Home
Account
  Autori· Saggistica· Narrativa· Comics· Speciali· Cinema· Interviste· Musica CERCA   
     
Menu Principale

News precedenti

Venerdì, 05 febbraio
· Il Gondoliere
Venerdì, 15 gennaio
· Cinema d'animazione: tre esempi francesi
Mercoledì, 16 dicembre
· Fumetti Digitali
· VITA IN LETTERE (Novembre)
· VITA IN LETTERE - Ottobre 2009
Venerdì, 04 dicembre
· Il quinto principio di Vittorio Catani su Urania
Venerdì, 06 novembre
· Dalla fantascienza alla guerriglia mediatica
Martedì, 03 novembre
· De ''Gli Inganni di Locke Lamora'' e di altre stronzate...
Venerdì, 30 ottobre
· La narrativa di Ted Chiang
· VITA IN LETTERE - Settembre 2009
Martedì, 27 ottobre
· CORRADO MASTANTUONO - Tra Tex e Paperino: il disegnatore dei due mondi
Domenica, 11 ottobre
· Fissione
Domenica, 04 ottobre
· Yupanqui
Giovedì, 24 settembre
· VITA IN LETTERE - Agosto 2009
Martedì, 22 settembre
· VITA IN LETTERE (Agosto)
Martedì, 15 settembre
· Le lezioni sempre ignorate della Storia
Lunedì, 14 settembre
· Isole
Giovedì, 03 settembre
· I 10 libri da riscoprire
· VITA IN LETTERE (Luglio)
· VITA IN LETTERE - Luglio 2009
Sabato, 11 luglio
· L'ermetismo nei lavori di Alexey Andreev
Giovedì, 09 luglio
· VITA IN LETTERE (Giugno)
Domenica, 05 luglio
· I ciccioni esplosivi
Mercoledì, 01 luglio
· VITA IN LETTERE - Giugno 2009
· Futurama
Domenica, 21 giugno
· Venature
Domenica, 31 maggio
· VITA IN LETTERE (maggio)
Sabato, 16 maggio
· Il bacio della Valchiria
Giovedì, 14 maggio
· VITA IN LETTERE - Maggio 2009
Giovedì, 07 maggio
·

City of steel, city of air

Martedì, 28 aprile
· VITA IN LETTERE (aprile)
Lunedì, 27 aprile
· Ritratto di gruppo con signora
Martedì, 21 aprile
· L'ultima possibilità
Lunedì, 20 aprile
· J. G. Ballard
Giovedì, 16 aprile
· La voce nella notte
Giovedì, 02 aprile
· I primi dopo gli antichi persiani
Mercoledì, 01 aprile
· VITA IN LETTERE - Marzo 2009
Martedì, 31 marzo
· ''Il giudice di tutta la terra (The judge of all the earth)
Domenica, 29 marzo
· ''Amici assenti (Absent friends)''
Sabato, 28 marzo
· Considera le sue vie (Consider her ways - 1956) di John Wyndham (1903-1969)
Venerdì, 20 marzo
· ''A mezzanotte, tutti gli agenti…
(At Midnight, All the Agents...)''
Mercoledì, 11 marzo
· Vito Benicio Zingales e il Truccatore dei morti: intervista all’autore
· Vito Benicio Zingales: il Capolavoro noir è “Il truccatore dei morti”
Martedì, 10 marzo
· Timestealer
· Specchi irriflessi (The Tain - 2002) di China Miéville
Lunedì, 02 marzo
· La Rocca dei Celti
Domenica, 01 marzo
· Violazione di Codice
· QUANDO C'ERA IL MARE…
Domenica, 22 febbraio
· Rumspringa
Lunedì, 01 dicembre
· Il sogno delle 72 vergini

Articoli Vecchi

Area Riservata
Immaginaria/2


"Thule" n. 17, ed. Solfanelli, '88, 246 pagg., 14.000 £ (7,23 €); © by Marino Solfanelli Editore

HORROR


Altri contributi critici

-recensione di Giampaolo Martinez, "L'eternauta" n. 77, ed. Comic art, '89, pag. 47


Antologia che raccoglie i romanzi brevi vincitori del Premio "Tolkien" '86; ricordiamo che i racconti, vincitori e finalisti, di quell'edizione, sono raccolti in "Le ali della fantasia/7"; a questa sezione, in questa seconda annata, hanno partecipato tredici opere

Significativo il sottotitolo: "Tre romanzi horror".


