Home
Account
  Autori· Saggistica· Narrativa· Comics· Speciali· Cinema· Interviste· Musica CERCA   
     
Menu Principale

News precedenti

Venerdì, 05 febbraio
· Il Gondoliere
Venerdì, 15 gennaio
· Cinema d'animazione: tre esempi francesi
Mercoledì, 16 dicembre
· Fumetti Digitali
· VITA IN LETTERE (Novembre)
· VITA IN LETTERE - Ottobre 2009
Venerdì, 04 dicembre
· Il quinto principio di Vittorio Catani su Urania
Venerdì, 06 novembre
· Dalla fantascienza alla guerriglia mediatica
Martedì, 03 novembre
· De ''Gli Inganni di Locke Lamora'' e di altre stronzate...
Venerdì, 30 ottobre
· La narrativa di Ted Chiang
· VITA IN LETTERE - Settembre 2009
Martedì, 27 ottobre
· CORRADO MASTANTUONO - Tra Tex e Paperino: il disegnatore dei due mondi
Domenica, 11 ottobre
· Fissione
Domenica, 04 ottobre
· Yupanqui
Giovedì, 24 settembre
· VITA IN LETTERE - Agosto 2009
Martedì, 22 settembre
· VITA IN LETTERE (Agosto)
Martedì, 15 settembre
· Le lezioni sempre ignorate della Storia
Lunedì, 14 settembre
· Isole
Giovedì, 03 settembre
· I 10 libri da riscoprire
· VITA IN LETTERE (Luglio)
· VITA IN LETTERE - Luglio 2009
Sabato, 11 luglio
· L'ermetismo nei lavori di Alexey Andreev
Giovedì, 09 luglio
· VITA IN LETTERE (Giugno)
Domenica, 05 luglio
· I ciccioni esplosivi
Mercoledì, 01 luglio
· VITA IN LETTERE - Giugno 2009
· Futurama
Domenica, 21 giugno
· Venature
Domenica, 31 maggio
· VITA IN LETTERE (maggio)
Sabato, 16 maggio
· Il bacio della Valchiria
Giovedì, 14 maggio
· VITA IN LETTERE - Maggio 2009
Giovedì, 07 maggio
·

City of steel, city of air

Martedì, 28 aprile
· VITA IN LETTERE (aprile)
Lunedì, 27 aprile
· Ritratto di gruppo con signora
Martedì, 21 aprile
· L'ultima possibilità
Lunedì, 20 aprile
· J. G. Ballard
Giovedì, 16 aprile
· La voce nella notte
Giovedì, 02 aprile
· I primi dopo gli antichi persiani
Mercoledì, 01 aprile
· VITA IN LETTERE - Marzo 2009
Martedì, 31 marzo
· ''Il giudice di tutta la terra (The judge of all the earth)
Domenica, 29 marzo
· ''Amici assenti (Absent friends)''
Sabato, 28 marzo
· Considera le sue vie (Consider her ways - 1956) di John Wyndham (1903-1969)
Venerdì, 20 marzo
· ''A mezzanotte, tutti gli agenti…
(At Midnight, All the Agents...)''
Mercoledì, 11 marzo
· Vito Benicio Zingales e il Truccatore dei morti: intervista all’autore
· Vito Benicio Zingales: il Capolavoro noir è “Il truccatore dei morti”
Martedì, 10 marzo
· Timestealer
· Specchi irriflessi (The Tain - 2002) di China Miéville
Lunedì, 02 marzo
· La Rocca dei Celti
Domenica, 01 marzo
· Violazione di Codice
· QUANDO C'ERA IL MARE…
Domenica, 22 febbraio
· Rumspringa
Lunedì, 01 dicembre
· Il sogno delle 72 vergini

Articoli Vecchi

Area Riservata
MIGLIERUOLO Mauro Antonio


Nato il 6 aprile '42 a Grotteria (Reggio Calabria), si è poi trasferito a Roma nel ’62, dove a poi sempre vissuto, tranne che per un breve periodo a Monfalcone (Gorizia). Dipendente dell’Imps, suoi interessi culturali sono la filosofia, la storia antica, la musica classica, la sociologia e la letteratura. Ha collaborato, in qualità di saggista, alle fanzine "Un'ambigua utopia", "Sf...ere", "Fondazione" e "Intercom", e a "Futuro Europa", ed. Perseo libri.

