Home
Account
  Autori· Saggistica· Narrativa· Comics· Speciali· Cinema· Interviste· Musica CERCA   
     
Menu Principale

News precedenti

Venerdì, 05 febbraio
· Il Gondoliere
Venerdì, 15 gennaio
· Cinema d'animazione: tre esempi francesi
Mercoledì, 16 dicembre
· Fumetti Digitali
· VITA IN LETTERE (Novembre)
· VITA IN LETTERE - Ottobre 2009
Venerdì, 04 dicembre
· Il quinto principio di Vittorio Catani su Urania
Venerdì, 06 novembre
· Dalla fantascienza alla guerriglia mediatica
Martedì, 03 novembre
· De ''Gli Inganni di Locke Lamora'' e di altre stronzate...
Venerdì, 30 ottobre
· La narrativa di Ted Chiang
· VITA IN LETTERE - Settembre 2009
Martedì, 27 ottobre
· CORRADO MASTANTUONO - Tra Tex e Paperino: il disegnatore dei due mondi
Domenica, 11 ottobre
· Fissione
Domenica, 04 ottobre
· Yupanqui
Giovedì, 24 settembre
· VITA IN LETTERE - Agosto 2009
Martedì, 22 settembre
· VITA IN LETTERE (Agosto)
Martedì, 15 settembre
· Le lezioni sempre ignorate della Storia
Lunedì, 14 settembre
· Isole
Giovedì, 03 settembre
· I 10 libri da riscoprire
· VITA IN LETTERE (Luglio)
· VITA IN LETTERE - Luglio 2009
Sabato, 11 luglio
· L'ermetismo nei lavori di Alexey Andreev
Giovedì, 09 luglio
· VITA IN LETTERE (Giugno)
Domenica, 05 luglio
· I ciccioni esplosivi
Mercoledì, 01 luglio
· VITA IN LETTERE - Giugno 2009
· Futurama
Domenica, 21 giugno
· Venature
Domenica, 31 maggio
· VITA IN LETTERE (maggio)
Sabato, 16 maggio
· Il bacio della Valchiria
Giovedì, 14 maggio
· VITA IN LETTERE - Maggio 2009
Giovedì, 07 maggio
·

City of steel, city of air

Martedì, 28 aprile
· VITA IN LETTERE (aprile)
Lunedì, 27 aprile
· Ritratto di gruppo con signora
Martedì, 21 aprile
· L'ultima possibilità
Lunedì, 20 aprile
· J. G. Ballard
Giovedì, 16 aprile
· La voce nella notte
Giovedì, 02 aprile
· I primi dopo gli antichi persiani
Mercoledì, 01 aprile
· VITA IN LETTERE - Marzo 2009
Martedì, 31 marzo
· ''Il giudice di tutta la terra (The judge of all the earth)
Domenica, 29 marzo
· ''Amici assenti (Absent friends)''
Sabato, 28 marzo
· Considera le sue vie (Consider her ways - 1956) di John Wyndham (1903-1969)
Venerdì, 20 marzo
· ''A mezzanotte, tutti gli agenti…
(At Midnight, All the Agents...)''
Mercoledì, 11 marzo
· Vito Benicio Zingales e il Truccatore dei morti: intervista all’autore
· Vito Benicio Zingales: il Capolavoro noir è “Il truccatore dei morti”
Martedì, 10 marzo
· Timestealer
· Specchi irriflessi (The Tain - 2002) di China Miéville
Lunedì, 02 marzo
· La Rocca dei Celti
Domenica, 01 marzo
· Violazione di Codice
· QUANDO C'ERA IL MARE…
Domenica, 22 febbraio
· Rumspringa
Lunedì, 01 dicembre
· Il sogno delle 72 vergini

Articoli Vecchi

Area Riservata

Le Guin Ursula K. - I venti di Earthsea

“I venti di Earthsea”, di Ursula K. Le Guin
“Fantasy urania” n. 4, ed. Mondadori, 2004
Edizione originale: (Harcourt, 2001): 25.00 $, 246 pagg., poi (Ace, 2003): 13.95 $, 273 pagg., (Orion/Dolphin, 2003): 5.99 £, 246 pagg.; Premio World Fantasy e Locus
traduzione di Piero Anselmi
© 2001, by Inter-Vivos Trust for Le Guin Children
234 pagg., 4,10 €