È risultato vincitore "La villa morta", di Fabio Biasio (pagg. 15-99), con la seguente motivazione, data dalla giuria, che, ricordo, quell'anno fù composta da Oreste del Buono, Gianfranco de Turris, Mario Bernardi Guardi, Claudio de nardi, Giuseppe Lippi e Renato Pestriniero: "Per essere riuscito l'autore a descrivere, e comunicare, una eccezionale carica d'orrore, allo stesso tempo nitido e allucinato, descrivendo con stile personalissimo e inusitato che evita il dialogo diretto, la vicenda di una famiglia patrizia veneta alla fine del Settecento, allorchè con l'Illuminismo sembrano aver prevalso-ma solo in apparenza evidentemente-la Dea Ragione e la scienza.".

Oltre a quanto già detto nella motivazione, la cosa che caratterizza maggiormente questo romanzo breve è senz'altro il crescendo d'orrore, dapprima lento, che induce il lettore, conscio del genere di racconto che sta leggendo, a non trovarne affatto, per poi però diventare sempre più consistente, fino ad arrivare al finale, che è una vera e propria orgia orrorifica.

Secondo si è classificato "Il delirio", di Errico Passaro (anche, in 2 puntate, "Il delirio" e "Il signore della villa morta", "Secolo d'Italia" del 18 e 25 novembre 2001; pagg. 101-61), con la seguente motivazione: "Per aver trasmesso un sottile senso d'inquietudine, di caduta nel fantastico, di angosciosa consapevolezza di un cedimento ad un ordine orribile della realtà, attraverso l'avventura di un ex legionario fiumano calato nell'atmosfera dannunziana di una Roma Anni Venti raccontata con un linguaggio che si ispira a quello dell'Immaginifico."

Veramente brutto, non si capisce cosa possa essere stato pubblicato in una antologia di romanzi brevi fantastici, visto che non contiene alcun elemento fantastico.

Si tratta, infatti, di una storia d'amore con omicidio, certo molto morbosa, ma non per questo fantastica.

Terzo è "Il signore della morte", di Claudio Asciuti (pagg. 163-246), con la seguente motivazione: "Per aver dimostrato che è possibile scrivere un fantastico "moderno" e per così dire "sentimentale"; piacevole, interessante e di buona qualità senza cadere nell'astruso e nell'incomprensibile, ed in cui si fondano quotidianità dell'autore e finzione letteraria, narrativa e saggistica, coinvolgendo il lettore su diversi piani: realistico e simbolico, poetico e metafisico."

Veramente bellissimo, si divide in due parti molto ben distinte; la prima, intitolata come l'intero romanzo breve, è senza dubbio la meglio riuscita ed anche la più avvincente.

Vi si narra di una scrittore trentenne che incontra se stesso a cinquanta e poi a settant'anni, e questi lui più anziani gli svelano, in modi molto fantasiosi e molto spettacolari, che il suo destino sarà quello di sostituire il Dispensatore del Tempo, cioè colui che scrive i destini di tutta l'umanità.

Avvincente e divertente il modo con cui si passa da un livello all'altro della narrazione molto repentinamente.

Nella seconda parte, intitolata "La religione della morte", c'è lo stesso protagonista che vive però una vicenda lineare, più realistica e meno simbolica, tutta improntata al suo rapporto con la sua donna, denominata, così come anche nella prima, semplicemente Lei.

Ottima, come al solito, l'introduzione di Gianfranco de Turris.


Originariamente in "Algenib notizie" n. 16, ottobre '91


Saggi generici sul "Premio Tolkien":

"Premio Tolkien e dintorni", di Giancarlo Pellegrin, "Dimensione cosmica" n. 5, ed. Solfanelli, '85, pag. 32, da "Il mercatino", Trieste, 29/6-12/7/'85

"I ragazzi di fine secolo scrivono fantastico", di Oreste Del Buono, "Corriere della sera" del 4/6/'86


Gli altri volumi del Premio "Tolkien", in ordine cronologico:


"Le ali della fantasia"

"Le ali della fantasia/2"

"Le ali della fantasia/3"

"Le armi e gli amori"

"Le ali della fantasia/4"

"Le ali della fantasia/5"

"Il nido di là dell'ombra"

"Le ali della fantasia/6"

"Immaginaria/1"

"Le ali della fantasia/7"

questo

"L'altro volto della luna"






[ Indietro ]

Recensioni Fs italiana

Copyright © di IntercoM Science Fiction Station - (1149 letture)



Questo portale è realizzato con l'ausilio del CMS PhpNuke
Tutti i loghi e i marchi registrati appartengono ai rispettivi proprietari. I commenti sono di proprietà dei rispettivi autori.
Tutto il resto è ©2003-2006 di IntercoM Science Fiction Station. È Possibile usare il materiale di questo sito citandone la fonte.
Potete sindacare le news del portale di IntercoM usando il file backend.php