, molto affine alla fantascienza: "…non è difficile intravedere (in esso) una sensibilità fantascientifica non ancora ingabbiata e addomesticata. Nella loro gioventù, sia il design sia la fantascienza s’incentrarono senza alcuna remora sulla meraviglia, la velocità e la spettacolarità." (pag. 27).
Detto questo bisogna dire che, il libro, dice una cosa, un concetto, davvero difficile. In quanto molto di rottura con la mentalità corrente.
In estrema sintesi: una delle pochissime possibilità che abbiamo di poter non vedere decadere inesorabilmente la nostra società senza dover, anche perché impossibile, rinunciare alle comodità che ci offre, è quella di creare un Mondo Nuovo, totalmente, nuovo, nel quale, per mezzo degli SPIME (contrazione di Space e Time), gli oggetti possano darci le informazioni totali per mezzo delle quali potremmo essere in grado di gestirla in maniera efficace, riuscendo cioè a evitare che tutto quanto tracolli sotto l’obsolescenza delle attuali modalità di gestione: "…i modi di gestione usati attualmente non sono più sostenibili. Hanno scale enomi, la loro storia è lunga, e hanno conosciuto lunghe fasi di ricerca e sviluppo, ma non possono andare avanti nella forma attuale. Lo status quo usa forme di energia e di materia arcaiche, limitate e tossiche: danneggiano il clima, avvelenano la popolazione e fomentano guerre per le risorse. Non hanno futuro." (pagg. 1-3).
Gli SPIME saranno degli oggetti, non più solamente prodotti, che, avendo su di se, invece che l’obsoleto codice a barre, lettori RFID, codici elettronici (Arfidi), potranno appunto rendere possibile una gestione ottimale dello spazio: "…una tecnologia interamente documentata, tracciabile e indagabile… una cassetta di giochi per un’umanità inventiva e curiosa che ripone i suoi giochi in modo pulito e sicuro." (pag. 160).
Che Sterling sia uno scrittore di fantascienza lo si nota in varie parti, nelle quali parte un po’ per la tangente e decrive ipotetici scenari futuri davvero incredibili.
Come quello, finale, degli uomini bionti, che, ormai, progetteranno loro stessi, la propria possibilità di sopravvivere alle infinite insidie del mondo: "È nella posizione di microgestire e progettare i processi che informano la sua stessa anatomia." (pag. 149); "Apirà e gestirà i processi vitali attivi al suo interno." (pag. 151), in un mondo nel quale "…gli oggetti verranno fabbricati con metodi biologici…" (pag. 150).
Davvero un andare oltre l’Uomo, come era stato anche (e meglio, bisogna dire), in "Tomorrow now": "Non sarete più umani" (pag. 152).
Nel complesso, come ogni idea veramente innovativa, difficile da capirsi appieno: "È un’idea visionaria. Sarà anche impossibile, ma almeno il concetto è nuovo." (pag. 160). Ma decisamente accattivante.

Aggiunto: November 27th 2008
Recensore: Marcello Bonati
Voto:
Link correlati: Bruce Sterling - il cyberpunk umanistico
Hits: 1325
Lingua: italian

  

[ Torna all'indice delle recensioni ]



Questo portale è realizzato con l'ausilio del CMS PhpNuke
Tutti i loghi e i marchi registrati appartengono ai rispettivi proprietari. I commenti sono di proprietà dei rispettivi autori.
Tutto il resto è ©2003-2006 di IntercoM Science Fiction Station. È Possibile usare il materiale di questo sito citandone la fonte.
Potete sindacare le news del portale di IntercoM usando il file backend.php