Home
Account
  Autori· Saggistica· Narrativa· Comics· Speciali· Cinema· Interviste· Musica CERCA   
     
Menu Principale

News precedenti

Venerdì, 05 febbraio
· Il Gondoliere
Venerdì, 15 gennaio
· Cinema d'animazione: tre esempi francesi
Mercoledì, 16 dicembre
· Fumetti Digitali
· VITA IN LETTERE (Novembre)
· VITA IN LETTERE - Ottobre 2009
Venerdì, 04 dicembre
· Il quinto principio di Vittorio Catani su Urania
Venerdì, 06 novembre
· Dalla fantascienza alla guerriglia mediatica
Martedì, 03 novembre
· De ''Gli Inganni di Locke Lamora'' e di altre stronzate...
Venerdì, 30 ottobre
· La narrativa di Ted Chiang
· VITA IN LETTERE - Settembre 2009
Martedì, 27 ottobre
· CORRADO MASTANTUONO - Tra Tex e Paperino: il disegnatore dei due mondi
Domenica, 11 ottobre
· Fissione
Domenica, 04 ottobre
· Yupanqui
Giovedì, 24 settembre
· VITA IN LETTERE - Agosto 2009
Martedì, 22 settembre
· VITA IN LETTERE (Agosto)
Martedì, 15 settembre
· Le lezioni sempre ignorate della Storia
Lunedì, 14 settembre
· Isole
Giovedì, 03 settembre
· I 10 libri da riscoprire
· VITA IN LETTERE (Luglio)
· VITA IN LETTERE - Luglio 2009
Sabato, 11 luglio
· L'ermetismo nei lavori di Alexey Andreev
Giovedì, 09 luglio
· VITA IN LETTERE (Giugno)
Domenica, 05 luglio
· I ciccioni esplosivi
Mercoledì, 01 luglio
· VITA IN LETTERE - Giugno 2009
· Futurama
Domenica, 21 giugno
· Venature
Domenica, 31 maggio
· VITA IN LETTERE (maggio)
Sabato, 16 maggio
· Il bacio della Valchiria
Giovedì, 14 maggio
· VITA IN LETTERE - Maggio 2009
Giovedì, 07 maggio
·

City of steel, city of air

Martedì, 28 aprile
· VITA IN LETTERE (aprile)
Lunedì, 27 aprile
· Ritratto di gruppo con signora
Martedì, 21 aprile
· L'ultima possibilità
Lunedì, 20 aprile
· J. G. Ballard
Giovedì, 16 aprile
· La voce nella notte
Giovedì, 02 aprile
· I primi dopo gli antichi persiani
Mercoledì, 01 aprile
· VITA IN LETTERE - Marzo 2009
Martedì, 31 marzo
· ''Il giudice di tutta la terra (The judge of all the earth)
Domenica, 29 marzo
· ''Amici assenti (Absent friends)''
Sabato, 28 marzo
· Considera le sue vie (Consider her ways - 1956) di John Wyndham (1903-1969)
Venerdì, 20 marzo
· ''A mezzanotte, tutti gli agenti…
(At Midnight, All the Agents...)''
Mercoledì, 11 marzo
· Vito Benicio Zingales e il Truccatore dei morti: intervista all’autore
· Vito Benicio Zingales: il Capolavoro noir è “Il truccatore dei morti”
Martedì, 10 marzo
· Timestealer
· Specchi irriflessi (The Tain - 2002) di China Miéville
Lunedì, 02 marzo
· La Rocca dei Celti
Domenica, 01 marzo
· Violazione di Codice
· QUANDO C'ERA IL MARE…
Domenica, 22 febbraio
· Rumspringa
Lunedì, 01 dicembre
· Il sogno delle 72 vergini

Articoli Vecchi

Area Riservata

AVOLEDO TULLIO - L''ELENCO TELEFONICO DI ATLANTIDE

Il romanzo di esordio di Avoledo si presenta con le aspettative di un titolo misterioso e suggestivo; si snoda agevolmente per le prime duecento pagine in una vicenda mainstream, intreccio di personaggi comuni e di fatti di ordinaria quotidianità italiana; assume per le seguenti trecento toni fantastico-fantascientifici di complotto universale; fino a dichiararsi, a poche pagine dalla fine, un Urania pubblicato nel posto sbagliato e dall’editore sbagliato e far tornare i conti su tutto, titolo compreso.