Ultimo e, penso, conclusivo capitolo della saga di Earthsea*, vede il compimento finale di ciò che i vari protagonisti avevano solo in parte fatto nei precedenti, che era, come forse saprete, il tentativo di ripristinare l’Equilibrio in quel mondo dalle poche terre emerse: “Dobbiamo unirci per scoprire in cosa consista questo cambiamento, le sue cause, il suo corso, e in che modo possiamo sperare di volgerlo dal conflitto e dalla rovina, all’armonia e alla pace…” (pag. 206).
Infatti, qui si narra di come l’aldilà creato dagli arcimaghi nei tempi antichi, e divenuto invece poi, un’inferno: “Gli antichi capirono che… i draghi potevano volare… fuori dal tempo… E invidiando tale libertà… rivendicarono il possesso d(el loro) regno. Un regno eterno, fuori del tempo, dove il sé potesse esistere per sempre. Ma non in modo corporeo come i draghi. Solo con lo spirito gli uomini potevano abitare quel luogo. E così costruirono un muro invalicabile per gli esseri viventi… stesero una grande rete di incantesimi su tutte le terre occidentali, affinchè le gente delle isole, dopo la morte, raggiungesse l’Ovest oltre l’Ovest e vivesse là per sempre, come spirito. Ma quando il muro fu eretto e l’incantesimo venne completato, il vento cessò di soffiare, all’interno del muro. Il mare si ritirò. Le sorgenti cessarono di zampillare. Le montagne dell’alba diventarono le montagne della notte. I morti giunsero in una terra tenebrosa, una terra arida.” (pag. 212), venga distrutto, e di come ciò riporti, appunto, l’equilibrio ad Earthsea, cancellando quell’ombra fosca che faceva sentire il suo alito fin dal primo romanzo; “C’è uno sconvolgimento dei confini profondi tra la morte e la vita…” (pag. 206).
E lo fa narrando di un piccolo mago di provincia che, morta la giovane moglie, è perseguitato, nei sogni, dalla visione di quel luogo desolato che avrebbe dovuto essere un paradiso.
Vi sono principesse barbare che imparano la civiltà, draghi che, per parlare con gli uomini, assumono il loro aspetto umano, lunghi viaggi per mare, magie, e molto altro.
Ma l’importanza del sogno, nella poetica dell’autrice, è, ancora una volta, in grande rilevanza, con quel mondo importante, dai messaggi utili al mondo della veglia: “Tutti i maestri e i maghi di Roke concordano sul fatto che i sogni degli uomini, e non soltanto quei sogni, siano preavviso di cambiamenti terribili.” (pag. 206).
Così come il valore delle parole, la loro valenza magica, di capacità di dire, e, quindi, la necessarietà di saperle usare correttamente; vista, anche, la loro potenziale pericolosità: “La parola vera fa si che la verità si attui… il potere della Lingua della creazione.” (pag. 173); cosa che ha una sorta di estensione nel concetto del Nome Vero, che troviamo in questo ciclo: “…il… vero nome… è la verità dell’anima, la sua vera essenza.” (pag. 211).
E c’è, come spesso, nella Le Guin, il tocco delicato, che si esprime, per dire, in un gattino che riesce a tenere lontani i sogni di morte del mago di provincia, col suo solo esistere, col suo essere; ed è nel dire di questo che si dice: “…gli animali non agiscono né bene né male. Fanno ciò che devono fare.
Noi possiamo definire quello che fanno dannoso o utile, ma bene e male appartengono a noi, che compiamo una scelta, decidiamo cosa fare…. Noi dobbiamo compiere delle scelte, in continuazione. Agli animali basta esistere e fare. Noi siamo aggiogati, e loro sono liberi. Quindi, essere un animale significa conoscere un po’ di libertà.” (pag. 56).
In cui stà il nocciolo della questione, ciò che vi si dice; i draghi sono “…liberi sia dal bene che dal male. (poiché) Molto tempo fa, compimmo (i draghi) una scelta. Scegliemmo la libertà. Gli uomini scelsero il giogo.” (pag. 142); quindi, un’umanità che non scelga di distaccarsi, e rinnegare del tutto, la sua origine animale, naturale, potrebbe essere un’umanità più felice, più libera, e che potrebbe pensare al suo rapporto col mondo in cui vive in termini più armonici.