Romanzi: "Come ladro di notte", "Galassia" n. 159, "Bigalassia" n. 39, ed. La tribuna,'71, '78, "Pulp" n. 9, ed. Pulp, '84, "Urania collezione" n. 77, ed. Mondadori, 2009, "Odissea digital fantascienza" n. 11, ed. Delos digital, 2016, e "Bibliotheka di Avatär" n. 29, ed. Kipple officina libraria, 2018; ve ne è un estratto in "Delos" n. 61, 2000

"Golpe 2000", "Futuro Europa" n. 20, ed. Perseo libri, '97

"L'uccisore di robot", in "Futuro Europa" n. 46, ed. Perseo libri, 2007

"Storie alla melanina verde", "La botte piccola" n. 15, ed. della Vigna, 2012

Antologie: "Assurdo virtuale", "Narratori europei di science fiction" n. 32, ed. Perseo libri, 2006; comprende: "Assurdo virtuale", "Il muro", "Il giardino dei rovi"*, "Merda di cane"*, "Sopravvivenza"*, "Riforestazione"*, "Signora morte"*, "Metamorfosi"*, "Pazza"*, "Mogli"*, "Tema: Gesù attore, vita, morte e miracoli" e "La fine di Giuda"

"La bottega dell'inquietitudine", "La botte piccola" n. 4, ed. della Vigna, 2008; comprende: "Oniricon", "Nelle nebbie della realtà" e "Arrivano"

Racconti: "Mostro browniano", in appendice a "Avventure sui pianeti", "Urania" n. 314, ed. Mondadori, '63

"Risveglio di primavera", in appendice a "Il pianeta degli schiavi", di L.M. Janifer, Urania n. 328, ed. Mondadori, ’64 (potrebbe anche essere una poesia)

"Noi figli di Mercurio", in appendice a "Anni senza fine", di C.D. Simak, "Urania" n. 333bis, ed. Mondadori, ’64 (potrebbe anche essere una poesia)

"Skahn", in appendice a "Il ritorno dell'Explorer", di P. Anderson, "Urania" n. 345, ed. Mondadori, ’64 (potrebbe anche essere una poesia)

"Colpo di tacco", in appendice a "L'ultima fortezza della Terra", di A.E. van Vogt, "Galassia" n. 45, ed. La tribuna, '64

"Lamento di un robot immigrato", in appendice a "Lot", di W. Moore, "Urania" n. 375, ed. Mondadori, ‘65, poi in appendice a "I tre della stella nera", di M. Leinster, "Urania" n. 418, ed. Mondadori, ‘66 (potrebbe essere anche una poesia)

"La nera", in appendice a "Caverna nel tempo", di R. Gordon, "Urania" n. 383, ed. Mondadori, '65

"Lamento di robot", in appendice a "L'orlo della voragine", di J.T. Mc Intosh, "Urania" n. 387, ed. Mondadori, ’65 (potrebbe essere anche una poesia)

"Limiti", idem (potrebbe essere anche una poesia)

"Buca", idem (potrebbe essere anche una poesia)

"Accanimento", idem (potrebbe essere anche una poesia)

"Sintesi apocalittica con diluvio, giudizio finale e caduta di angeli ribelli", in appendice a "L'ultima speranza della Terra", di L. Wright, "Urania" n. 431, ed. Mondadori, ’66

"Le scale e il tempo", in appendice a "Ospedale da combattimento", di J. White, "Galassia" n. 66, ed. La tribuna, '66

"Trappola ottica", "Oltre il cielo" n. 143, ed. Esse, '66

"Realismo incompreso", "Oltre il cielo" n. 146, ed. Esse, '66

"Impressioni mentali", "Verso le stelle" n. 8, '67

"Il gallo riconosciuto", in appendice a "...di tutti i futuri del mondo", di Giorgio Scerbanenco e Isaac Asimov, "Galassia" n. 77, ed. La Tribuna, '67

