Home
Account
  Autori· Saggistica· Narrativa· Comics· Speciali· Cinema· Interviste· Musica CERCA   
     
Menu Principale

News precedenti

Venerdì, 05 febbraio
· Il Gondoliere
Venerdì, 15 gennaio
· Cinema d'animazione: tre esempi francesi
Mercoledì, 16 dicembre
· Fumetti Digitali
· VITA IN LETTERE (Novembre)
· VITA IN LETTERE - Ottobre 2009
Venerdì, 04 dicembre
· Il quinto principio di Vittorio Catani su Urania
Venerdì, 06 novembre
· Dalla fantascienza alla guerriglia mediatica
Martedì, 03 novembre
· De ''Gli Inganni di Locke Lamora'' e di altre stronzate...
Venerdì, 30 ottobre
· La narrativa di Ted Chiang
· VITA IN LETTERE - Settembre 2009
Martedì, 27 ottobre
· CORRADO MASTANTUONO - Tra Tex e Paperino: il disegnatore dei due mondi
Domenica, 11 ottobre
· Fissione
Domenica, 04 ottobre
· Yupanqui
Giovedì, 24 settembre
· VITA IN LETTERE - Agosto 2009
Martedì, 22 settembre
· VITA IN LETTERE (Agosto)
Martedì, 15 settembre
· Le lezioni sempre ignorate della Storia
Lunedì, 14 settembre
· Isole
Giovedì, 03 settembre
· I 10 libri da riscoprire
· VITA IN LETTERE (Luglio)
· VITA IN LETTERE - Luglio 2009
Sabato, 11 luglio
· L'ermetismo nei lavori di Alexey Andreev
Giovedì, 09 luglio
· VITA IN LETTERE (Giugno)
Domenica, 05 luglio
· I ciccioni esplosivi
Mercoledì, 01 luglio
· VITA IN LETTERE - Giugno 2009
· Futurama
Domenica, 21 giugno
· Venature
Domenica, 31 maggio
· VITA IN LETTERE (maggio)
Sabato, 16 maggio
· Il bacio della Valchiria
Giovedì, 14 maggio
· VITA IN LETTERE - Maggio 2009
Giovedì, 07 maggio
·

City of steel, city of air

Martedì, 28 aprile
· VITA IN LETTERE (aprile)
Lunedì, 27 aprile
· Ritratto di gruppo con signora
Martedì, 21 aprile
· L'ultima possibilità
Lunedì, 20 aprile
· J. G. Ballard
Giovedì, 16 aprile
· La voce nella notte
Giovedì, 02 aprile
· I primi dopo gli antichi persiani
Mercoledì, 01 aprile
· VITA IN LETTERE - Marzo 2009
Martedì, 31 marzo
· ''Il giudice di tutta la terra (The judge of all the earth)
Domenica, 29 marzo
· ''Amici assenti (Absent friends)''
Sabato, 28 marzo
· Considera le sue vie (Consider her ways - 1956) di John Wyndham (1903-1969)
Venerdì, 20 marzo
· ''A mezzanotte, tutti gli agenti…
(At Midnight, All the Agents...)''
Mercoledì, 11 marzo
· Vito Benicio Zingales e il Truccatore dei morti: intervista all’autore
· Vito Benicio Zingales: il Capolavoro noir è “Il truccatore dei morti”
Martedì, 10 marzo
· Timestealer
· Specchi irriflessi (The Tain - 2002) di China Miéville
Lunedì, 02 marzo
· La Rocca dei Celti
Domenica, 01 marzo
· Violazione di Codice
· QUANDO C'ERA IL MARE…
Domenica, 22 febbraio
· Rumspringa
Lunedì, 01 dicembre
· Il sogno delle 72 vergini

Articoli Vecchi

Area Riservata

MARTIN GEORGE R. R. - IL TRONO DI SPADE - IL GRANDE INVERNO

George R.R.Martin, Il Trono di Spade - Il Grande Inverno
(ciclo di "A Song of Ice and Fire"; "A Game of Thrones, ‘96),
Traduzione di Sergio Altieri, "Omnibus", ed. Mondadori, ’99, 443-443 pagine-34.000 £ l’uno -
Edizione originale: (Bantam), Premio Locus '97, miglior romanzo fantasy, finalista World Fantasy '97