*“Il mago di Earthsea” (A Wizard of Earthsea, ’68), “Fantacollana” n. 27, “La saga di Earthsea”, “Narrativa” n. 2, ed. Nord, ’79, ‘89, nella traduzione di Roberta Rambelli, “Superjunior” n. 12, “I miti junior” n. 15, “Junior fantasy” n. 13, ed. Mondadori, ‘89, ‘96, ’98, col titolo di “Il mago”, “I grandi del fantastico”, 2002, nella traduzione di Ilva Tron; finalista (3°), premio Locus Best ‘87, miglior romanzo fantasy
“Le tombe di Atuan” (The Tombs of Atuan, ’71), “Fantacollana” n. 32, “La saga di Earthsea”, “Narrativa” n. 2, ed. Nord, ’80, ‘89, nella traduzione di Roberta Rambelli, “I grandi del fantastico”, ed. Mondadori, 2003, nella traduzione di Maria Bastanzetti Invernizzi; ampliamento del racconto omonimo, "Worlds of Tomorrow", inverno '70
“La spiaggia più lontana” (The Farthest Shore, ’72), “Fantacollana” n. 37, “La saga di Earthsea”, “Narrativa” n. 2, ed. Nord, ’81, ‘89, nella traduzione di Roberta Rambelli
“L'isola del drago” (Tehanu: The Last Book of Earthsea, ’90), “La gaia scienza” n. 366, ed. Longanesi, ’92, “Teadue” n. 330, ed. Associati, ’95, nella traduzione di Riccardo Valla
Ai quali si è ora aggiunta l’antologia “Leggende di Earthsea” (vedi file correlato).


La bibliografia della saga può essere completara dal saggio in volume dell’autrice “Earthsea Revisioned” (CLNE/Green Bay, ’93): 10.00 $, 26 pagg.): testo di un discorso, tenuto nell’’92 alla conferenza “Worlds Apart” sulla letteratura per bambini, sul perché scrisse almeno i primi quattro volumi della seria, con illustrazioni di Ruth Robbins dall’edizione originale di “A Wizard of Earthsea”; ordinabile a: Children’s Literature New England, Norwood Long, 334 Woodland Road, Madison NJ; 12.00 $


Ricordiamo anche che ne fanno parte anche i racconti “La parola dello scioglimento” (The Word of Unbinding) e “La legge dei nomi” (The Rule of Names), originariamente in “Fantastic”, gennaio e aprile ’64, in “I dodici punti cardinali” (The Wind Twelve Quarters, ‘75), “Sf narrativa d'anticipazione” n. 18, “Narrativa” n. 183, ed. Nord, ’79, 2003; “The Rule of Names” è stato recentemente rieditato anche in “Magicians’ Circle: More Spellbinding Stories of Wizards & Wizardry”, a cura di Peter Haining (Londra, Souvenir Press, 2003): 9.99 £, 268 pagg.

Aggiunto: December 25th 2004
Recensore: Marcello Bonati
Voto:
Hits: 1392
Lingua: italian

  

[ Torna all'indice delle recensioni ]



Questo portale è realizzato con l'ausilio del CMS PhpNuke
Tutti i loghi e i marchi registrati appartengono ai rispettivi proprietari. I commenti sono di proprietà dei rispettivi autori.
Tutto il resto è ©2003-2006 di IntercoM Science Fiction Station. È Possibile usare il materiale di questo sito citandone la fonte.
Potete sindacare le news del portale di IntercoM usando il file backend.php