"Fuga burocratica", in "Ad un passo dal pianeta domani", "Galassia" n. 80, ed. La tribuna, '67

"Psicocliente", "Oltre il cielo" n. 150, ed. Esse, '69

"Il centauro", "Oltre il cielo" n. 153, ed. Esse, '69

"Gli arpionatori", in "Destinazione uomo", a cura di Vittorio Curtoni, Gianfranco de Turris e Gianni Montanari, "Galassia" n. 113, "Bigalassia" n. 15, ed. La tribuna, '69, '72

"Ideale", in "Amore a quattro dimensioni", a cura di Vittorio Curtoni, Gianfranco de Turris e Gianni Montanari, "Galassia" n. 137, "Bigalassia" n. 15, ed. La tribuna, '71, '72

"Dittico burocratico", in "Sedici mappe del nostro futuro", a cura di Vittorio Curtoni, Gianfranco de Turris e Gianni Montanari, "Galassia" n. 165, "Bigalassia" n. 45, ed. La tribuna, '72, '79-tradotto in tedesco "Die Labyrinthe der Zukunft", a cura di Lino Aldani (Wilhelm Heyne, '84)

"L'automazione di Detroit", in "La danzatrice di Ganimede", "Nova Sf*" n. 33, ed. Libra, '75

"Circe", "Robot" n. 3, ed. Armenia, '76, "Robot" n. 41, ed. Solid books, 2003-tradotto in francese, da Angelina Berforini, come "Circé", in "Le livre d'or de la science-fiction: Science-fiction italienne" (Pocket, '81)-il racconto che scatenò un'incredibile polemica sulla mitica "Robot", ora riproposto nella ripresa della stessa dell'ed. Solid, è, ad un rilettura dopo tanti anni, qualcosa di totalmente diverso dallo stupore di allora di trovare qualcosa di così hard sulle pagine di una rivista di Sf; come ben dice il Catani nella presentazione: "...ora il mélange sesso & fantascienza non urta la sensibilità di nessuno..." ("Il canto di Circe", pag. 105); quello che resta è un bel racconto scritto in una prosa davvero inusuale e accattivante: "...connubio peculiare tra immagini barocche e un tono da "raccontatore", ma con tratti di documenti burocratico, o di forme espressive arcaicizzanti." (Idem, pagg. 104-5). (ed. Armenia: pag. 77-84; ed. Solid: pagg. 108-17)

"Oniricon", in "Fantascienza in Italia: 1976", "Nova Sf* speciale" n. 1, ed. Libra, '76

"L'agenzia riparatorti", in "Maturità", "Galassia" n. 223, ed. La tribuna, '76

"Concerto spirituale", "Cavalieri neri" n. 2, '77, poi "Robotica.it" n. 14, ed. Delos digital, 2015

"Oratorio profano autofagociti", "Sf...ere" n. 2, '78

"Il sacrificio", "Lucifero supplemento" n. 3, '79

"Don Giovanni minimo", in "Alieni nella notte", "Nova Sf*" n. 17, ed. Perseo libri, '89, "Delos" n. 9, '95-umoristico, racconta dell'arrivo, nell'appartamento di uno scapolo, di venditori provenienti da altre dimensioni, o galassie; e degli effetti dell'articolo acquistato, l'unico che aveva un qualche interesse: "...con questa Invenzione Mai Sperimentata, potrai avere tutte le ragazze che desideri." (pag. 218); (ed. Nova Sf*: pagg. 211-23).

"Mogli", "Futuro Europa" n. 2, ed. Perseo libri, '89-il solito racconto dalla comicità amara del Miglieruolo, con due uomini dalla mentalità retriva, razzista, a casa a bighellonare perché i robot hanno ormai preso tutti i posti di lavoro, che si ubriacano e sparlano. Dal finale, ancora, tragicomico. (pagg. 80-86).