Il protagonista, Giulio Rovedo, friulano, sposato con un figlio, impiegato nell’ufficio legale di una piccola banca di provincia, nel giro di poche settimane si trova immerso in un turbinio di eventi che arrivano a sconvolgergli la vita lavorativa e privata. La potente Bancalleanza, costola finanziaria della multinazionale Covenant Foundation, si appresta ad assorbire la piccola banca per cui lavora Rovedo, che si trova suo malgrado invischiato in intrighi tra colleghi, dinamiche di mobbing, sabotaggi informatici e, parallelamente, in una crisi famigliare e personale innescata da riflessi della situazione lavorativa.

In questo clima di incertezza Rovedo si muove sempre più innervosito ed incerto, i suoi punti di riferimento cadono uno ad uno vittima di strani personaggi incontrati per caso: uno pittoresco compagno di viaggio in treno che parla di strani ritorni di divinità egizie; un hacker un po’ esaurito che farnetica di universi paralleli dove il nazismo ha avuto la meglio; il nuovo capo del personale, donna con intraprendenza tale da fargli andare in crisi il matrimonio; un vicino di casa dalla vita sregolata, alcolizzato e perennemente malandato e guarito da una fonte d’acqua miracolosa nelle cantine del palazzo Nobile…

Le debolezze e le idiosincrasie di Rovedo, personaggio colorito, sgradevole, sarcastico e tutt’altro che politically correct, sono il trait d’union dei vari eventi: la vicenda subisce un’accelerazione improvvisa, le tante sotto-trame solo accennate prendono vita, sparano fuochi d’artificio in tutte le direzioni, ne nascono continui intrecci, riferimenti incrociati, traiettorie inaspettate; si intuiscono tasselli di un puzzle dalle trame universali a tratti irreale, surreale, incredibile; grondante di riferimenti mitologici, storici, culturali; carico di vicende umane, grottesche, intricate.

Il senso di vertigine che si trova ad affrontare il lettore, catturato da un caleidoscopico intrecciarsi di eventi, tra ricerche dell’Arca dell’Alleanza, ritorno di divinità egizie, microchip emozionali, miraggi del Sacro Graal, battaglie tra Bene e Male, assume forme oniriche, anche grazie ai continui accenni, ai ripetuti flash-back e déjà vu che, in modo sorprendente ed affascinante, la scrittura di Avoledo cerca e induce (anche con i numerosi “ammiccamenti” delle continue citazioni fantastiche, cinematografiche e fantascientifiche); con culmine nel gran finale, dove ripetuti colpi di scena ribaltano le prospettive e danno ai fatti narrati una chiave di lettura spiazzante.

Repentinamente tutti i tasselli vengono riordinati, le apparenti incongruenze incontrate nella lettura assumono un aspetto di instabile logicità, lasciando il lettore stordito e contemporaneamente soddisfatto, assuefatto dal godimento per il traboccante piacere nella lettura, per la facilità con cui si è sentito portar per mano in un scenario turbolento, vivace e variopinto, metafora della apparente ordinarietà e delle dinamiche nascoste che governano il nostro quotidiano.

Tullio Avoledo L’elenco telefonico di Atlantide
Sironi Editore, Milano, 2002
pagine 527
euro 17.00

Aggiunto: April 5th 2004
Recensore: Marco Mocchi
Voto:
Hits: 967
Lingua: italian

  

[ Torna all'indice delle recensioni ]



Questo portale è realizzato con l'ausilio del CMS PhpNuke
Tutti i loghi e i marchi registrati appartengono ai rispettivi proprietari. I commenti sono di proprietà dei rispettivi autori.
Tutto il resto è ©2003-2006 di IntercoM Science Fiction Station. È Possibile usare il materiale di questo sito citandone la fonte.
Potete sindacare le news del portale di IntercoM usando il file backend.php