Home
Account
  Autori· Saggistica· Narrativa· Comics· Speciali· Cinema· Interviste· Musica CERCA   
     
Menu Principale

News precedenti

Venerdì, 05 febbraio
· Il Gondoliere
Venerdì, 15 gennaio
· Cinema d'animazione: tre esempi francesi
Mercoledì, 16 dicembre
· Fumetti Digitali
· VITA IN LETTERE (Novembre)
· VITA IN LETTERE - Ottobre 2009
Venerdì, 04 dicembre
· Il quinto principio di Vittorio Catani su Urania
Venerdì, 06 novembre
· Dalla fantascienza alla guerriglia mediatica
Martedì, 03 novembre
· De ''Gli Inganni di Locke Lamora'' e di altre stronzate...
Venerdì, 30 ottobre
· La narrativa di Ted Chiang
· VITA IN LETTERE - Settembre 2009
Martedì, 27 ottobre
· CORRADO MASTANTUONO - Tra Tex e Paperino: il disegnatore dei due mondi
Domenica, 11 ottobre
· Fissione
Domenica, 04 ottobre
· Yupanqui
Giovedì, 24 settembre
· VITA IN LETTERE - Agosto 2009
Martedì, 22 settembre
· VITA IN LETTERE (Agosto)
Martedì, 15 settembre
· Le lezioni sempre ignorate della Storia
Lunedì, 14 settembre
· Isole
Giovedì, 03 settembre
· I 10 libri da riscoprire
· VITA IN LETTERE (Luglio)
· VITA IN LETTERE - Luglio 2009
Sabato, 11 luglio
· L'ermetismo nei lavori di Alexey Andreev
Giovedì, 09 luglio
· VITA IN LETTERE (Giugno)
Domenica, 05 luglio
· I ciccioni esplosivi
Mercoledì, 01 luglio
· VITA IN LETTERE - Giugno 2009
· Futurama
Domenica, 21 giugno
· Venature
Domenica, 31 maggio
· VITA IN LETTERE (maggio)
Sabato, 16 maggio
· Il bacio della Valchiria
Giovedì, 14 maggio
· VITA IN LETTERE - Maggio 2009
Giovedì, 07 maggio
·

City of steel, city of air

Martedì, 28 aprile
· VITA IN LETTERE (aprile)
Lunedì, 27 aprile
· Ritratto di gruppo con signora
Martedì, 21 aprile
· L'ultima possibilità
Lunedì, 20 aprile
· J. G. Ballard
Giovedì, 16 aprile
· La voce nella notte
Giovedì, 02 aprile
· I primi dopo gli antichi persiani
Mercoledì, 01 aprile
· VITA IN LETTERE - Marzo 2009
Martedì, 31 marzo
· ''Il giudice di tutta la terra (The judge of all the earth)
Domenica, 29 marzo
· ''Amici assenti (Absent friends)''
Sabato, 28 marzo
· Considera le sue vie (Consider her ways - 1956) di John Wyndham (1903-1969)
Venerdì, 20 marzo
· ''A mezzanotte, tutti gli agenti…
(At Midnight, All the Agents...)''
Mercoledì, 11 marzo
· Vito Benicio Zingales e il Truccatore dei morti: intervista all’autore
· Vito Benicio Zingales: il Capolavoro noir è “Il truccatore dei morti”
Martedì, 10 marzo
· Timestealer
· Specchi irriflessi (The Tain - 2002) di China Miéville
Lunedì, 02 marzo
· La Rocca dei Celti
Domenica, 01 marzo
· Violazione di Codice
· QUANDO C'ERA IL MARE…
Domenica, 22 febbraio
· Rumspringa
Lunedì, 01 dicembre
· Il sogno delle 72 vergini

