Home
Account
  Autori· Saggistica· Narrativa· Comics· Speciali· Cinema· Interviste· Musica CERCA   
     
Menu Principale

News precedenti

Venerdì, 05 febbraio
· Il Gondoliere
Venerdì, 15 gennaio
· Cinema d'animazione: tre esempi francesi
Mercoledì, 16 dicembre
· Fumetti Digitali
· VITA IN LETTERE (Novembre)
· VITA IN LETTERE - Ottobre 2009
Venerdì, 04 dicembre
· Il quinto principio di Vittorio Catani su Urania
Venerdì, 06 novembre
· Dalla fantascienza alla guerriglia mediatica
Martedì, 03 novembre
· De ''Gli Inganni di Locke Lamora'' e di altre stronzate...
Venerdì, 30 ottobre
· La narrativa di Ted Chiang
· VITA IN LETTERE - Settembre 2009
Martedì, 27 ottobre
· CORRADO MASTANTUONO - Tra Tex e Paperino: il disegnatore dei due mondi
Domenica, 11 ottobre
· Fissione
Domenica, 04 ottobre
· Yupanqui
Giovedì, 24 settembre
· VITA IN LETTERE - Agosto 2009
Martedì, 22 settembre
· VITA IN LETTERE (Agosto)
Martedì, 15 settembre
· Le lezioni sempre ignorate della Storia
Lunedì, 14 settembre
· Isole
Giovedì, 03 settembre
· I 10 libri da riscoprire
· VITA IN LETTERE (Luglio)
· VITA IN LETTERE - Luglio 2009
Sabato, 11 luglio
· L'ermetismo nei lavori di Alexey Andreev
Giovedì, 09 luglio
· VITA IN LETTERE (Giugno)
Domenica, 05 luglio
· I ciccioni esplosivi
Mercoledì, 01 luglio
· VITA IN LETTERE - Giugno 2009
· Futurama
Domenica, 21 giugno
· Venature
Domenica, 31 maggio
· VITA IN LETTERE (maggio)
Sabato, 16 maggio
· Il bacio della Valchiria
Giovedì, 14 maggio
· VITA IN LETTERE - Maggio 2009
Giovedì, 07 maggio
·

City of steel, city of air

Martedì, 28 aprile
· VITA IN LETTERE (aprile)
Lunedì, 27 aprile
· Ritratto di gruppo con signora
Martedì, 21 aprile
· L'ultima possibilità
Lunedì, 20 aprile
· J. G. Ballard
Giovedì, 16 aprile
· La voce nella notte
Giovedì, 02 aprile
· I primi dopo gli antichi persiani
Mercoledì, 01 aprile
· VITA IN LETTERE - Marzo 2009
Martedì, 31 marzo
· ''Il giudice di tutta la terra (The judge of all the earth)
Domenica, 29 marzo
· ''Amici assenti (Absent friends)''
Sabato, 28 marzo
· Considera le sue vie (Consider her ways - 1956) di John Wyndham (1903-1969)
Venerdì, 20 marzo
· ''A mezzanotte, tutti gli agenti…
(At Midnight, All the Agents...)''
Mercoledì, 11 marzo
· Vito Benicio Zingales e il Truccatore dei morti: intervista all’autore
· Vito Benicio Zingales: il Capolavoro noir è “Il truccatore dei morti”
Martedì, 10 marzo
· Timestealer
· Specchi irriflessi (The Tain - 2002) di China Miéville
Lunedì, 02 marzo
· La Rocca dei Celti
Domenica, 01 marzo
· Violazione di Codice
· QUANDO C'ERA IL MARE…
Domenica, 22 febbraio
· Rumspringa
Lunedì, 01 dicembre
· Il sogno delle 72 vergini