"Papa Godzilla", "Futuro Europa" n. 3, ed. Perseo libri, '89-originariamente in tedesco, nell’antologia omonima a cura di Wolfgang Jeschke (Heyne, ’88)-"…irriverente e blasfemo…", si dice nell’introduzione, ed è infatti il racconto di come un’industria futura di umanoidi abbia offerto alla Chiesa un suo modello avanzatissimo, un papa cibernetico, che offrirebbe la possibilità di un ritorno alla Fede. Un papa perfetto, a cui ne seguirebbero altri, in una strategia sempre volta alla rinascita di una Chiesa morente. Dissacrante, come sempre Miglieruolo, non ci si stupisce che abbia faticato tanto per essere pubblicato in Italia. (pagg. 86-90).

"Osservatori", "Futuro Europa" n. 4, ed. Perseo libri, '89-ambientato in un futuro nel quale l’Uomo già vive anche su Marte e, sulla Terra, si aggirano degli alieni per osservarne i selvaggi abitanti, vede il tipico nuovo razzismo alla "Alien nation", e la solita lotta per la sopravvivenza dei disperati. Uguale sempre, Marte od alieni che siano. (pagg. 57-60).

"Amazzonia", "Futuro Europa" n. 5, ed. Perseo libri, '89-ecologico, racconta di una Roma futura ormai sotto una cupola fuori dalla quale non è più possibile vivere, nella quale un cronista scova uno scoop: una fabbrica, per ampliarsi, stà abbattendo un albero, "Forse l’ultimo esistente sulla faccia della terra." (pag. 101). (pagg. 92-101).

"Metamorfosi", "Futuro Europa" n. 6, "Le grandi firme della fantascienza" n. 7, ed. Perseo libri, '90, '97, poi in "L'ultimo Natale", "Quasar" n. 4, nuova serie, ed. Della vigna, 2018-ottimo racconto sul diverso, qui un "omino" che "Dava sul verde" (pag. 83), e si comporta in maniera a dir poco eccentrica. Quasi da bambino che non acceta le regole non scritte del convivere sociale: "…ti compiaci della tua fondamentale animalità, ricordando costantemente a tutti quella loro... Dopo tutto quello che hanno subito da piccoli per poter fingere di non esserlo più, fargli crollare ogni illusione è veramente crudele…" (pag. 85); e che poi si trasforma, "Finito tempo purgatorio. Ora metamorfosi." (pag. 86), e se ne vola via, indifferente a tutta la normalità. (pagg. 83-6 ed. "Futuro Europa").

"Riforestazione", "Futuro Europa" n. 7, ed. Perseo libri, '90-in un futuro nel quale il sovraffolamento ha imposto una coltivazione intensiva di alimenti ipernutrienti, qualcuno ha avuto un’idea tanto terrificante quanto… pratica. Nutrire le coltivazioni con le persone: "Il metabolismo umano per nutrire le piante, che nutrivano gli uomini, che nutrivano le piante un ciclo eterno interminabile, perfetto." (pag. 100). È raccontato tramite l’indagine dello stesso cronista di "Amazzonia", alla ricerca di uno scoop. (pagg. 91-100)

"Sopravvivenza", "Futuro Europa" n. 8, ed. Perseo libri, '91-ottimo, racconta di un atto di estrema nobiltà d’animo, da parte di un selezionatore dei pochi che potranno salvarsi in un rifugio antiatomico alla vigilia di un’apocalisse annunciata; questi, infatti, avendo dovuto valutare una donna, ed avendo capito che sarebbe stata ideale per il possibile risorgere dell’Umanità, decide di deprivare se stesso di quell’opportunità, e le concede ciò che chiedeva come condizione necessaria: l’inclusione anche di suo marito e dei suoi due figli. Solo che, di posti disponibili, ne rimanevano solamente quattro. (pagg. 135-40).

