Home
Account
  Autori· Saggistica· Narrativa· Comics· Speciali· Cinema· Interviste· Musica CERCA   
     
Menu Principale

News precedenti

Venerdì, 05 febbraio
· Il Gondoliere
Venerdì, 15 gennaio
· Cinema d'animazione: tre esempi francesi
Mercoledì, 16 dicembre
· Fumetti Digitali
· VITA IN LETTERE (Novembre)
· VITA IN LETTERE - Ottobre 2009
Venerdì, 04 dicembre
· Il quinto principio di Vittorio Catani su Urania
Venerdì, 06 novembre
· Dalla fantascienza alla guerriglia mediatica
Martedì, 03 novembre
· De ''Gli Inganni di Locke Lamora'' e di altre stronzate...
Venerdì, 30 ottobre
· La narrativa di Ted Chiang
· VITA IN LETTERE - Settembre 2009
Martedì, 27 ottobre
· CORRADO MASTANTUONO - Tra Tex e Paperino: il disegnatore dei due mondi
Domenica, 11 ottobre
· Fissione
Domenica, 04 ottobre
· Yupanqui
Giovedì, 24 settembre
· VITA IN LETTERE - Agosto 2009
Martedì, 22 settembre
· VITA IN LETTERE (Agosto)
Martedì, 15 settembre
· Le lezioni sempre ignorate della Storia
Lunedì, 14 settembre
· Isole
Giovedì, 03 settembre
· I 10 libri da riscoprire
· VITA IN LETTERE (Luglio)
· VITA IN LETTERE - Luglio 2009
Sabato, 11 luglio
· L'ermetismo nei lavori di Alexey Andreev
Giovedì, 09 luglio
· VITA IN LETTERE (Giugno)
Domenica, 05 luglio
· I ciccioni esplosivi
Mercoledì, 01 luglio
· VITA IN LETTERE - Giugno 2009
· Futurama
Domenica, 21 giugno
· Venature
Domenica, 31 maggio
· VITA IN LETTERE (maggio)
Sabato, 16 maggio
· Il bacio della Valchiria
Giovedì, 14 maggio
· VITA IN LETTERE - Maggio 2009
Giovedì, 07 maggio
·

City of steel, city of air

Martedì, 28 aprile
· VITA IN LETTERE (aprile)
Lunedì, 27 aprile
· Ritratto di gruppo con signora
Martedì, 21 aprile
· L'ultima possibilità
Lunedì, 20 aprile
· J. G. Ballard
Giovedì, 16 aprile
· La voce nella notte
Giovedì, 02 aprile
· I primi dopo gli antichi persiani
Mercoledì, 01 aprile
· VITA IN LETTERE - Marzo 2009
Martedì, 31 marzo
· ''Il giudice di tutta la terra (The judge of all the earth)
Domenica, 29 marzo
· ''Amici assenti (Absent friends)''
Sabato, 28 marzo
· Considera le sue vie (Consider her ways - 1956) di John Wyndham (1903-1969)
Venerdì, 20 marzo
· ''A mezzanotte, tutti gli agenti…
(At Midnight, All the Agents...)''
Mercoledì, 11 marzo
· Vito Benicio Zingales e il Truccatore dei morti: intervista all’autore
· Vito Benicio Zingales: il Capolavoro noir è “Il truccatore dei morti”
Martedì, 10 marzo
· Timestealer
· Specchi irriflessi (The Tain - 2002) di China Miéville
Lunedì, 02 marzo
· La Rocca dei Celti
Domenica, 01 marzo
· Violazione di Codice
· QUANDO C'ERA IL MARE…
Domenica, 22 febbraio
· Rumspringa
Lunedì, 01 dicembre
· Il sogno delle 72 vergini