Articoli Vecchi

Area Riservata

A.A.V.V. - Sangue Sintetico: la fine del Cyberpunk in Italia

a cura di Roberto Sturm, Pequod, Ancona
Nel novembre '97, appariva sulle pagine della rivista Pulp, l'articolo Fantascienza italiana: la terra dei cactus, dove Domenico Gallo ripercorreva brevemente l'evoluzione del genere "fantascienza" nel nostro paese, sottolineando le avvisaglie di crescente interesse per la fantascienza targata Italia da parte dell'editoria nostrana. A un anno e mezzo di distanza possiamo stendere un bilancio della situazione: il risveglio c'è stato, le avvisaglie c'erano e sono state rispettate. Mondadori ha ristampato in un volume unico i romanzi di Eymerich di Valerio Evangelisti; Urania ha pubblicato quattro romanzi (Picatrix, la scala per l'inferno e Cherudek di Valerio Evangelisti, il Premio Urania Ai margini del caos di Franco Ricciardiello e I predatori del Gondwana di Stefano di Marino) e una raccolta di racconti (Strani giorni a cura di Franco Forte); Castelvecchi ha dato alle stampe un agile volume di critica Storia del romanzo di fantascienza di Fabio Giovannini e Marco Minicangeli (un testo di questo tipo mancava da anni); le riviste-libro della Perseo Libri hanno ripreso vigore ed escono a scadenze regolari; Garden Editoriale è ritornata nelle edicole con Nuovo Millennio; rivista che ha pubblicato nel primo numero 19 racconti italiani tratti da Delos; è uscito il primo numero della rivista di critica e narrativa di fantascienza Carmilla; la ShaKe ha pubblicato, nella sua collana di prestigio, Retrofuturo, una antologia di Vittorio Curtoni. In questo panorama di risveglio editoriale, si inserisce Sangue Sintetico, antologia del cyberpunk italiano, curata da Roberto Sturm e pubblicata dalla piccola e promettente peQuod di Ancona. Parte del merito di questo rinato interesse per la SF è da attribuire al cyberpunk e al suo devastante impatto sull'immaginario collettivo: il cyberpunk con la sua capacità di convertire in icone e metafore la straordinaria evoluzione tecnologica post-industriale, il bombardamento di informazione di fine millennio e i loro riflessi sulla società ha influenzato radicalmente le filosofie di pensiero in ambiti diversi, non solo legati alla fantascienza. Questa antologia, implicitamente, segna anche in Italia il definitivo tramonto di questa corrente di pensiero intesa come genere letterario e lo fa con racconti di rara forza ed efficacia. L'antologia si apre con un'interessante introduzione di Roberto Sturm, che sottolinea come il cyberpunk si sia rivelato letteratura di indagine e di analisi del presente, e comprende undici racconti di altrettanti autori (in ordine alfabetico): Vittorio Catani, Giuseppe De Rosa, Emiliano Farinella, Franco Forte, Domenico Gallo, Francesco Grasso, Alberto Henriet, Franco Ricciardiello, Danilo Santoni, Francesco Scalone, Roberto Sturm. I nomi degli autori non sono nuovi agli appassionati di fantascienza italiani, praticamente tutti hanno qualche appartenenza al fandom (in questa antologia c'è molto IntercoM: Farinella, Gallo, Ricciardiello, Santoni, Sturm e anche Antonio Folli - autore della visionaria illustrazione di copertina - sono redattori di IntercoM; quasi tutti gli altri autori hanno collaborato con IntercoM): l'antologia si rivela infatti una dimostrazione della capacità degli autori di fantascienza italiani, espressa ordinariamente nelle fanzine o in altre iniziative amatoriali, e che straordinariamente sbocca nel professionismo, dimostrando di non avere nulla da invidiare ai colleghi stranieri. Il volume si chiude con due riflessioni: Mirko Tavosanis e Fabio Gadducci danno risalto all'apice espressivo del cyberpunk, il cui regresso ha lasciato inevitabilmente un vuoto interpretativo, mentre Piergiorgio Nicolazzini individua nell'avant-pop una via per il post-cyberpunk. Gli argomenti affrontati in questi due articoli mettono ulteriormente in risalto l'importanza di questo libro nel fare il punto della situazione, segnando la fine italiana del cyberpunk come genere e impostando allo stesso tempo nuove vie per un'analisi del presente attraverso le strutture tipiche della fantascienza.

Aggiunto: September 21st 2004
Recensore: Marco Mocchi
Voto:
Hits: 932
Lingua: italian

  

[ Torna all'indice delle recensioni ]



Questo portale è realizzato con l'ausilio del CMS PhpNuke
Tutti i loghi e i marchi registrati appartengono ai rispettivi proprietari. I commenti sono di proprietà dei rispettivi autori.
Tutto il resto è ©2003-2006 di IntercoM Science Fiction Station. È Possibile usare il materiale di questo sito citandone la fonte.
Potete sindacare le news del portale di IntercoM usando il file backend.php