"La più grande fica di tutti i tempi", in "Fantascienza 1994", "Diesel extra" n. 10, '94

"Pazza", in "Fantasia", a cura di Franco Forte, "Raccolta Millelire" n. 5, ed. Stampa alternativa, '95, e, col titolo di "La...", "Futuro Europa" n. 21, ed. Perseo libri, '98, e "Classici della fantascienza italiana" n. 47, ed. Delos digital, 2015

"Robotina", "Futuro Europa" n. 14, ed. Perseo libri, '96-umoristico, ma di un’umorismo aspro, racconta di un giovane scienziato pazzo che inventa un modo per riprodurre una personalità umana in un robot. Solo che, questi, è anche un frustrato totale, sessualmente, e, per il prototipo, scesce una cantante di cui si è innamorato guardandola in Tv. Non pensa neppure, alla possibilità di tentarci, con lei. Ma poi anche il duplicato gli dà il due di picche. L’aspro, viene dal fatto che racconta, anche, la sessualità come è vissuta da molti, purtroppo. (pagg. 106-118)

"L'arte del finale, ovvero, racconto infinito", in "A Lucca, mai!", "Narratori europei di science fiction" n. 3, ed. Perseo libri, '96

"Coccodè", "Futuro Europa" n. 16, ed. Perseo libri, '97-dagli stessi protagonisti di "Robotina", è un racconto femminista, nel quale quello scienziato pazzo è andato avanti, nel suo progetto, e ha realizzato un androide apparentemente umano, con un cervello, letteralmente, di gallina. Ad uso, unicamento, di… letto. L’amico lo… prova, e ne rimane disgustato: "… un pezzo di carne cruda sagomata in forma di femmina… comprendi il significato della parola conoscere? Ebbene, quando sto con una donna la voglio conoscere…" (pag. 41). Poi la gallina… prenderà il sopravvento, e violenterà, frankensteinianamente, il suo creatore. (pagg. 36-43).

"Si è stancata di noi", "Futuro Europa" n. 22, ed. Perseo libri, '98-simbolico/ecologista, consiste unicamente nel discorso di uno scienziato ai suoi ospiti; ospiti scienziati come lui, e ad alti livelli. Discorso che, all’inizio, sembra la farneticazione di un folle, ma che, poi, rivelando segreti che avrebbero dovuto rimanere tali, comincia a rompere il ghiaccio dell’interesse. Quegli scienziati, infatti, sono, anche, degli uomini, e uomini preoccupati della loro Posizione, della loro Carriera. Il protagonista dice, in sintesi, che la vita, sulla Terra, stà per finire; ma che, loro, possono fare ancora qualcosa; ciò, è romanzato, reso, appunto, simbolicamente, cosa che lo rende decisamente più gradevole che se lo si fosse fatto in maniera diretta. Quando, poi, capisce che quella sua idea non ha nessuna possibilità di essere accetta, da quegli uomini, decide di non far permanere la tensione che si era venuta a creare a suo motivo, e ripiega sul dire che… era tutto uno scherzo. Ma, la fine…. (pagg. 149-63).

"Otto marzo", "Futuro Europa" n. 25, ed. Perseo libri, '99-poetico, è il sogno di un Paradiso di sole donne, un luogo di pace nel quale sembra essere assente ogni traccia di tensione. (pagg. 71-4).

"I nostri ideali", "Futuro Europa" n. 26, ed. Perseo libri, '99-nel quale la satira caustica dell’autore si scaglia contro il leghismo. In un futuro nel quale, la Lega Nord, ha ottenuto pienamente il proprio scopo, e governa sovrana la Padania, un piccolo gerarca (evidenti le simmetrie col regime fascista) commette un errore, si fa imbrogliare da un italo-marocchino. E deve riparare. Vorrebbe simulare una lite, fra di loro, e poi pagare il malcapitato per farsi una nuotata in un fiume gelido, d’inverno. Ma intervengono delle Camice verdi (nere), che la rendono per nulla simulata. E l’“immigrato” muore. Terribile, e terribilmente efficace, fra l’umoristico del tono e la tragicità di quanto si racconta. (pagg. 79-85).

