Home
Account
  Autori· Saggistica· Narrativa· Comics· Speciali· Cinema· Interviste· Musica CERCA   
     
Menu Principale

News precedenti

Venerdì, 05 febbraio
· Il Gondoliere
Venerdì, 15 gennaio
· Cinema d'animazione: tre esempi francesi
Mercoledì, 16 dicembre
· Fumetti Digitali
· VITA IN LETTERE (Novembre)
· VITA IN LETTERE - Ottobre 2009
Venerdì, 04 dicembre
· Il quinto principio di Vittorio Catani su Urania
Venerdì, 06 novembre
· Dalla fantascienza alla guerriglia mediatica
Martedì, 03 novembre
· De ''Gli Inganni di Locke Lamora'' e di altre stronzate...
Venerdì, 30 ottobre
· La narrativa di Ted Chiang
· VITA IN LETTERE - Settembre 2009
Martedì, 27 ottobre
· CORRADO MASTANTUONO - Tra Tex e Paperino: il disegnatore dei due mondi
Domenica, 11 ottobre
· Fissione
Domenica, 04 ottobre
· Yupanqui
Giovedì, 24 settembre
· VITA IN LETTERE - Agosto 2009
Martedì, 22 settembre
· VITA IN LETTERE (Agosto)
Martedì, 15 settembre
· Le lezioni sempre ignorate della Storia
Lunedì, 14 settembre
· Isole
Giovedì, 03 settembre
· I 10 libri da riscoprire
· VITA IN LETTERE (Luglio)
· VITA IN LETTERE - Luglio 2009
Sabato, 11 luglio
· L'ermetismo nei lavori di Alexey Andreev
Giovedì, 09 luglio
· VITA IN LETTERE (Giugno)
Domenica, 05 luglio
· I ciccioni esplosivi
Mercoledì, 01 luglio
· VITA IN LETTERE - Giugno 2009
· Futurama
Domenica, 21 giugno
· Venature
Domenica, 31 maggio
· VITA IN LETTERE (maggio)
Sabato, 16 maggio
· Il bacio della Valchiria
Giovedì, 14 maggio
· VITA IN LETTERE - Maggio 2009
Giovedì, 07 maggio
·

City of steel, city of air

Martedì, 28 aprile
· VITA IN LETTERE (aprile)
Lunedì, 27 aprile
· Ritratto di gruppo con signora
Martedì, 21 aprile
· L'ultima possibilità
Lunedì, 20 aprile
· J. G. Ballard
Giovedì, 16 aprile
· La voce nella notte
Giovedì, 02 aprile
· I primi dopo gli antichi persiani
Mercoledì, 01 aprile
· VITA IN LETTERE - Marzo 2009
Martedì, 31 marzo
· ''Il giudice di tutta la terra (The judge of all the earth)
Domenica, 29 marzo
· ''Amici assenti (Absent friends)''
Sabato, 28 marzo
· Considera le sue vie (Consider her ways - 1956) di John Wyndham (1903-1969)
Venerdì, 20 marzo
· ''A mezzanotte, tutti gli agenti…
(At Midnight, All the Agents...)''
Mercoledì, 11 marzo
· Vito Benicio Zingales e il Truccatore dei morti: intervista all’autore
· Vito Benicio Zingales: il Capolavoro noir è “Il truccatore dei morti”
Martedì, 10 marzo
· Timestealer
· Specchi irriflessi (The Tain - 2002) di China Miéville
Lunedì, 02 marzo
· La Rocca dei Celti
Domenica, 01 marzo
· Violazione di Codice
· QUANDO C'ERA IL MARE…
Domenica, 22 febbraio
· Rumspringa
Lunedì, 01 dicembre
· Il sogno delle 72 vergini

Articoli Vecchi

Area Riservata

BARNES JOHN - UN SECOLO DI ORDINARIA FOLLIA

John Barnes
Un secolo di ordinaria follia, Kaleidoscope Century, 1995
Solaria Fanucci, Roma 2000, pp. 256 – lire 6.900, Trad. di Anna Polo

"La scrittura impianterà la dimenticanza" dice il re egiziano Thamus nel Fedro di Platone. Nel passaggio che porta la cultura dall’oralità alla scrittura, dalla voce al testo, si acquista qualcosa (la capacità di scrivere, per l’appunto), ma si perde anche qualcosa: la rimembranza, la memoria, la facoltà di modificare-in-corso. Mi sembra che questa possa essere un’interessante chiave di lettura di Un secolo di ordinaria follia di John Barnes, il bel romanzo pubblicato dalla Fanucci. La storia: Joshua Ali Quare si sveglia su Marte nel 2109. Chiuso nella sua stanza ed affetto da amnesia cerca di colmare i vuoti della sua memoria leggendo quanto c’è archiviato sul Werp. E così Joshua recupera la sua memoria, rivive la violenta vita di mercenario al servizio dell’Organizzazione e così facendo ci guida attraverso gli orrori e le brutture del suo tempo. La memoria, dunque. In Un secolo di ordinaria follia è quella dei "documenti" archiviati nei database di un computer: partendo da questi Joshua ricostruirà la sua esistenza che dura da oltre un secolo grazie alle moderne tecnologie dell’ingegneria genetica che permettono anche di cambiare aspetto e ringiovanire. Ma la memoria informatica è veramente asettica e sicura? Ecco su cosa si interroga Joshua per giungere alla conclusione che gli archivi del Werp ricostruiscono una storia, non la Storia. Un bel romanzo dunque questo di Barnes, ben scritto, potente, nonostante l’intreccio si sviluppi in maniera spezzettata, lontano dai clamori tecnofuturistici di molta fantascienza che ha seguito il cyberpunk. L’autore riesce ad approfondire i tratti psicologici del personaggio sopravvissuto alle violenze del mondo, che anzi della violenza ha fatto la sua professione diventando un mercenario. Nella sua descrizione – che in alcuni tratti diventa una sorta di flusso di coscienza perché la narrazione è prima persona – Barnes riesce nella difficile impresa di rimanere "esterno" al personaggio di Joshua. Azioni di guerra, violenze, stupri, vengono raccontanti in maniera fredda, quasi con distacco. Forse per questo infastidiscono il lettore: ma chi ha detto che la fantascienza deve essere consolatoria?

Aggiunto: April 15th 2004
Recensore: Marco Minicangeli
Voto:
Hits: 820
Lingua: italian

  

[ Torna all'indice delle recensioni ]



Questo portale è realizzato con l'ausilio del CMS PhpNuke
Tutti i loghi e i marchi registrati appartengono ai rispettivi proprietari. I commenti sono di proprietà dei rispettivi autori.
Tutto il resto è ©2003-2006 di IntercoM Science Fiction Station. È Possibile usare il materiale di questo sito citandone la fonte.
Potete sindacare le news del portale di IntercoM usando il file backend.php