Articoli Vecchi

Area Riservata

Vinge Vernor - UNIVERSO INCOSTANTE

Ed. Nord, Novembre 1993
"Universo incostante" è il romanzo vincitore del Premio Hugo 1993 a parimerito con "L'Anno del contagio" di Connie Willis. Il titolo italiano (diverso dall'originale - "A Fire upon the Deep" che letteralmente sarebbe "Un fuoco sul profondo" - come vuole l'abitudine a mio parere scorretta di cambiare titolo alle opere straniere) richiama solo uno dei concetti cardinali del romanzo. L'intera storia si sviluppa in 545 lunghe pagine su tre piani narrativi differenti: la (doppia) vicenda sul pianeta Artiglio, lo scambio di messaggi nella Rete, l'universo intero. In ogni situazione vengono sviluppate delle idee nuove e fondamentalmente eccezionali: sul pianeta Artiglio vive una razza di esseri simili a cani, che vivono in "aggruppi" di 2 o più elementi: ognuno di questi avrebbe un'intelligenza limitata, ma uniti da una specie di telepatia danno vita ad entità con un'intelligenza per certi versi superiori a quella umana. L'idea, di per sè non nuovissima, viene sviluppata, descritta e spiegata in maniera chiara e profonda, cercandone anche risvolti scientifici e morali (cosa accadrebbe mischiando membri di diversi aggruppi? Si potrebbero creare individui super-intelligenti o individui super-automatizzati quanto super-stupidi?) con ragionamenti che a volte riprendono in maniera critica le idee sulla razza perfetta già sentite nella prima metà del nostro secolo. Dalla vicenda riguardante la rete informatica, (volutamente) la meno sviluppata, si intuisce l'esistenza di un universo con un numero elevatissimo di razze, molto diverse, con linguaggi diversi, che hanno in comune la Rete stessa. Nella Rete possono prendere vita delle "Potenze" o delle "Perversioni", evoluzioni e¬streme di razze che hanno capito che l'esistenza informatica più redditizia e prestante di quella organica. Nel terzo piano narrativo, infine, viene descritta l'idea che è potenzialmente la più innovativa e la più forte del romanzo: l'universo non è dominato in tutta la sua estensione dalle stesse leggi, non è costante (da qui il titolo italiano). Esistono infatti la "zona lenta" in cui la massima velocità raggiungibile è quella della luce (qui si sono sviluppate alcune razze, tra cui quella umana, che, venute a conoscenza delle altre zone, vi si sono trasferite), la zona dell'"Esterno" in cui con l'ultraluce si può comunicare e muoversi ad anni luce di distanza in poco tempo. Le diverse zone sono poi delimitate da confini che hanno fluttuazioni imprevedibili. Queste idee vengono sviluppate più o meno sapientemente in tutto il romanzo; una delle cose meglio riuscite è forse lo studio delle psicologie aliene (degli Artigli e degli Skrode) che è ben messo in risalto. Le vicende riguardanti le Potenze, le Perversioni e le diverse zone dell'Universo sono invece trattate in maniera meno approfondita. Forse volutamante, le descrizioni a riguardo sono poche e poco chiare, non è facile destreggiarsi in una terminologia nuova senza avere neppure un'idea guida. Il concetto dell'universo incostante, pur avendo un ruolo fondamentale nella storia, ha uno sviluppo marginale e questo toglie un po' di gusto al romanzo. "Universo Incostante" sfrutta solo in parte un potenziale davvero elevatissimo, forse anche a causa delle 545 pagine, in cui talvolta la narrazione si rivela lenta e pesante, ma al di là dei suoi difetti, soprattutto per la trama originale e nuova e per le idee innovative e ulteriormente sviluppabili, è un romanzo al di sopra della media, destinato forse a diventare un "classico" degli anni novanta.

Aggiunto: September 21st 2004
Recensore: Marco Mocchi
Voto:
Hits: 1537
Lingua: italian

  

[ Torna all'indice delle recensioni ]



Questo portale è realizzato con l'ausilio del CMS PhpNuke
Tutti i loghi e i marchi registrati appartengono ai rispettivi proprietari. I commenti sono di proprietà dei rispettivi autori.
Tutto il resto è ©2003-2006 di IntercoM Science Fiction Station. È Possibile usare il materiale di questo sito citandone la fonte.
Potete sindacare le news del portale di IntercoM usando il file backend.php