"Libero mercato", "Futuro Europa" n. 28, ed. Perseo libri, 2001-divertente apologo sui limiti estremi che il libero mercato può raggiungere; vi si racconta, infatti, di un pianeta interamente adibito ai giochi erotici; i malcapitati sul quale vengono "…spolpati fisicamente e finanziariamente." (pag. 106). (pagg. 97-106)

"L'ubriacone errante",  "Futuro Europa" n. 29, ed. Perseo libri, 2001-umoristico, racconta, semplicemente, di un ubriacone spaziale, che vagola da pianeta a pianeta a scolarsene tutta la riserva di liquidi alcolici. Che, naturalmente, arriva sulla Terra. Il tutto è visto dalla parte del cameriere del bar in cui appare, che gli suggerirà un modo per abbreviare la sua permanenza che, però, lo renderà prigioniero del nostro pianeta. (pagg. 211-216).

"Odio", "Futuro Europa" n. 31, ed. Perseo libri, 2002-un uomo viene aggredito. Ma per due volte riesce a fuggire dal suo assassino. Quando, però, giunge a casa, e si sente in salvo, capisce che, quell’assassino, non era altro che la sua metà oscura, dalla quale non può fuggire. Tutto ciò è raccontato con un linguaggio particolarissimo, quasi abbreviato, accorciato, che segue, evidentemente, il linguaggio dell’inconscio. (pagg. 175-180).

"Essere", "Futuro Europa" n. 32, ed. Perseo libri, 2002-sperimentale, è un "…racconto sulla volontà di costruire un racconto…" (pag. 219). Senza alcuna trama, è, insomma, l’elucubrazione di uno scrittore che vuole scrivere un racconto su di sé, sul suo essere scrittore, con dentro, sé…. Incespicando ad ogni istante in gorghi dai quali fatica poi ad uscire. Autoreferenzialità. Per uno scrittore può risultare una lettura comprensibile, ma, forse, ad un semplice lettore potrebbe risultare incomprensibile. E non ha, comunque, alcun elemento fantastico. Nell’introduzione il Malaguti tira in ballo Borges, ma vi si è ben lontani. (pagg. 216-220).

"Conflitto d'interesse", "Futuro Europa" n. 33, ed. Perseo libri, 2003-in un futuro nel quale è possibile calcolare quanto manca alla propria morte, per quanto approssimativamente, un anziano lo fa, per poter avere un mutuo. Scopre così di avere un annetto, di vita. Sconvolto, comincia a pensare a cosa poter fare, e capisce che l’unica è sostituire il suo cuore malato. Ma il disastro della pubblica sanità si è molto aggravato, e deve ricorrere al mercato nero. E l’unico modo che riesce a trovare per trovare i finanziamenti è chiedere un prestito al Comune. Ed è qui che il sarcasmo del Miglieruolo trova il terreno più fertile, mostrando un sindaco fotocopia di Berlusconi, faccendiere e politico, col problema del titolo. In vero, non è pienamente riuscito, di suoi ve ne sono di ben migliori. (pagg. 229-235).

"Buone azioni", "Futuro Europa" n. 34, ed. Perseo libri, 2003-divertente, è una sorta di fiaba, nella quale il protagonista finisce, per aver fatto una buona azione, in uno strano luogo dove, gli dicono, devono ricompensarlo per aver "… aiutato il nostro Fratello assai inguaiato… l’Agente Galattico in Avaria n. Z15-S21A..." (pag. 27). E gli fanno esaudire i classici tre desideri. Ed è proprio la discussione coll’Aladino di turno il suo vero clou, divertente ed ironica, alla fine della quale il protagonista penserà di aver trovato il modo di fregarlo, e di aver ottenuto il meglio di quanto potesse. Ma si dovrà ricredere. (pagg. 25-30).

"Merda di cane", "Futuro Europa" n. 35, ed. Perseo libri, 2003-racconto politico, come molti dell’autore, nel quale si dice dell’arroganza, sintomatica di frustrazione repressa, dei vari "capetti", con poco cervello e molti muscoli. Ma che lo fa dilungandosi un po’ troppo sulla teoria, dicendo, cioè, troppo lungamente di ciò, tralasciando la narrazione vera e propria. (pagg. 221-32).

"Incontro con Lucifero", "Futuro Europa" n. 38, ed. Perseo libri, 2004, e "Classici della fantascienza italiana" n. 49, ed. Delos digital, 2015-nel quale uno scrittore bistrattato da editori e curatori incontra nientedimeno che il Diavolo, al bar sport; che si rivela essere, semplicemente, uno che ha avuto un destino molto simile. Umoristico, ha molti punti di stanca, e l’idea, non male, non è sviluppata al meglio delle sue potenzialità. (pagg. 235-46).