  Ottimo, è, anche se pubblicato in due volumi, un unico romanzo; una grandiosa saga epica, direi quasi, in cui si raccontano le gesta di eroi, le sorti di interi popoli, ed immani battaglie. Ambientato in uno scenario che mi pare di poter dire di Science Fantasy, un pianeta sul quale le stagioni durano per interi anni, ma abitato da uomini terrestrissimi, e nel quale, di sovraumano, vi sono, solamente, degli esseri spaventosi un po’ alla zombi, che, dopo essere stati creduti unicamente abitatori delle leggende delle vecchie, si palesano con micidiale concretezza distruttiva, e l’esserci stati, sicuramente, in ere antiche, su di esso, dei draghi. Un dubbio che mi è venuto, è che Martin abbia voluto celare, dietro a tutto questo, un’allegoria decisamente molto ben criptata; è la nostra Terra, quel mondo, fra migliaia di anni, il clima completamente sconvolto, le stagioni a quel modo non per la sua particolare orbita attorno al suo sole, ma per i danni che abbiamo saputo portarvi noi. Mi pare, infatti, che non ci siano dei riferimenti contestuali che dicano che sia per il fatto di essere su di un altro pianeta; ad un certo punto, nel dire di un’antica leggenda, si legge: "Un tempo nel cielo c’erano due lune." (pag.264), ma potrebbe benissimo trattarsi, appunto, solo di una leggenda. Leggenda che mi è parsa fra le cose più significative che vi si trovino; vi si dice di un Disastro, dei draghi, e, appunto, delle due lune: "…le pratiche magiche erano scomparse quando il Disastro si era abbattuto…i draghi provengono dalla luna. Un tempo nel cielo c’erano due lune. Ma poi una si avvicinò troppo al sole e il suo calore la frantumò. Migliaia di draghi si riversarono dalla luna frantumata e bevvero il fuoco del sole. Ecco perché il respiro dei draghi è fatto di fuoco. Verrà il giorno in cui anche la seconda luna accetterà il bacio del sole. Anch’essa si frantumerà, e i draghi faranno ritorno." (pagg.263-4); è, infatti, innanzitutto, un mito di creazione bello e buono, molto ben contestualizzato, e che, anche, nel finale, in un certo senso, avrà un suo riscontro nella realtà. Da esso è stato tratto il romanzo breve "Blood of the Dragon" (1); qui, infatti, ve ne sono tutte le parti, in forma, per così dire condensata, più varie aggiunte (2), parti che hanno senso solamente contestualizzate con le altre storie. Infatti, è composto da varie storie parallele, con un personaggio che ne fa da catalizzatore, ma che si intrecciano abbondantemente l’una con l’altra fin dall’inizio. La storia che vi si racconta è, prevalentemente, quella della lotta per la successione al trono di quelle genti; il primo volume è, per così dire, un’amplissimo presequel, in cui si illustra il retroterra di intrighi di palazzo che determinerà lo schieramento della lotta, ed il secondo, appunto, la guerra vera e propria. L’ottima prosa di Martin riesce, però, a rendere anch’essi decisamente sopportabili, e, nella miriade di episodi collaterali di cui è costellato, poi, vi riesce ancor meglio. Come forse saprete, infatti, la sua è una prosa che non di rado raggiunge punti nei quali non è poi così distante dalla poesia; certo, questo può riuscire molto meglio, per così dire, sulla breve distanza, come ben dimostrano i molti riconoscimenti che egli ha ottenuto con racconti e romanzi brevi, ma, anche qui, in svariati punti, la lettura offre momenti di notevole lirismo. Ultima annotazione; anche quest’opera conferma come si possa fare della fantasy senza dover, necessariamente, sottostare ai vecchi stilemi, purtroppo ancor oggi così spesso seguiti, raccontando storie che paiono scritte da alieni asessuati per imbecilli incapaci di uscire dall’adolescenza; qui c’è calore, passione, e sesso nella giusta misura, ma che dice di persone vere, quasi che, l’autore, fosse (incredibilmente), un uomo di carne.  

(1)-"Sangue di drago", in "I premi Hugo 1995-1998", "Grandi opere" n.33, ed.Nord, ’99, traduzione di Annarita Guarnieri; originariamente apparso in "Isaac Asimov’s Sf Magazine", luglio ’97; premio Hugo '97, miglior romanzo breve, finalista Nebula '96, miglior romanzo breve, finalista (2°) Locus '97, miglior romanzo breve, finalista World Fantasy '97, miglior romanzo breve; 94 pagine, pag.211
(2)-1°, pag.34; 2° pag.254 di "Il trono di spade"; 3°, pag.7, 4°, pag.116, 5°, pag.283, 6°, pag.319, 7° pag.367, 8°, pag.412 di "Il grande inverno"; le parti, di quella storia che non vi sono state incluse sono alle pagine 113 di "Il trono di spade" e 112 (poche pagine, prima della 4° parte) e 204 di "Il grande inverno"

Aggiunto: April 19th 2004
Recensore: Marcello Bonati
Voto:
Hits: 1317
Lingua: italian

  

[ Torna all'indice delle recensioni ]



Questo portale è realizzato con l'ausilio del CMS PhpNuke
Tutti i loghi e i marchi registrati appartengono ai rispettivi proprietari. I commenti sono di proprietà dei rispettivi autori.
Tutto il resto è ©2003-2006 di IntercoM Science Fiction Station. È Possibile usare il materiale di questo sito citandone la fonte.
Potete sindacare le news del portale di IntercoM usando il file backend.php