Home
Account
  Autori· Saggistica· Narrativa· Comics· Speciali· Cinema· Interviste· Musica CERCA   
     
Menu Principale

News precedenti

Venerdì, 05 febbraio
· Il Gondoliere
Venerdì, 15 gennaio
· Cinema d'animazione: tre esempi francesi
Mercoledì, 16 dicembre
· Fumetti Digitali
· VITA IN LETTERE (Novembre)
· VITA IN LETTERE - Ottobre 2009
Venerdì, 04 dicembre
· Il quinto principio di Vittorio Catani su Urania
Venerdì, 06 novembre
· Dalla fantascienza alla guerriglia mediatica
Martedì, 03 novembre
· De ''Gli Inganni di Locke Lamora'' e di altre stronzate...
Venerdì, 30 ottobre
· La narrativa di Ted Chiang
· VITA IN LETTERE - Settembre 2009
Martedì, 27 ottobre
· CORRADO MASTANTUONO - Tra Tex e Paperino: il disegnatore dei due mondi
Domenica, 11 ottobre
· Fissione
Domenica, 04 ottobre
· Yupanqui
Giovedì, 24 settembre
· VITA IN LETTERE - Agosto 2009
Martedì, 22 settembre
· VITA IN LETTERE (Agosto)
Martedì, 15 settembre
· Le lezioni sempre ignorate della Storia
Lunedì, 14 settembre
· Isole
Giovedì, 03 settembre
· I 10 libri da riscoprire
· VITA IN LETTERE (Luglio)
· VITA IN LETTERE - Luglio 2009
Sabato, 11 luglio
· L'ermetismo nei lavori di Alexey Andreev
Giovedì, 09 luglio
· VITA IN LETTERE (Giugno)
Domenica, 05 luglio
· I ciccioni esplosivi
Mercoledì, 01 luglio
· VITA IN LETTERE - Giugno 2009
· Futurama
Domenica, 21 giugno
· Venature
Domenica, 31 maggio
· VITA IN LETTERE (maggio)
Sabato, 16 maggio
· Il bacio della Valchiria
Giovedì, 14 maggio
· VITA IN LETTERE - Maggio 2009
Giovedì, 07 maggio
·

City of steel, city of air

Martedì, 28 aprile
· VITA IN LETTERE (aprile)
Lunedì, 27 aprile
· Ritratto di gruppo con signora
Martedì, 21 aprile
· L'ultima possibilità
Lunedì, 20 aprile
· J. G. Ballard
Giovedì, 16 aprile
· La voce nella notte
Giovedì, 02 aprile
· I primi dopo gli antichi persiani
Mercoledì, 01 aprile
· VITA IN LETTERE - Marzo 2009
Martedì, 31 marzo
· ''Il giudice di tutta la terra (The judge of all the earth)
Domenica, 29 marzo
· ''Amici assenti (Absent friends)''
Sabato, 28 marzo
· Considera le sue vie (Consider her ways - 1956) di John Wyndham (1903-1969)
Venerdì, 20 marzo
· ''A mezzanotte, tutti gli agenti…
(At Midnight, All the Agents...)''
Mercoledì, 11 marzo
· Vito Benicio Zingales e il Truccatore dei morti: intervista all’autore
· Vito Benicio Zingales: il Capolavoro noir è “Il truccatore dei morti”
Martedì, 10 marzo
· Timestealer
· Specchi irriflessi (The Tain - 2002) di China Miéville
Lunedì, 02 marzo
· La Rocca dei Celti
Domenica, 01 marzo
· Violazione di Codice
· QUANDO C'ERA IL MARE…
Domenica, 22 febbraio
· Rumspringa
Lunedì, 01 dicembre
· Il sogno delle 72 vergini