"Dietro il velo", "Robot" n. 50, ed. Delosbooks, 2007-che parte come un racconto che sembrerebbe assolutamente mainstream segnato dall’umorismo caustico solito del Miglieruolo, e che poi, improvvisamente, ha un’impennata, cambia totalmernte registro, e diventa qualcosa di molto forte, dicendo del Mondo Oltre il Muro, della Realtà oltre le convenzioni sociali: "Un verminoso covo di esseri ributtanti, in progressiva marcia di avvicenamento verso il nulla. Cortei di zombi, che cantavano in coro versi di intonazione animalesca e privi di armonia. Dolore e oscurità ovunque." (pag. 93). L’assistito dell’assistente sociale protagonista si era rivelato un alieno di una razza quasi angelica, al nostro confronto, che portava degli occhiali molto particolari, capaci, appunto, di vedere oltre. (pagg. 85-94)

"Vacanze a Marragirone", "Futuro Europa" n. 49, ed. Elara 2008

"Ognuno uno", "Futuro Europa" n. 50, ed. Elara 2008 e in appendice a "Come ladro di notte", "Urania collezione" n. 77, ed. Mondadori, 2009

"Sotto il deserto marziano", idem, con lo pseudonimo di Miguel Antunes Maliza de Madariaga y Villanueva y Misenfazi

"Come ho salvato la Terra da una orrenda invasione", in "Un calice di soli, un piatto di pianeti", a cura di Luigi Petruzzelli, "La botte piccola" n. 13, ed. Della vigna, 2011

"Infausto ritorno a Volterra", in "Volterra in giallo e nero", a cura di Pietro Gasparri e Luca Ortino, "Cocktail" n. 10, ed. Della vigna, 2011

"Ero tra gli invitati", in "I sogni di Cartesio", a cura di Giuseppe Panella e Luca Ortino, "La botte piccola" n. 16, ed. della Vigna, 2013

"In memoriam", in "Circo galattico", "Quasar" n. 1, nuova serie, ed. Della vigna, 2013

"Signora morte", "Classici della fantascienza italiana" n. 29, ed. Delos digital, 2014

"Storie senza qualità", "Robot" n. 74, ed. Delosbooks, 2015

"Nobilissima missione ignobile", in "Il prezzo del futuro", a cura di Gian Filippo Pizzo e Vittorio Catani, "Cose che voi umani", ed. La ponga, 2015

"Gesù al bar sport", "Terre di confine magazine" n. 4, 2015

"Dio è atterrato", "Classici della fantascienza italiana" n. 34, ed. Delos digital, 2015

"Il giardino dei rovi", "Classici della fantascienza italiana" n. 42, ed. Delos digital, 2015

Poesie: "Sta scritto", in appendice a "Vulcano 3", di P.K. Dick, "Urania" n. 320, ed. Mondadori, ’63

"Esaltazione", "Verso le stelle" n. 7, '67

"Ragione", idem

"Notte", idem

"Follia", "Verso le stelle" n. 8, '67

"Eco", idem

"Da lontano ho visto una campana", idem

"Ninfa di autunno", idem

"Pina", "Verso le stelle" n. 9

"Stà scritto", "Astralia" n. 2, '74

"L'ignoto", idem

"Da lontano ho udito una campana", idem

"Lamento di un robot immigrato", idem

"Rimane", "Astralia" n. 3, '75






[ Indietro ]

Prontuario narratori FS italiani

Copyright © di IntercoM Science Fiction Station - (558 letture)



Questo portale è realizzato con l'ausilio del CMS PhpNuke
Tutti i loghi e i marchi registrati appartengono ai rispettivi proprietari. I commenti sono di proprietà dei rispettivi autori.
Tutto il resto è ©2003-2006 di IntercoM Science Fiction Station. È Possibile usare il materiale di questo sito citandone la fonte.
Potete sindacare le news del portale di IntercoM usando il file backend.php