Articoli Vecchi

Area Riservata

MORGAN RICHARD K. - BAY CITY

Richard K. Morgan, BAY CITY (Altered Carbon, 2002) Editrice Nord, Milano, 2004 (pagine 514, € 17,59, trad. Vittorio Curtoni)   Bay City è una metropoli tecnologica e decadente del XXV secolo, centro economico di una Terra che ha allargato i suoi confini nel sistema solare. La coscienza di ogni umano, alla nascita, viene digitalizzata ed immagazzinata in una “pila” corticale impiantata nel sistema neurologico dell’individuo, in modo da continuare a registrarne emozioni, sensazioni ed esperienze. Il corpo non è che un contenitore, un appendice non vincolante, una “custodia”, che può essere sostituita da un altro corpo umano, da una copia dello stesso corpo clonato o addirittura da una copia sintetica. Una “custodia” che può essere modificata, alterata, potenziata biologicamente e chimicamente, per assecondare esigenze  particolari. Carbonio alterato, sintetizza efficacemente il titolo originale del romanzo. Takeshi Kovacs è un ex-soldato appartenente al Corpo di Spedizione, un’organizzazione militare deputata a mantenere la pace nel sistema solare, che, anziché ritrovarsi imprigionato digitalmente per scontare una pena secolare, si ritrova a Bay City, a centottanta anni luce dalla sua colonia d’origine, “reimmagazzinato” in un nuovo corpo. Il corpo “potenziato” di un ex poliziotto, che a sua volta sta scontando una pena digitale in un carcere virtuale, necessario per compiere una missione rischiosa e a prima vista paradossale, al termine della quale avrà la libertà. Kovacs è assunto da Laurence Bancroft, uno dei personaggi più potenti del pianeta Terra, per scoprire la verità sulla sua “morte” (la morte del suo corpo, subito sostituito da un clone), catalogata dalla polizia come suicidio. Suicidio che non ha alcun senso per un Mat (un Matusalemme) come Bancroft, che grazie alle proprie ricchezze ha la disponibilità di più corpi clonati e di una copia di sicurezza della propria “pila”, tanto da aver potuto prolungare la propria vita per secoli, arrivando a ritenersi immortale. Kovacs si trova immerso immediatamente in una realtà difficile e tortuosa, in cui si intrecciano pericolosamente le vicende private di Bancroft e di altri Mat e losche coperture di giochi di potere oscuri quanto perversi. Kovacs si muove nei meandri della corruzione, tra case di piacere altolocate e squallidi bordelli di periferia, ostacolato da piccoli delinquenti e da malavitosi tanto organizzati quanto potenti, in una città caotica dove la violenza fisica e psicologica sono in contraddizione con la pacatezza innaturale degli incontri con Intelligenze Artificiali a servizio degli umani. Bay City , romanzo d’esordio del londinese Richard K. Morgan, fonde abilmente atmosfere noir e ritmi da spy-story, ispirandosi dichiaratamente ai romanzi hard-boiled di Chandler ed Ellroy, e le ambienta in uno scenario cyberpunk, di forte impatto “visivo” (non è un caso che i diritti del libro siano stati opzionati da una major hollywoodiana), che ricorda molto da vicino la Los Angeles di Blade Runner: “future noir” è la definizione scelta da Morgan per descrivere questo connubio. E’ allo stesso tempo un romanzo violento e duro, in cui la trama complessa ed intricata è sostenuta ed arricchita dalla profondità dei personaggi, che in tale contesto sorprendono per l’umanità delle loro emozioni e delle loro passioni, e dalle riflessioni inquietanti ed intense sul senso di una vita in cui la sconfitta delle malattie e della morte è all’origine di turbamenti psicologici e squilibri sociali di difficile comprensione. Come reagire nel trovarsi dentro ad un corpo sconosciuto al risveglio da un reimmagazinamento? (Esemplificativa l’alienazione del protagonista che si guarda allo specchio: “Per i primi momenti vedi solo un estraneo che ti guarda da dietro la finestra”). E come reagire di fronte ad un Mat che arriva a far assassinare un’altra persona per poter reimmagazzinarsi nel suo bel corpo? In queste componenti il romanzo si rivela debitore dell’influsso dickiano, e non è un caso se è risultato vincitore del Premio Philip Dick 2003. Bay City è un romanzo di debutto davvero brillante, per il sostenuto ritmo narrativo, il forte impatto visivo ed emotivo, e per l’efficace dipinto di un futuro verosimile ed inquietante, ambientazione sicura di altri romanzi, il primo dei quali, Broken Angels, è stato pubblicato in Gran Bretagna nel 2003. Marco Mocchi

Aggiunto: September 14th 2004
Recensore: Marco Mocchi
Voto:
Hits: 831
Lingua: italian

  

[ Torna all'indice delle recensioni ]



Questo portale è realizzato con l'ausilio del CMS PhpNuke
Tutti i loghi e i marchi registrati appartengono ai rispettivi proprietari. I commenti sono di proprietà dei rispettivi autori.
Tutto il resto è ©2003-2006 di IntercoM Science Fiction Station. È Possibile usare il materiale di questo sito citandone la fonte.
Potete sindacare le news del portale di IntercoM usando il file backend.php