Articoli Vecchi

Area Riservata

AVOLEDO TULLIO - LO STATO DELL’UNIONE

Impossibile non riconoscere a Tullio Avoledo una fantasia ai confini della realtà, una realistica fantasia che ottimamente si sposa con gli accadimenti del nostro tempo storico. Tullio Avoledo con “L’elenco telefonico di Atlantide” si è subito imposto all’attenzione di molti critici e lettori, ottenendo, meritamente, un forte consenso. E’ stata poi la volta de “Il mare di Bering”: e nuovamente, Avoledo ha fatto centro, confermando appieno il meritato consenso che ottenne con il suo primo romanzo.
Oggi, Tullio Avoledo torna con un nuovo lavoro, “Lo stato dell’unione”. Impossibile dare un’etichetta alla scrittura superlativa di Avoledo: i suoi romanzi sfuggono, non sono ‘etichettabili’ perché sempre profondamente originali. E’ fiction? narrativa, letteratura o super-fiction? Avoledo scrive a trecentosessanta gradi: nelle trame dei suoi romanzi confluisce tutto un “universo culturale”. L’autore spazia dalla citazione poetica presa a prestito da Emily Dickinson per arrivare fino a Michel Houellebecq, disegnando perfettamente la “mappa” e la “cognizione del dolore”. Ma Tullio Avoledo mette anche in evidenza tutto il marcio che fu di “Tricky Dick” Nixon attraverso un costrutto narrativo vertiginoso un po’ à la P.K. Dick, un po’ à la Chuck Palahniuk, con una sana dose di ironia lisergica à la Jonathan Lethem.
Ci troviamo in un’Italia costruita su “universi che cadono a pezzi” e la vita di Alberto Mendini, protagonista principale de “Lo stato dell’Unione”, è letteralmente a pezzi, e non solo metaforicamente. Alberto Mendini è già sulla cinquantina, un pubblicitario che ha non pochi casini alle spalle e la cui carriera sembra essere destinata a sfracellarsi nel nulla così come la sua vita coniugale. Invecchiato e ingrassato, ormai avviato ad un’inesorabile calvizie, a stento riesce a trascinarsi avanti nel fiume dell’esistenza: la moglie, ancora giovane, giorno dopo giorno, gli rammenta che è ormai un uomo prossimo al collasso. Non meno problematico è il rapporto con i figli: Alberto non riesce ad instaurare con loro un dialogo sincero, nonostante s’impegni parecchio per riuscire a tenersi stretto l’amore dei due bambini. Ma un giorno, quando sembra davvero che il suo destino sia già stato tutto scritto, alla sua porta bussa l’Assessore alla Cultura della Regione: riceve una proposta, un lavoro, metter su una campagna pubblicitaria in favore dell’“Anno dell’Identità Celtica”. Mendini non sa - e non può - rifiutare: seppur non poco perplesso, alla fine si costringe a stringere la mano all’Assessore e ad accettare l’incarico. Entrare è stato facile, fin troppo, e una volta dentro, Alberto Mendini scopre che l’“Anno dell’Identità Celtica” è una truffa. In realtà, nel progetto s’annida il serpente del razzismo, un’organizzazione separatista il cui scopo precipuo è quello di ottenere la creazione d’un nuovo Stato, uno Stato “indipendente”, profondamente razzista, fondato sulla “presunzione d’un’inventata identità celtica”. Nonostante Alberto si opponga al progetto - in maniera piuttosto blanda -, subito ha inizio una serie di morti sospette: ad essere toccati sono quanti stanno lavorando intorno all’Identità Celtica. A poco a poco, Mendini viene a sapere che l’Assessore intrattiene stretti rapporti con il Governatore del Mittelmark, una sorta di redivivo Adolf Hitler. Fa la conoscenza di questo Hitler, anche se sarebbe più giusto dire che Mendini si “scontra”, vis à vis, con questo Hitler. A complicare ulteriormente la già intricata faccenda: Alberto Mendini è vittima d’una sbandata per una delle collaboratrici che insieme a lui lavora al progetto. La fresca ingenuità della collaboratrice lo colpisce dritto al cuore. Ma sarà vera l’ingenuità che questa collaboratrice mostra di sé? O piuttosto Mendini è caduto dentro la trappola d’una femme fatale? Mendini ha tanti dubbi e non gli riesce proprio di venirne a capo: indarno cerca di tirarsi fuori dal progetto di cui dovrebbe coordinare le strategie pubblicitarie affinché l’“Anno dell’Identità Celtica” vada in porto. Mendini può contare solamente su Neil, un vecchio amico americano che negli anni Settanta s’è trasferito in Italia. Mendini l’aveva conosciuto, quasi per caso, qualche anno addietro, in una notte che s’era perso girando in macchina, imboccando una strada sbagliata mentre cercava di recarsi con la moglie ad una festa: chiedendogli alcune informazioni, Neil e Mendini fanno amicizia, l’unica amicizia che Mendini manterrà viva fino alla fine. Ma anche Neil ha un segreto: grazie ad un marchingegno riesce a parlare coi morti e a sapere così il futuro. Ma Neil è anche un ex astronauta che sa dello sbarco sulla Luna, quello del 21 luglio 1969. E’ tutta una Nebbia profonda, impossibile da allontanare, per Alberto Mendini: non può contare su nessuno tranne che su sé stesso e sul quel poco che può - che vuole - scucire a Neil, perché Alberto si rifiuta recisamente di venire a conoscenza del suo destino in anticipo, tramite la bocca dei morti, tramite l’intercessione di Neil. Ma ne “Lo stato dell’unione” c’è molto altro ancora, e io non ve lo posso proprio dire. Dovrete scoprirlo da soli quale sarà il futuro di Alberto Mendini, della sua famiglia, e sempre da soli dovrete scoprire quale futuro è stato diagnosticato per l’Italia.
Con “Lo stato dell’unione”, Tullio Avoledo consegna nelle nostre mani un romanzo completo e perfetto: l’autore ci racconta tutte quelle cose che non si potrebbero dire intorno al 2005, sempre con profonda maturità artistica, sociale e politica. Non siamo di fronte a della semplice e banale fantapolitica, siamo invece “dentro” un futuro che è già il nostro presente, quello che mirabilmente Tullio Avoledo ha fotografato con icastica realistica fantasia ne “gli universi che cadono a pezzi”, nella “mappa” e nella “cognizione del dolore”.


Lo stato dell’unione - Tullio Avoledo - Sironi Editore - Collana: Questo e altri mondi - Codice ISBN: 88-518-0045-6 - Pagine: 450 - € 17,50

Aggiunto: April 1st 2005
Recensore: Giuseppe Iannozzi
Voto:
Hits: 963
Lingua: italian

  

[ Torna all'indice delle recensioni ]



Questo portale è realizzato con l'ausilio del CMS PhpNuke
Tutti i loghi e i marchi registrati appartengono ai rispettivi proprietari. I commenti sono di proprietà dei rispettivi autori.
Tutto il resto è ©2003-2006 di IntercoM Science Fiction Station. È Possibile usare il materiale di questo sito citandone la fonte.
Potete sindacare le news del portale di IntercoM usando il file backend.php